Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  11 novembre 2020

Black Sabbath, Ozzy Osbourne e Tony Iommi si stanno riavvicinando

Ozzy Osbourne ha raccontato di come il suo rapporto con il chitarrista dei Sabbath Tony Iommi sia più solido che mai

Si dice che i momenti difficili aiutino davvero a capire chi ci è amico e chi no. Del resto come ricorda la massima? Gli amici si vedono nel momento del bisogno e di momenti difficili negli ultimi anni Ozzy Osbourne ne ha vissuti davvero tanti. Prima incidenti domestici sparsi, poi l'annuncio del Parkinson e poi una pandemia che ha premuto il tasto stop in tutto il mondo.

Ma Ozzy in questi mesi non è rimasto da solo, ha avuto accanto l'inseparabile moglie Sharon, i figli e anche un amico di vecchia data che proprio in questo periodo complicato pare essersi avvicinato come mai al Principe delle Tenebre.

Gli amici nel momento del bisogno

Parlando dei 40 anni compiuti pochi giorni fa dall'album che segnò il debutto solista del frontman dei Black Sabbath, "Blizzard Of Ozz", il cantante inglese ha parlato con l'emittente 106.5 WSFL dell'album ma anche della relazione con il chitarrista dei Sabbath, Tony Iommi che sembra essere in una fase positiva.

Il rapporto tra i due è sempre stato conflittuale nel corso dei decenni ma questi mesi complicati che hanno costretto Ozzy ad affrontare riposo, riabilitazione, viaggi alla ricerca di cure e continui rinvii del tour hanno avuto come alleato anche Iommi che non ha fatto mai mancare il suo supporto. "Da quando sono stato costretto a letto per gli ultimi 18 mesi, Tony Iommi è stato di grande aiuto per me, è stato davvero un grande supporto. Nono sono mai stato così vicino a lui in tutta la mia vita come in questi 18 mesi. Non siamo andati d'accordo per anni ma qualsiasi cosa abbia fatto lui o abbia fatto io..." ha detto Ozzy, lasciando cadere nel vuoto la frase come a sottolineare che ormai non conta più, è tutta acqua passata.

Un altro personaggio che ha aiutato molto l'ex frontman dei Black Sabbath in questo periodo è stato, a sorpresa, Jonathan Davis dei Korn a dispetto di quella che non si può proprio chiamare un'amicizia: "Jonathan dei Korn è un altro che mi ha supportato molto, e a stento ci conoscevamo dopo esserci incontrati ai vari Ozzfest. Quando sei costretto a letto scopri chi sono i tuoi veri amici. Quando sei in quello stato è davvero importante che qualcuno si interessi a te, ti regali un pensiero. Non hai bisogno di altro, una chiamata, un messaggio, vuol dire tutto per me".

Il No More Tours 2 rinviato al 2022

Pur essendo riuscito a pubblicare un album ad un soffio dallo scoppio della pandemia ad inizio anno, quell' "Ordinary Man" che lo ha visto tornare con uno degli album più belli della sua carriera, Ozzy ha avuto seri problemi a gestire la situazione live. Il No More Tours 2 si è infatti, poco per volta, tramutato in realtà rischiando davvero che l'ex Sabbath non tornasse più su un palco continuando ad aggiungere rinvii su rinvii. Alla fine l'ultimo spostamento ha portato il tour di Ozzy Osbourne a slittare di un altro anno con partenza il 22 gennaio da Berlino e unica data italiana poche settimane dopo.

Ozzy Osbourne avrebbe dovuto suonare in Italia proprio in questi giorni ma, pur non cambiando la location, l'Unipol Arena di Bologna, bisognerà attendere l'8 febbraio 2022 per poter sperare di vedere nuovamente sul palco Ozzy. Come ospiti speciali prima di lui sul palco salirà un'altra band simbolo del metal britannico, i Judas Priest.

I biglietti precedentemente acquistati rimarranno validi per le nuove date.

“Voglio davvero ringraziare i miei fan per la loro fedeltà e per aver aspettato - è il messaggio che Ozzy ha mandato al suo pubblico - Credetemi, non vedo l’ora di rivedervi tutti. Ora state al sicuro. Vi amo!”


In studio per il nuovo album

Nonostante i capelli bianchi e il viso affaticato mostrati in alcuni scatti dei paparazzi nei mesi scorsi, Ozzy Osbourne non ha minimamente intenzione di mollare. Ordinary Man, uscito il 21 febbraio 2020, ha mostrato un Ozzy in forma smagliante a 10 anni dal precedente "Scream", un lavoro che ha visto coinvolti Chad Smith dei Red Hot Chili Peppers, Duff McKagan dei Guns N'Roses con l'aggiunta di collaboratori d'eccellenza come Slash, Elton John e Post Malone. La produzione e le chitarre, sono state affidate all'ormai fedele Andrew Watt, produttore giovane ma già diventato un punto di riferimento per la scena americana e che è pronto ad affiancare Ozzy in una nuova avventura. Dopo un primo stop causato dal coronavirus, Watt è forse stato tra i primi musicisti ad annunciare di aver contratto il COVID-19 raccontandone la pericolosità anche per un giovane uomo in salute come lui, Ozzy sembra infatti intenzionato a dare vita a quello che potrebbe essere il suo ultimo capitolo discografico. "Nessuno può fermarlo - aveva detto la moglie del rocker britannico Sharon durante l'estate - lo sta facendo! Sta cominciando a lavorare al secondo album con Andrew Watt proprio in questi giorni. E non puoi fermarlo, è già all'opera."


Black Sabbath, Ozzy Osbourne e Tony Iommi si stanno riavvicinando

Ozzy Osbourne - Ordinary Man (Official Music Video) ft. Elton John

"Ordinary Man" available at: https://OZZY.lnk.to/OrdinaryMan Director: Stephen Lee Carr Producers: Sharon Osbourne, Jack Osbourne, Peter Glowski, R. Greg Johnston, Stephen Lee Carr Production Company: Lesson 5 Entertainment, Inc. Follow Ozzy Osbourne: Facebook: https://www.facebook.com/ozzyosbourne Instagram: https://www.twitter.com/ozzyosbourne Twitter: https://www.twitter.com/ozzyosbourne Website: https://www.ozzy.com Spotify: http://bit.ly/ozzyosbournespotify YouTube: https://www.youtube.com/ozzyosbourne (C) 2020 Epic Records, a division of Sony Music Entertainment