Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  08 ottobre 2021

Black Sabbath, Bill Ward vorrebbe fare un ultimo album

Il batterista dei Black Sabbath sta spingendo per registrare un ultimo album con la leggendaria band di Ozzy Osbourne

Il batterista dei Black Sabbath, Bill Ward, ha detto di essere pronto a registrare un ultimo disco con la storica band heavy metal britannica e di averne parlato con il management.

Come fratelli

Bill Ward, batterista dei Black Sabbath fino al 2012 quando è stato sostituito da Brad Wilk dei RATM per l'ultimo album della band "13", ha dichiarato di voler tornare a registrare un ultimo disco con la band.

Intervistato da Metro, Ward ha dichiarato di aver parlato recentemente con Ozzy Osbourne con il quale i rapporti sembrano essersi sanati dopo l'addio alla band quasi 10 anni fa e di essere pronto a registrare un ultimo disco.

Ward, 73 anni, ha detto di non avere alcun sentimento negativo nei confronti degli altri membri dei Sabbath:"Ho parlato con Ozzy un paio di sere fa. Sono successe un sacco di cose tra di noi e ho dovuto costruirmi delle barriere ma non penso male di loro. Ho lavorato con Tony Iommi dal 1964, quando avevamo 16 anni. Sono fratelli per me, gli voglio bene".

"Per quel che mi riguarda la storia con i Sabbath non è ancora conclusa" - ha aggiunto - "Sono pieno di vita e sto scrivendo come un dannato".

Un ultimo album

Parlando della possibilità di registrare un ultimo disco con i Black Sabbath, Ward ha aggiunto:"L'oggetto della discordia principale è la registrazione di un nuovo album. Voglio fare un altro album, non necessariamente dal vivo perché guardo a ciò che posso fare, realisticamente. Ora suono la batteria in modo molto più pesante man mano che invecchio. Non ne ho parlato con i ragazzi ma ho parlato della possibilità di registrare un disco con qualcuno del management. Cosa che posso fare in maniera sicura anche quando in giro c'è il COVID. Posso preparare le tracce nel mio studio a Los Angeles, sono molto disponibile in questo senso".

La separazione tra Ward e i Black Sabbath avvenne quasi all'improvviso poco prima delle registrazioni dell'album della reunion "13". Se da una parte il batterista aveva attribuito la scelta a motivi contrattuali, dal lato dei Sabbath si parlava di un fisico non sufficiente a rispettare gli standard della band.

Lo stesso Ward pochi mesi fa aveva rivelato di non essere più assolutamente in grado di avere l'energia e il fisico necessari a suonare nuovamente dal vivo con i Black Sabbath. Già in quell'occasione il batterista aveva lanciato l'idea di soddisfare questa sua volontà e registrare un ultimo disco con Ozzy e compagni.

Lo stesso Ozzy, a dir la verità, ha espresso a più riprese nel corso degli anni il suo grande dispiacere per aver chiuso il "The End Tour", ultimo tour dei Black Sabbath, senza Ward.


Black Sabbath, Bill Ward vorrebbe fare un ultimo album

Il nuovo album di Ozzy

Ozzy Osbourne, dal canto suo, è molto impegnato con il seguito di "Ordinary Man". In studio per registrare il nuovo album, Ozzy si sta circondando di grandi musicisti come Eric Clapton e Jeff Beck, oltre ad affidarsi al fidato Zakk Wylde e al suo compagno di mille battaglie nei Black Sabbath, Tony Iommi.

Parlando nella sua tramissione radiofonica su Sirius XM pochi giorni fa, Ozzy ha parlato del lavoro in studio per il nuovo disco che sta facendo con il produttore Andrew Watt, vero centro del progetto, Chad Smith dei Red Hot Chili Peppers e collaboratori come Rob Trujillo dei Metallica e Taylor Hawkins dei Foo Fighters.

A proposito dei guitar hero ospiti sul disco, Ozzy ha raccontato come funziona la collaborazione con artisti del genere:"Scrivi un pezzo, gli chiedi di cantare o suonare ed è fatta. E' il bello di lavorare con altre persone. L'aspetto negativo è che se non funziona non puoi semplicemente lasciar perdere perché li faresti incazzare".

A proposito del featuring di Eric Clapton sul disco, Ozzy ha detto:"Uno dei versi della canzone su cui ha suonato Eric Clapton parlava di Gesù e non era molto convinto. Poi alla fine è andata tutto bene e il suo assolo è davvero buono".