Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  22 aprile 2020

Anche i Foo Fighters alla serata tributo dei Grammy a Prince

La band di Dave Grohl sul palco con molti altri artisti nella serata tributo andata in onda ieri sera sulla TV americana

Come già ampiamente annunciato la Recording Academy che organizza i Grammy Awards, aveva previsto di onorare Prince a quattro anni dalla morte con un concerto tributo dal cast stellare intitolato "Let's Go Crazy: The Grammy Salute To Prince". L'evento, registrato proprio a ridosso della cerimonia dei Grammy Awards, è stato filmato e trasmesso per la prima volta in TV dal canale americano CBS ieri sera, nel giorno in cui - nel 2016 - il corpo di Prince venne trovato senza vita all'interno della sua proprietà di Minneapolis, Pasley Park.

Ma chi ha partecipato al Grammy Salute To Prince?

Il cast salito sul palco del Los Angeles Convention Center comprendeva numerosi artisti che hanno reso omaggio a tutta la carriera dell'eclettico artista autore di hit come 'Purple Rain' e 'Kiss': dagli Earth Wind & Fire a St. Vincent a Beck, Chris Martin dei Coldplay, Mavis Staples e i Foo Fighters, tutta gente che in fatto di Grammy ne sa qualcosa.

A prendere parte all'evento, ovviamente, anche molti altri artisti che hanno incrociato il proprio percorso con Prince nel corso della loro carriera come Morris Day and The Time, The Revolution e la sua collaboratrice di lunga data, Sheila E. che ha chiuso la serata.

St. Vincent ha suonato la sua versione di 'Controversy', Beck si è lanciato nel rifare 'Raspberry Beret', Chris Martin si è unito a Susanna Hoffs delle Bangles per suonare 'Manic Monday', hit portata al successo da queste ultime ma scritta da Prince. Recentemente la Hoff aveva fatto lo stesso in un duetto casalingo a distanza con Billie Joe Armstrong dei Green Day.


I Foo Fighters e 'Darling Nikki'


La band capitanata da Dave Grohl si è esibita suonando una propria versione di 'Darling Nikki', brano contenuto nello storico album di Prince del 1984 "Purple Rain". All'epoca la canzone fece scalpore per i forti riferimenti a sfondo sessuale presenti nel testo e anche musicalmente era meno patinata e più adatta alla resa live rispetto allo standard di Prince dell'epoca. 'Darling Nikki' non è una novità nel repertorio dei Foo Fighters che più volte hanno suonato il brano dal vivo, inserendolo anche nella raccolta di cover "Medium Rare" pubblicata nel 2011.

"Sono cresciuto ascoltando la sua musica, sono un ragazzo degli anni '80, tra gli artisti pop era il più talentuoso di tutti - dice Dave Grohl in una clip registrata per l'evento - l'ho spiegato anche a mia figlia. Era il miglior bassista, il miglior chitarrista, il miglior batterista, il miglior cantante e il miglior ballerino. Era semplicemente il meglio".

Prince è stato recentemente anche protagonista di uno dei racconti affidati da Dave Grohl al suo nuovo account Instagram @davestruestories nel quale racconta aneddoti divertenti e particolari della sua pazza vita.

Il frontman dei Foo Fighters ha condiviso con i lettori la sua reazione alla scoperta che Prince avrebbe suonato uno dei brani della sua band, Time Like These, per l'halftime show del 2007, dicendo che non vide nemmeno l'esibizione in tempo reale perché si rifiutava di credere che potesse accadere davvero. Solo quando uno sconosciuto in strada lo fermò per dirgli che era successo, Prince aveva suonato un brano dei Foo Fighters davanti a una delle plaatee più vaste immaginabili, che Big Dave decise di fiondarsi al computer e rivedere lo show: "Ero sconvolto, sotto shock. Ero inondato da emozioni mentre le mie lacrime finivano sulla tastiera come la pioggia di Miami, quella notte. Mi ero reso conto che, senza dubbio, quel momento era stato il momento da musicista di cui andare maggiormente orgoglioso".


Anche i Foo Fighters alla serata tributo dei Grammy a Prince