Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  15 novembre 2021

Beatles, Paul McCartney e l'atmosfera di Get back

McCartney commenta l'atmosfera che traspare dall'atteso film documentario "Get Back" e dice di aver cambiato percezione sullo scioglimento dei Beatles

Paul McCartney ha commentato l'attesissimo film di Peter Jackson "The Beatles: Get Back" in arrivo la prossima settimana su Disney+ . La pellicola, dice Macca al Sunday Times, gli ha permesso di vivere con più serenità la fine dei Beatles cambiando totalmente la percezione dello scioglimento della band.

Cambio di percezione

La scorsa settimana è stato pubblicato del nuovo materiale inedito da "The Beatles:Get Back", film documentario in tre episodi realizzato dal regista de Il Signore degli Anelli Peter Jackson che sarà trasmesso in esclusiva su Disney + dal 25 al 27 novembre.

Nella clip i Fab Four sono alle prese con le prove di I've Got A Feeling' e il clima sembra diverso da quello teso passato alla storia, al punto che lo stesso Paul ha sottolineato quanto guardare quelle scene gli abbia ricordato il divertimento che c'era nell'aria:"La cosa davvero fantastica del film è che mostra noi quattro che ci divertiamo. Per me è stata una riconferma perché una delle cose importanti dei Beatles è che ognuno faceva ridere l'altro".

Nello specifico Macca parla di una scena in particolare a metà tra la composizione e il cazzeggio:"Ci sono queste immagini di me e John che facciamo 'Two Of Us' e, per qualche strana ragione, decidiamo di farla come dei ventriloqui. Fa morire dal ridere e mi dà la conferma che i miei ricordi dei Beatles sono di gioia e talento".

E a proposito della cambiamento della sua percezione sullo scioglimento dei Beatles dopo aver visto il film aggiunge:"In effetti è cambiata e si vede dalle immagini. Perché mi sono sempre raccontato la storia del lato oscuro dietro la fine dei Beatles e ho pensato che la colpa fosse mia. Quando c'è quell'atmosfera è facile pensarlo ma in fondo ai miei pensieri c'è sempre stata l'idea che non fosse davvero così, avevo solo bisogno di avere una prova".

Ma dopo lo scioglimento ci sarebbe potuta essere una reunion della band? Probabilmente no, o almeno questa era l'intenzione iniziale, ma con il senno di poi Macca crede che forse avrebbe potuto tentare un'ultima reunion con Lennon, prima che accadesse l'inevitabile:"Avevamo preso la decisione di non riunire più la band dopo lo scioglimento per non rovinare ciò che avevamo fatto e che aveva fatto il suo percorso. Avremmo potuto farlo? Probabilmente sì, e spesso mi capita di pensare quando scrivo una canzone che John sia lì con me a finire il verso successivo. Ho un Lennon virtuale sempre con me".


Beatles, Paul McCartney e l'atmosfera di Get back

Il trailer ufficiale di The Beatles: Get Back

Meno di un mese fa Disney ha pubblicato le immagini del primo trailer ufficiale di "The Beatles: Get Back".

Il film, diviso in tre puntate, racconta le registrazioni che nel gennaio 1969 portarono i Beatles a realizzare quello che, nato come il progetto di ritorno alle origini "Get Back", finì per diventare "Let It Be", ultimo disco pubblicato dalla band di Liverpool prima dello scioglimento l'anno seguente.

Da quelle sessioni tanto chiacchierate nacquero anche i brani che finiranno poi in "Abbey Road", uscito alla fine del 1969.

Le riprese, realizzate inizialmente per il film "Let It Be", sono state rielaborate, rimasterizzate e prodotte da Jackson che ha avuto accesso a molto più materiale di quello che fu poi effettivamente nella pellicola del 1970.

Ore e ore di girato che vengono proposte in una qualità altissima che portano lo spettatore all'interno della band, come in una macchina del tempo, mostrando dall'interno la scrittura e le registrazioni del disco ma anche l'attesa per il ritorno live one shot con il celebre 'rooftop concert'.

Il documento è di una grande importanza storica perché le cronache hanno sempre parlato dei Beatles come di una band arrivata ai minimi termini, lacerata dalle tensioni interne che, di lì a pochi mesi, avrebbero portato allo scioglimento dei Beatles.

La pellicola di Jackson, già accusata di revisionismo storico dalle prime persone che hanno potuto vederla, racconta invece di un gruppo di ragazzi che si diverte e collabora attivamente nello sforzo creativo nonostante lo stress e la tensione di dover consegnare un album da zero nel giro di tre settimane.

La docuserie è stata realizzata utilizzando circa 60 ore di girato inedito raccolto in più di 21 giorni e 150 ore di tracce audio mai ascoltate prima, quando il film originale di Michael Lindsay-Hogg durava solo 90 minuti.

Un archivio rimasto segreto negli studi di Abbey Road per 50 anni fino a quando Peter Jackson non ha avuto l'opportunità di metterci le mani per realizzare un suo ritratto intimo dei Fab Four.