Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  17 giugno 2020
di Nessuno
Nessuno

American Utopia di David Byrne diventerà un film-concerto

La mente dei Talking Heads ha chiesto all'amico Spike Lee di dirigere la pellicola

Un film concerto diretto da Spike Lee che documenta l'eccezionale show American Utopia esibitosi a Broadway, di e con David Byrne, sarà presentato in anteprima su HBO entro la fine dell'anno. "È mio onore e privilegio che mio fratello d'arte, il signor David Byrne, mi abbia chiesto di unirmi a lui in concerto, per invitarmi nel suo magnifico mondo di utopia americana", ha detto Lee in una nota. "E questa è una cosa che capita "Once in a Lifetime" vero? Ci stai? Certo che sì. Pace e amore. Stai attento." 


David and Spike, partners in crime

"Spike e io abbiamo attraversato diverse strade nel corso degli anni, ovviamente sono un suo grande fan e finalmente qui è nata un'opportunità per noi di lavorare insieme", ha detto Byrne. “Sono assolutamente elettrizzato da quello che sarà il risultato. Lo spettacolo di Broadway è stata una sfida meravigliosa, oltre che un'opportunità: è stata una gioia esibirsi e, beh, è ​​stato meglio lasciare che le citazioni delle canzoni parlassero da sole. Sono contento che questo spettacolo e gli argomenti affrontati raggiungano ora un pubblico più ampio."

La produzione dello spettacolo ha visto Byrne cantare canzoni proveniente da ogni fase della sua carriera, tra cui alcuni dei classici dei Talking Heads, insieme a un corpo di 11 persone sul palco che ha ballato e portato i suoi strumenti sul palco anziché rimanere fermo. Lee ha impiegato 11 operatori di telecamere per catturare le parti in movimento della produzione.


Scaletta fatta di classici e momenti intensi


La scaletta di ogni serata includeva "Once in a Lifetime", "Burning Down the House", diversi estratti dall'album solista American Utopia di David Byrne e una interpretazione di "Hell You Talmbout" di Janelle Monáe, in cui Byrne e i musicisti chiamavano i nomi degli afroamericani che sono stati ingiustamente uccisi accompagnate dalle ricorrenti parole "say his name" o "say her name".

In una recente intervista per Rolling Stone, Byrne ha ricordato di aver avvicinato Janelle Monáe per avere il permesso di usare la canzone. "L'ha adorato", ha detto. “Sono stato un po 'sorpreso. Non c'era esitazione. Lei è molto generosa. Quindi ho continuato a chiederle: "Lo stiamo facendo a Broadway ora. Sei sicuro di essere d'accordo con tutto questo? "Sì", ha risposto. Pensavo di doverlo fare; ho dovuto controllare con lei e vedere cosa ne pensasse, perché altrimenti potrebbe sembrare piuttosto strano. Si tratta di diffondere il messaggio".


Le origini e le influenze musicali di David Byrne


La famiglia del frontman dei Talking Heads si stabilì a Baltimora dopo essere immigrata dalla Scozia negli anni '50, e durante i primi anni della sua vita David Byrne si affidò alla collezione di dischi dei suoi genitori, scoprendo la musica folk che gli ha in parte segnato la strada. "Leggevano il New York Times e ascoltavano i dischi di Woody Guthrie, puoi immaginare che tipo di famiglia fosse", ha detto Byrne a Pitchfork in una nuova intervista. "Nel 1962, stavo ancora ascoltando i dischi dei miei genitori ed ero vagamente consapevole che c'erano altre cose là fuori. ... Mi sono reso conto che questo sembra molto appetibile e carino in superficie, ma sotto c'è qualcosa di più oscuro."


American Utopia di David Byrne diventerà un film-concerto