Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  31 maggio 2021

Bob Dylan, un suo album restituito dopo 48 anni

In Ohio un uomo ha riconsegnato un album di Bob Dylan alla libreria locale dopo 48 anni

Un uomo ha consegnato la sua copia di un album di Bob Dylan noleggiata in una libreria dell'Ohio dopo ben 48 anni.


Un noleggio lungo 48 anni

Arriva dagli Stati uniti questa storia che ha dell'incredibile e che ha per protagonista un uomo e la sua copia di "Self Portrait", controverso album pubblicato nel 1970 Bob Dylan, tra i più criticati nella prima parte della carriera del cantautore che pochi giorni fa ha compiuto 80 anni.

Howard Simon, questo il suo uomo, avrebbe infatti restituito la sua copia di "Self Portrait" presa a noleggio in una libreria dell'Ohio dopo ben 48 anni.

Simon aveva preso la sua copia del disco di Dylan dalla University Heights Library nella primavera del 1973, quando aveva solo 14 anni.

L'uomo ha poi restituito la sua copia di Self Portrait solo questa settimana allegando una lettera pubblicata dai social della biblioteca in cui spiega il motivo per cui ha impiegato ben 48 anni per restituire il suo disco.


Bob Dylan, un suo album restituito dopo 48 anni

Il motivo del ritardo

A raccontare la vicenda è la direttrice della biblioteca Sara Philips che ha parlato di quando si è vista recapitare il disco in una confezione contrassegnata dal timbro della posta di San Francisco.

"Essendo da poco andato in pensione - scrive Simon nella lettera - ho avuto l'opportunità di prestare attenzione ad alcuni momenti della mia vita che a causa della famiglia e della carriera ho trascurato per molti anni".

Tra queste cose trascurate, inutile dirlo, anche il disco pubblicato da Dylan nel 1970 da restituire alla biblioteca: "Per questo restituisco questo disco in ritardo (un ritardo che, stando ai miei calcoli, ammonta a circa 17480 giorni) dopo averlo preso in prestito dalla libreria nella primavera del 1973 quando avevo 14 anni e frequentavo la Wiley. So di essere un po' in ritardo, mi dispiace".

Stando alle penali utilizzate all'epoca per i ritardi, cioè 10 centesimi per ogni giorno di ritardo, l'uomo avrebbe dovuto pagare una mora di 1748 dollari, cifra che ha simbolicamente ripagato con un forfait di 175 dollari e la copia di uno dei suoi dischi.

"La cosa divertente", ha spiegato la direttrice, "è che non facciamo più pagare alcuna mora a patto che gli oggetti ci vengano restituiti, non ne vediamo il motivo. Siamo grati che Mr.Simon ci abbia restituto il disco, direi che ora siamo pari".