Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  30 ottobre 2020

AC/DC, gli ultimi giorni di Malcolm Young

Angus Young racconta gli ultimi giorni accanto al fratello e l'aiuto della musica a poche settimane dall'uscita del nuovo album degli AC/DC "Power Up"

Tra circa venti giorni saranno 3 anni dalla scomparsa di Malcolm Young, chitarrista e membro fondatore degli AC/DC che, quasi in contemporanea, si apprestano a pubblicare "Power Up", il primo album in studio dai tempi di "Rock Or Bust" del 2014. Malcolm morì dopo tre anni di lotta con la demenza, un periodo difficile per Angus Young che fondò con lui la band nel 1973 e che ora ha deciso di condividere con il NME alcuni momenti del suo ultimo periodo accanto al fratello. 

Gli ultimi giorni di Malcolm

Parlando delle ultime fasi della malattia trascorse al fianco di Malcolm, Angus Young ha rivelato di come abbia cercato di stargli accanto nella casa di cura di Sydney in cui era ricoverato utilizzando anche la musica per cercare di fargli sentire la sua presenza. "Gli suonavo un po' la chitarra - rivela Angus - e sembrava felice ogni volta che lo facevo. Gli facevo ascoltare della musica, una delle ultime cose che gli ho suonato è stato un disco dei Rolling Stones, quello in cui rifacevano un sacco di vecchie canzoni blues ("Blue and Lonesome") e lui pensava che fosse grandioso.".

A proposito della presenza di Malcolm nel prossimo album "Power Up", almeno nello spirito, Angus ha detto: "La sua morte è stato un colpo durissimo per noi ma penso che sia ancora lì quando suono. So che sembra strano ma io continuo a sentire che comunica con me quando suono la chitarra".

Malcolm Young e Power Up

Nei mesi che hanno preceduto l'annuncio ufficiale di "Power Up" una delle voci più ricorrenti, oltre al ritorno in formazione di Brian Johnson e Phil Rudd puntualmente rispettato, è stata quella delle presenza di Malcolm Young sul disco grazie a suoi vecchi riff. Sulla questione era tornato proprio Angus chiarendo quale sia stata l'effettiva influenza del fratello sul lavoro, una presenza non con delle vere e proprie registrazioni ma con lo spirito: "Il suo contributo - aveva detto Angus in un'intervista - è stato principalmente in termini di idee per le canzoni, che sono state fatte con me. Quindi è quello il suo contributo a tutto il disco, era con noi nello spirito e lo puoi sentire sempre. E' lì, specialmente con me, è sempre parte dei miei pensieri. Penso continuamente a lui, così come fanno gli altri della band. Nel 2018 il nostro manager ci ha chiesto se ci andava di fare un altro album - ha continuato il chitarrista - Avevo un sacco di materiale fatto con Malcolm e che avevamo raccolto nel corso degli anni e allora ho pensato di raccogliere le idee e vedere chi volesse far parte della cosa ed andare in studio. Volevano tutti partecipare al progetto, è stato fantastico. Brian, Cliff, Phil, Stevie, era fantastico il poter metterci insieme e fare ancora del rock'n'roll da fare ascoltare a tutto il mondo".

Se non era rock non gli interessava

Nel corso della chiacchierata con il magazine britannico, il rientrante cantante della formazione australiana Brian Johnson ha condiviso un altro ricordo di Malcolm, specificando quanto a lui interessasse solo il vero rock'n'roll: "Quando si parla di Malcolm bisogna sempre andare con la mente a quando iniziò tutto, quando si voltò verso Angus e disse:'Forza, dobbiamo formare una band, in giro c'è troppa musica moscia, io voglio suonare del rock'n'roll!'. Eticamente era uno che non scendeva a compromessi, se non era rock'n'roll, a Malcolm non interessava. Ci ha lasciato ma è ancora con noi, nello studio di registrazione e in tutto ciò che ha fatto e ne siamo ben consapevoli. Quando hai l'obiettivo di rendere omaggio a Malcolm vuoi farlo nel miglior modo possibile e non vuoi deludere nessuno".

Power Up

Anticipato dal singolo 'Shot In The Dark' che Angus descrive come "Un ottimo pezzo rock'n'roll con un bel ritornello che ti prende, di quelli che la ascolti e sai che siamo noi", "Power Up" è il diciassettesimo album in studio degli AC/DC, in uscita il prossimo 13 novembre.

Il disco arriva a distanza di sei anni dall'ultimo "Rock Or Bust". Per l'occasione gli AC/DC hanno richiamato il produttore Brendan O'Brien che aveva lavorato con loro già ai precedenti "Black Ice" e "Rock Or Bust".

In dodici tracce gli AC/DC propongono il loro classico rock fatto di ritmi granitici e rif rock indimenticabili. L'album, già disponibile in pre-order, arriverà in diversi formati: digitale, CD standard, Deluxe limited edition e 5 versioni di vinile (nero, giallo, rosso trasparente e opaco, picture disc).

La deluxe - limited edition, unica nel suo genere, è imperdibile per i collezionisti e i fan del gruppo. Premendo un bottone a lato della special box, si illuminerà il logo AC/DC mentre gli altoparlanti integrati faranno partire “Shot In The Dark”. Il cofanetto include il CD con booklet di 20 pagine, che contiene foto esclusive, e un cavo di alimentazione USB che permette di ricaricare la scatola.

Questa la tracklist di Power Up :

1. Realize

2. Rejection

3. Shot In The Dark

4. Through The Mists Of Time

5. Kick You When You’re Down

6. Witch’s Spell

7. Demon Fire

8. Wild Reputation

9. No Man’s Land

10. Systems Down

11. Money Shot

12. Code Red


AC/DC, gli ultimi giorni di Malcolm Young

AC/DC - Shot In The Dark (Official Video)

AC/DC - Shot In The Dark (Official Video)