Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  28 ottobre 2020

Alice Cooper, HorrorBox è il suo gioco di carte

In tempo per Halloween il Padrino dello shock rock Alice Cooper ha prodotto un party game a tema horror

Se si pensa ad Halloween, all'immaginario spaventoso e horror c'è una rockstar che viene in mente prima di tutti: Alice Cooper. L'uomo che ha fatto dello shock rock un credo, colui che sul palco ha portato qualsiasi cosa utile a sorprendere e spaventare, dal sangue ai serpenti, tra un occhio bistrato di nero e qualche effetto speciale è di diritto a capo della notte più spaventosa dell'anno.

Non contento di quanto fatto fino ad ora in carriera, Alice Cooper ha deciso di produrre anche un nuovo gioco di società a tema horror, giusto in tempo per la notte del 31 ottobre: Horror Box.

HorrorBox

Nostro signore dello shock rock, Mr. Alice Cooper da Detroit, ha prodotto il nuovo party game HorrorBox in collaborazione con la casa editrice FITZ Games che ha dato vita ad un gioco di carte comedy e spettrale allo stesso tempo, tutto incentrato sulle tematiche horror. La rockstar ha scritto il gioco insieme a un team composto da appassionati di horror che hanno prodotto un set di carte diviso in tre tipologie: 'domande', 'risposte' e 'sfida'.

"Questo è il 2020, il che significa che tutte le cose sono al contrario - ha detto Alice Cooper in una nota - Passerete molto tempo a casa e quindi perché non giocare ad HorrorBox? E' qualcosa di completamente nuovo, divertente per tutti e io stesso ho dato una mano a scrivere buona parte del gioco. Potrete diventare voi stessi la Famiglia Addams, se è ciò che desiderate".

Il gioco

Tra le domande ci sono carte che riportano frasi come 'Il decimo cerchio dell'inferno è...' o 'Pennywise mi ha ingannato con...' mentre ci sono risposte come 'Organizzando la mia casa stregata come un AirBnB' o sfide che promettono lunghe serate di divertimento spaventoso, al netto del distanziamento sociale. Si chiederà, ad esempio, di 'bere qualcosa che sembra sangue' o di andare a bussare alla porta del vicino dicendogli 'tu sei il prossimo'.

La versione standard del gioco consiste in 420 carte ai quali si aggiungono delle espansioni tematiche come quella sui mostri o quella sugli alieni.

Lo stesso Alice Cooper ha svelato il gioco con un classico video di unboxing.


Detroit Stories

Alice Cooper ha pubblicato lo scorso maggio il singolo del ritorno dal titolo "Don't Give Up", un inno a resistere contro il coronavirus che fa da anticamera a "Detroit Stories", album già completato ma in attesa di pubblicazione, tutto incentrato completamente sulla sua città. Un'ode ad una capitale del rock come Detroit fatta utilizzando musicisti di Detroit e ospiti come Joe Bonamassa, Wayne Kramer dei MC5 e Mark Farner dei Grand Funk Railroad.

Pochi mesi fa Alice Cooper aveva parlato del disco con il nostro Nessuno in un'intervista in cui ci ha raccontato anche storie mirabolanti come le bevute con John Lennon e le scorribande con Salvador Dalì e i suoi calzini di Elvis.

Guarda l'intervista di Nessuno ad Alice Cooper di seguito:


Alice Cooper, HorrorBox è il suo gioco di carte