Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  14 dicembre 2020

Bruce Springsteen di nuovo sul palco con la E Street Band

Springsteen è tornato a suonare con la E Street Band al SNL e da Fallon ha raccontato di quando ascoltò per la prima volta Born To Run

Durante lo scorso weekend il Boss Bruce Springsteen è tornato per la prima volta dopo circa quattro anni ad esibirsi in pubblico con la E Street Band, anche se non al completo.

Il leggendario rocker del New Jersey, che ha pubblicato di recente l'ultimo album "Letter To You", è stato ospite della puntata del Saturday Night Live di sabato scorso durante la quale ha suonato due estratti dal suo nuovo lavoro.


Le esibizioni di Springsteen con la E Street Band al SNL

Bruce Springsteen è salito sul palco del Saturday Night Live introdotto dal presentatore speciale della puntata, l'attore americano Timothée Chalamet, star del film Oscar di Luca Guadagnino 'Chiamami col tuo nome'. Con il Boss i fedeli compagni della E Street Band che proprio in "Letter To You" hanno ripreso a guardargli le spalle, anche se con un paio di defezioni. Per le restrizioni causate dal coronavirus, infatti, alcuni membri della storica formazione non hanno avuto la possibilità di esibirsi e, nello specifico, il bassista Garry Tallent e la violinista Soozie Tyrell assenti per 'restrizioni e preoccupazione' causate dalla pandemia. Tallent è stato sostituito da Jack Daley dei Disciples Of Soul, band di Little Steven.

Durante la puntata Springsteen ha suonato due estratti dal recente album "Letter To You", 'Ghosts' e 'I'll See You In My Dreams'.

Di seguito i video delle esibizioni :



Il ricordo di Born To Run

Nel giro delle ospitate promozionali per parlare di "Letter To You", la scorsa settimana Springsteen è stato ospite anche di un altro celebre talk show televisivo, quello condotto da Jimmy Fallon.

Chiacchierando con il presentatore - che ha anche ricordato di quella volta in cui suonò i 'cucchiai' con Springsteen durante una puntata del lo show di Conan O'Brien - il Boss ha anche raccontato della prima volta in cui ascoltò "Born To Run". La storia è abbastanza nota e parla di un Bruce stizzito e scontento a tal punto dal suono dell'album da gettare la copia nella piscina: "Quando sei agli inizi non sei abituato a riascoltarti, anche dopo aver pubblicato due o tre album - racconta Springsteen - e non riuscivo ad abituarmi al suono della mia voce, quando ti ascolti di solito sembra terribile. Stai prendendo tutte quelle scelte e alla fine ti trovi con in mano qualcosa che non ti fa sentire a tuo agio. Avevo solo 24 anni, sai".


Il primo ascolto del disco

Come ingegnere del suono per "Born To Run" era stato scelto un uomo che sarebbe diventato una leggenda della discografia, Jimmy Iovine, che portò la copia del disco masterizzata a Richmond, in Virginia, dove in quel momento si trovava Springsteen. I due andarono poi in un negozio di dischi per sfruttare il loro giradischi e dare un primo ascolto: "Sono lì che ascolto la copia masterizzata di 'Born To Run', siamo noi due nel retro del negozio e Jimmy sta cercando di convincermi a pubblicarlo così - racconta il Boss - Io sono lì, dubbioso, e dico 'Finisce nella piscina dell'hotel, ecco dove va'. Alla fine lo abbiamo pubblicato e direi che ha funzionato bene".


Springsteen e gli album di Natale

Nell'intervista con Fallon, visto il periodo, Springsteen parla anche degli album natalizi e del perché non seguirà mai la tradizione, tanto amata da molti artisti americani, di pubblicare un album di Natale, nonostante la sua versione di 'Santa Claus Is Comin'To Town' uscita come singolo nel 1985 e contenuta nella compilation "A Very Special Christmas": "Ho provato a fare qualcosa del genere, abbiamo fatto alcuni grandi show di Natale ad Asbury Park per un po' - ha detto Springsteen - ho cercato di mettere insieme qualcosa da quei concerti ma dovremmo farlo andando in studio. E' una cosa che vuoi fare solo intorno Natale ma, allo stesso tempo, non vuoi farlo proprio perché sei vicino Natale e in quel periodo preferiresti non lavorare. Poi il clima natalizio va via e dovresti farlo in estate ma non te la senti. Quindi è una cosa intorno alla quale abbiamo girato ma non si è mai concretizzata. Chi lo sa, magari accadrà uno di questi giorni".



Bruce Springsteen di nuovo sul palco con la E Street Band