Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  29 ottobre 2020

Billy Corgan, NIN e altri per un concerto tributo a Bowie

Si chiamerà A Bowie Celebration lo show in streaming che si terrà il prossimo 8 gennaio. Svelato, intanto, il trailer del biopic ispirato a Bowie: "Stardust"

L'8 gennaio 2021 David Bowie compirebbe 74 anni, una settimana in cui quattro anni fa  è 'nato', 'morto' - il 10 gennaio - e risorto in forma di stella nera. Per ricordare uno degli artisti più influenti della storia, il pianista statunitense Mark Garson che ha lavorato con Bowie ma anche con Nine Inch Nails e Smashhing Pumpkins, ha organizzato un concerto celebrativo che coinvolgerà numerosi amici e colleghi nel ricordo del Duca Bianco.

A Bowie Celebration

Si chiama "A Bowie Celebration: Just For One Day!" l'evento organizzato da Garson che sarà trasmesso in live streaming e che vedrà protagonisti molti musicisti che hanno accompagnato Bowie sul palcom, oltre a tanti ospiti. La band sarà composta dai musicisti che hanno fatto parte della sua ultima formazione live - oltre a Garson, Gail Ann Dorsey, Earl Slick, Sterling Campbell, Gerry Leonard e Catherin Russell - e altri collaboratori come Carlos Alomar, Zack Alford, Alan Childs, Clare Hirst, Tim Lefebvre, Mark Plati, Holly Palmer, Carmine Rojams Kevin Armstrong, Robin Clark, Emm Gryner, Omar Hakim, Erdal Kızılçay e Charlie Sexton.

Tra gli ospiti, invece, ci saranno Billy Corgan degli Smashing Pumpkins, Trent Reznor dei Nine inch Nails, Perry Farrell dei Jane's Addiction, Gavin Rossdale dei Bush, Ian Astbury, Lzzy Hale degli Halestorm, Macy Gray, Lena Hall, Judith Hill, Corey Glover dei Living Colour, Joe Elliott dei Def Leppard e l'attore Gary Oldman.

"Ho raggiunto amici che hanno suonato con Bowie, gente che è cresciuta ascoltandolo, quelli influenzati da lui - ha detto Garson - tutti gli artisti con cui ho parlato di volta in volta hanno capito la mia visione e hanno risposto in maniera entusiasta. Questa è la magia della sua eredità, come molti grandi cantautori prima di lui, David ha lasciato il mondo con una collezione di musica senza tempo e questo è un momento perfetto per condividerla in un modo così unico e catartico".

I biglietti sono già disponibili qui  e ci sono anche una serie di VIP ticket che consentono di ricevere merchandising o avere un accesso privato alla sala prove e al preshow, oltre ad una sessione di Q&A con i membri della band.

Stardust

Arriva intanto il primo trailer di "Stardust", il biopic su David Bowie presentato pochi giorni fa, al Festival del Cinema di Roma. La pellicola, mai riconosciuta ufficialmente dalla famiglia dell'artista, vede protagonista il musicista folk e attore Johnny Flynn nei panni di Bowie e arriverà nelle sale americane il prossimo 25 novembre.

La storia segue la trasformazione del personaggio di Bowie dalla fase Hunky Dory in Ziggy Stardust.


Metrobolist

Il prossimo 6 novembre saranno 50 anni dalla release del terzo album di Bowie, "The Man Who Sold The World", che per l'occasione tornerà disponibile in una versione speciale con un remix 2020 curato dallo storico produttore Tony Visconti e, soprattutto, un artwork completamente diverso basato sulla prima versione del disco. Si chiamerà, infatti, "Metrobolist" come il nome originariamente dato all'album in tributo a a "Metropolis" di Fritz Lang.

La copertina è il disegno creato da Mike Weller per la prima versione del disco. David aveva espresso personalmente il concept dietro a Metrobolist e la sua idea riguardo la copertina da produrre e ora, grazie a quest’uscita, si può finalmente vedere più da vicino il concept originale. Nel 2000, Bowie si è espresso sulla copertina "Mick Weller ha ideato questa specie di cartone animato sovversivo e ci ha messo dentro alcuni elementi biografici. L’edificio sullo sfondo del cartone animato è infatti l’ospedale dove il mio fratellastro era stato internato. Per questo motivo è per me un elemento con una forte rilevanza personale.”


Billy Corgan, NIN e altri per un concerto tributo a Bowie