Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  19 luglio 2021

Bruce Springsteen, risolto il mistero di Thunder Road

Dopo quasi 50 anni è stato ufficialmente risolto il mistero sui versi di Thunder Road

A distanza di quasi 50 anni, il primo verso di 'Thunder Road', brano che apre l'album capolavoro di Bruce Springsteen "Born To Run" è stato ufficialmente corretto. A svelare il mistero si è arrivati dopo una discussione tra fan nata a causa di un tweet di una giornalista del New York Times.

I versi di Thunder Road

Chi avrebbe detto a Bruce Springsteen che dopo quasi 50 anni si sarebbe trovato a correggere ovunque una semplice parola nei versi di una sua canzone? Eppure è andata proprio così, complice la giornalista del New York Times Maggie Haberman e il ritorno a teatro del Boss con lo spettacolo Springsteen On Broadway.

La Haberman, infatti, ha condiviso sui social una foto scattata al James Theatre di New York dove Springsteen ha ripreso la sua serie di spettacolo di musica e parole Springsteen On Broadway. Come didascalia la giornalista ha utilizzato i versi 'A screen door slams, Mary's dress sways' contenuti in 'Thunder Road', brano che apre l'iconico album "Born To Run" del 1975.

Inizialmente chiamata 'Wings For Wheels', 'Thunder Road' si apre con una struttura quasi da sceneggiatura cinematografica, a dare l'ambientazione in cui una donna di nome Mary e il suo ragazzo hanno l'ultima occasione per 'fare sul serio'. Una conversazione tra l'auto pronta a partire verso il futuro con la musica di Roy Orbison che suona alla radio e il portico in cui la ragazza è indecisa se perdere l'innocenza e lasciarsi alle spalle la sua vita di prima.



Waves o sways?

Visto che il web è un posto bellissimo e completamente privo di maestri dalla penna rossa, una serie di utenti hanno iniziato ad attaccare la Haberman correggendola per l'errore. Al centro della questione - al netto del piccolo errore tra 'A screen door' e 'The Screen Door' - sarebbe la seconda parte del verso che, secondo qualcuno, non sarebbe 'sways' ma 'waves', due termini che in qualche modo si possono tradurre con 'ondeggiare' ma con un leggera sfumatura che li distingue.

Altri utenti, invece, sono accorsi a supportare la tesi che la didascalia fosse corretta e Springsteen abbia scritto effettivamente 'sways'.

Ma insomma, il vestito di Mary cosa fa ? Ways o sways?

La tesi pro-waves tira in ballo il testo stampato sul disco, sia nella versione originale in vinile che in quella della ristampa su CD, così come il sito ufficiale di Springsteen che riporta il verso 'Mary's dress waves'. Tra i sostenitori di questa versione anche David Simon, creatore della serie TV della HBO 'The Wire' che, come tutti gli appassionati fan di Springsteen, si è espresso in merito.

Se invece si fa affidamento alla biografia ufficiale del rocker del New Jersey, "Born To Run", in un passaggio c'è scritto "The screen door slams, Mary's dress sways, è una bel verso di apertura". E del resto anche ad ascoltare il Boss che la canta dal vivo l'impressione è proprio quella.

A supportare la versione di 'sways' arriva addirittura un cimelio storico, un foglio con i versi scritti a mano da Springsteen battuto all'asta da Sotheby's nel 2019 per 62.500 dollari che, dal pugno del Boss, dà ragione alla giornalista del New York Times.

Bruce Springsteen, risolto il mistero di Thunder Road

La soluzione del mistero

La faccenda qui si fa intricata e visto il potere del web di fare amplificatore si è dovuto arrivare direttamente dalle parti della fonte per redimere la questione.

Del resto come si fa a risolvere una questione del genere quando ci sono evidenze sufficienti per dare ragione all'una o un'altra campana? L'unico modo possibile per risolvere il mistero era cercare di andare alla fonte e cercare una conferma in merito.

Se Springsteen non si è espresso e il suo storico chitarrista Little Steven ha rispedito al mittente la diatriba, ad intervenire per sedare gli animi è stato Jon Landau.

Contattato dal direttore del New Yorker David Remnick Landau, che di Springsteen è stato manager, produttore mentore ed amico e in quegli anni era l'ombra del Boss, ha deciso di rispondere e fare la sua parte per svelare il mistero.

"La parola corretta è 'sways' ed è così che era stata scritta negli appunti originali e così l'ha cantata nel 1975 in Born To Run" - scrive Landau in una mail - "E' così che l'ha sempre cantata in migliaia di show, ed è così che l'ha canta anche oggi per Broadway. Nel caso ci fossero errori di battitura nel materiale ufficiale di Bruce saranno corretti".

Landau ci ha poi tenuto a sottolineare ironicamente 'che i vestiti non sanno come si saluta', scherzando sul doppio significato di 'wave' che può voler dire anche, appunto, 'agitare la mano' e 'salutare'.

Il mistero è stato risolto e le promesse sono state mantenute, quindi ora sul sito ufficiale di Springsteen è possibile trovare il testo corretto in 'sways'.