Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  11 marzo 2020

Biffy Clyro, annunciata una data in Italia

Il trio rock scozzese porta a Milano "A Celebration Of Endings"

Poco per volta prende sempre più forma il 2020 dei Biffy Clyro che, dopo aver pubblicato due inediti e aver annunciato la data di uscita del nuovo album "A Celebration Of Endings", nelle scorse ore hanno anche svelato le date del tour europeo. Il trio scozzese passerà anche per l'Italia con una sola data prevista per il 29 ottobre 2020 al Lorenzini District di Milano

I biglietti saranno disponibili in presale sul sito della band dalle 11.00 del 18 marzo, su ticketone.it dalle 11.00 di venerdì 20 marzo e in tutte le prevendite autorizzate Ticketone dalle 11.00 di mercoledì 25 marzo.

Prezzo biglietti: € 35,00 + € 5,25 diritti di prevendita

L'energia degli show dal vivo dei Biffy Clyro è sempre enorme, tanto è vero che il frontman Simon Neil ha parlato recentemente nel podcast 'Slacker' di come abbia problemi di udito dovuti al volume dei suoi live show e di come avrebbe fatto meglio ad ascoltare The Who.

"Quando abbiamo suonato con The Who, Pete Townshend e Roger Daltrey, mi hanno messo in guardia dal volume delle mie chitarre e, ad essere onesti, loro hanno sbattuto il muso sul perché uno non dovrebbe essere così rumoroso ( Townshend soffre da tempo di acufene e problemi di udito Ndr) . In due occasioni distinte e separate, nel corso della stessa estate, The Who ci hanno detto che i nostri volumi sono scandalosamente alti. Per un paio di mesi mi sono detto, wow, siamo troppo rumorosi per The Who!".

Il nono album dei Biffy Clyro, "A Celebration Of Endings" uscirà il prossimo 15 maggio ed è stato anticipato da 'Instant History' - che mischia la carica della band a un uso massiccio di synth e beat elettronici - ed 'End Of' che spinge di più sulle chitarre rumorose tipiche dei Biffy, riuscendo a mantenere la giusta dose di imprevedibilità con variazioni sparse all'interno del brano.

 Simon Neil "Questo è un album molto lungimirante da una prospettiva sia personale che sociale - ha dichiarato il frontman Simon Neil - Il titolo fa riferimento al vedere la gioia nel cambiamento, piuttosto che la tristezza. Cambiare significa progredire ed evolvere. Puoi conservare tutto ciò che hai amato ma dimentica tutte le cose brutte! Si tratta di riprendere il controllo”.

"Tutto l'album ci rappresenta al meglio come band, e come intera società. Abbiamo bisogno di imparare dal buono, dal brutto e dal cattivo. Possiamo rendere il mondo un posto migliore per tutti, sembra così sdolcinato ma è in nostro potere".

La scelta di usare un brano dal sound ibrido come 'Instant History' per il gran ritorno è stata voluta: "Abbiamo voluto iniziare con il brano che più si differenziava all'interno dell'album" - ha dichiarato Simon Neil a proposito del primo singolo - 'Instant History' è la canzone più pop a cui abbiamo mai lavorato, una fantastica dichiarazione d'apertura che pone bene l'attenzione sul tema di tutto il lavoro: imparare dagli errori e capire come andare avanti. Le cose possono essere simili senza mai essere le stesse ma non per questo dobbiamo esserne spaventati".

"L’opening track “North of No South” colpisce duro prima di lasciare spazio alle armonie vocali in stile Queen dei fratelli Johnston. Mentre prima del pianoforte di “The Champ”, uno script cinematografico (realizzato da Rob Mathes , collaboratore di Bruce Springsteen, agli Abbey Road) e la jam ritmica dei Biffy si uniscono senza mai perdere la propria raffinatezza - si legge nella nota stampa che accompagna l'annuncio di "A Celebration Of Endings" -

"Altri brani sono più diretti. “Tiny Indoor Fireworks” è il miglior inno rock scritto dalla band. E’ un brano accattivante, melodico e leggero, talmente naturale da far pensare di essere stato concepito in pochi minuti. “Space” è il naturale successore delle hit “Many of Horror” e “Rearrange”, un sincero messaggio di riconciliazione per qualcuno che si ama, uno dei momenti più teneri nella carriera dei Biffy Clyro. Come concludere un album con così tali diversità? I Biffy si lanciano a testa bassa in “Cop Syrup”. C’è la frenesia di “The Vertigo of Bliss”, una breve deviazione nello stile grunge della Sub Pop e urla maniacali che non stonerebbero in un album dei Liturgy. Poi cambia di nuovo, prima in un’orchestrazione eterea e poi in una conclusiva esplosione di potenza. Un finale da celebrare".

"Dopo aver pubblicato 'Balance, Not Symmetry' lo scorso anno - ha spiegato il cantante in un'intervista con Kerrang! - abbiamo avvertito meno responsabilità. Siamo tornati a lavorare con Rich Costey una seconda volta dopo 'Ellipsis' e tutto è diventato più facile, più lavori con una persona e più la comunicazione diventa facile, anche senza bisogno di parole. Paragono 'Ellipsis' a 'Blackened Sky' e 'Puzzle', che erano i primi dischi che abbiamo fatto con i rispettivi produttori, sono lavori abbastanza puliti, e si sente che stavamo ancora prendendo le misure. Questo disco è in linea con 'The Vertigo Of Bliss' e 'Only Revolutions', quello che stiamo cercando di ottenere è cercare di prendere forma e fiorire. Ci sentivamo senza paura su quei dischi ed è bello sentire che stiamo cercando di trovare la nostra strada".​

I Biffy Clyro saranno anche tra gli artisti che pubblicheranno un disco speciale in occasione del Record Store Day 2020 previsto per il 18 aprile. La release dei Biffy si chiamerà "Moderns" e conterrà due cover: 'Modern Love' di David Bowie e 'Modern Leper' dei Frightened Rabbit.



Biffy Clyro, annunciata una data in Italia

Biffy Clyro - End Of (Official Audio)

Biffy Clyro - End Of (Official Audio)