Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  09 giugno 2020
di Nessuno
Nessuno

Brian May è il più grande di tutti

Secondo la rivista Total Guitar il 72enne chitarrista dei Queen è il più grande di tutti i tempi

Brian May dei Queen è stato nominato il più grande chitarrista di tutti i tempi dai lettori della rivista Total Guitar del Regno Unito. Il 72enne ha battuto altre leggende della chitarra come Eric Clapton, Eddie Van Halen, Jimmy Page e Jimi Hendrix.

Il commento a caldo


Parlando con Total Guitar, May ha detto: "Sono assolutamente senza parole. Sono colpito. Devo dire che è completamente inaspettato. Ovviamente, sono profondamente commosso dal fatto che la gente la pensi così. Non m'illudo nemmeno, tecnicamente, di essere sulla scia dei grandi chitarristi". Ha poi continuato: "Immagino che questo dica che ciò che ho fatto ha influenzato le persone, e questo significa moltissimo per me. Non pretenderò mai di essere un grande chitarrista nel senso di, sai, un virtuoso. Provo solo a suonare dal mio cuore e questo è tutto.” 


Davanti a Hendrix

Battendo Hendrix al primo posto, May ha detto: "Oh mio Dio! Beh, è ​​un onore. Jimi è, ovviamente, il mio numero uno. E l'ho sempre detto. Per me, è ancora qualcosa di sovrumano. È come se davvero venisse da un pianeta alieno, e non saprò mai esattamente come ha fatto quello che ha fatto. E ogni volta che torno a Hendrix sono elettrizzato e sbalordito, e riesco a ritrovare quella sensazione di nuovo, l'intenzione di rinunciare a suonare la chitarra perché non riesco a confrontarmi con questo, o dovrò davvero affrontarlo in grande stile e provare a fare ciò che è nel mio corpo e nella mia anima. Non smetto mai di imparare da Jimi. Stranamente, in questi giorni raramente suono le sue cose, ma è un po 'dentro di me."


Le altre influenze

Alla domanda su come Page lo abbia influenzato, il nostro ha detto: "È quasi della mia generazione, ma un po' più grande, e siamo andati nella stessa scuola elementare, sebbene, credo, fosse due o tre anni prima di me - e questo è molto quando sei piccolo. Quindi ho sempre guardato verso di lui, devo dire, perché è un po' un ragazzo del vicinato per me. Stranamente, viviamo abbastanza vicini l'uno all'altro in questo momento. Per me, è un maestro dell'invenzione. E lui è una delle forze maggiori nel definire come l'heavy rock è diventato quando stava nascendo. Non mi stanco mai di ascoltare quegli album e non lo farò mai. È una sensazione divertente, dato che eravamo ragazzi che cercavano di fare le loro cose e sperando che un giorno avremmo potuto essere delle rockstar e vivere quella vita, e quando ho ascoltato "Communication Breakdown" e "Good Times Bad Times", ricordo di aver avuto quella sensazione, "Oh mio Dio, lui sta facendo quello che io voglio fare, quindi o mi arrendo oppure devo provare con tutte le mie forze."


Brian May è il più grande di tutti