Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  02 marzo 2021

Alice Cooper commenta le accuse a Marilyn Manson

Alice Cooper ha commentato le accuse di abusi che nelle ultime settimane hanno visto come protagonista Marilyn Manson

Alice Cooper ha voluto commentare le accuse che nelle ultime settimane hanno visto Marilyn Manson al centro di una bufera mediatica dopo che l'attrice Evan Rachel Wood ha denunciato il Reverendo per abusi fisici e mentali nei suoi confronti, seguita a ruota da numerose donne supportate anche da colleghi e collaboratori di Manson.

Cooper, che è una sorta di padre spirituale di Marilyn Manson e dello shock rock, ha voluto dire la sua sulla vicenda in una recente intervista con NME sottolineando che bisogna attendere che la giustizia faccia il suo corso.

Le accuse restano solo accuse

Intervistato dal NME per parlare del suo ultimo album "Detroit Stories", Alice Cooper ha commentato le tempesta di accuse che si è riversata su Manson costringendo la rockstar a chiudersi in casa e dire addio alla sua etichetta discografica, ai suoi progetti e addirittura al suo manager storico. A proposito di Manson, con cui è andato anche in tour negli Stati Uniti, Alice Cooper ha detto di essere rimasto sorpreso dalle dichiarazioni di tutti quelli che dipingono l' "Antichrist Superstar" come di un personaggio violento ed abusatore: "Credo sia strano, nel senso che conosco Marilyn e quando sono andato in tour con lui andavamo molto d'accordo. Non ho mai notato queste sue sfumature e, in ogni caso, le accuse restano sempre solo accuse".

Manson come Depp

La posizione di Cooper, quindi, è quella  che bisogna sempre aspettare che la giustizia faccia il suo corso prima di giungere conclusioni affrettate e a questo proposito ricorda l'episodio simile che ha coinvolto Johnny Depp, suo amico e compagno negli Hollywood Vampires e l'ex partner Amber Heard: "Johnny Depp e io siamo migliore amici e non l'ho mai visto alzare un dito su qualcuno, è una delle persone più gentili che ci siano. E tutte le sue ex fidanzate e mogli dicono la stessa cosa, quindi è davvero difficile credere che all'improvviso si sia trasformato in un mostro. Lo conosco, sono in tour con lui tutto il tempo, ed è una delle persone più gentili e innocue che abbia mai visto.

"Non conosco Marilyn bene come Johnny - ha poi concluso il rocker di Detroit - quindi, in ogni caso, ciò che accade nella sua stanza da letto resta per me un totale mistero".

Alice Cooper commenta le accuse a Marilyn Manson

Un nuovo album 'On The Road'

Nemmeno il tempo di pubblicare "Detroit Stories", progetto che Cooper ha già pronto in verità da quasi un anno, che Alice ha già in testa il prossimo disco. Come rivelato nel podcast condotto dal suo chitarrista Ryan Roxie, Alice Cooper ha pensato che il prossimo album potrebbe essere quello giusto per rendere omaggio alla sua touring band che da anni lo accompagna ma che non è mai stata l'unica protagonista in studio dove l'artista americano si affida sempre a numerosi collaboratori esterni.

L'idea di Cooper, quindi, è qualcosa che si trova a metà strada tra un live album e uno studio album e consiste nel registrare dal vivo su un palco una serie di inediti e farne un album:"Penso che sia l'unico modo per farlo, portarlo on the road. Scrivere ora le canzoni ma provarle durante i soundcheck on the road e, ad un certo punto del tour, registrare tutto il disco live in una delle venue in cui suoniamo".

Il fatto, secondo Cooper, è che sarebbe bello mostrare quanto la sua band sia compatta: "L'idea con questa band è quella di mostrare quanto sia compatta, quindi se scriviamo le canzoni, le proviamo e le registriamo on the road e poi chiamiamo il disco 'The Road' o 'Road', sarebbe già pronto il concept per un nuovo album che parlarebbe di storie on the road".