Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  12 aprile 2021

Chris Jericho: "Lars Ulrich dei Metallica? E' il Ringo del metal"

A paragonare Lars Ulrich dei Metallica a Ringo Starr dei Beatles è Chris Jericho, wrestler e frontman dei Fozzy

Chris Jericho, leggenda canadese del wrestling, frontman dei Fozzy e artista a tutto tondo ha voluto dire la sua su Lars Ulrich dei Metallica, batterista molto criticato da alcuni ma che, secondo lui, è fondamentale e funzionale alla musica della band così come lo era Ringo Starr nei Beatles.

Lars Ulrich è il Ringo dell'heavy metal

Sullo stile e sulle capacità come batterista di Lars Ulrich dei Metallica si è spesso discusso, una figura fondamentale per la storia del metal ma allo stesso tempo spesso criticata da molti batteristi da un punto di vista tecnico. Ora in difesa del musicista di origini danesi arriva Chris Jericho, celebre wrestler, ora in forza alla AEW, e cantante della rock band dei Fozzy.

Ospitato dal podcast a tema Metallica "...And Podcast For All!", Jericho ha detto la sua su Lars Ulrich sottolineando quanto il batterista dei Four Horsemen sia importante per l'economia della band a dispetto di ogni critica. Il wrestler e artista canadese, infatti, ha voluto elogiare Ulrich paragonando il suo stile e il suo ruolo a quello di un altro batterista che ha visto spesso avere la stessa sorte, Ringo Starr dei Beatles: "La gente punta il dito contro Lars, pensano sia divertente, esattamente come veniva fatto con Ringo, ed è già buffo che lo facessero con Ringo" - ha detto Jericho - "Lars è il Ringo dell'heavy metal. E lo dico in senso positivo, intendo che Ringo suonava ciò che era più funzionale per la canzone, non ciò che lo metteva in evidenza o gli garantiva una copertina sui magazine specializzati. Suonava semplicemente ciò che era più adatto alla canzone ed è esattamente ciò che fa Lars, alla grandissima".

Il vero rock and roll dal vivo

Secondo Jericho lo stile di Lars Ulrich, infatti, rispecchia quello che è il vero sound rock and roll, specialmente quando si tratta di musica dal vivo. Una scelta, quella di Lars, che il batterista dei Metallica ha fatto in maniera intelligente secondo il wrestler AEW: "Lars era molto influente durante i primi anni dei Metallica ma dopo "...And Justice For All" si deve essere chiesto cosa fare, consapevole che non fera Charlie Benante degli Anthrax o Dave Lombardo degli Slayer, perché era in competizione con questa gente. Allora ha deciso di fare come Phil Rudd degli AC/DC e Clive Burr degli Iron Maiden".

E proprio sul batterista degli Iron Maiden ha aggiunto: "Lars Ama Clive Burr, ed è per questo che buona parte dei suoi passaggi sono sul rullante perché anche lui usa raramente i tom".

Quello che però infastidisce spesso i fan, sbagliando secondo Jericho, è la resa live di Ulrich che l'atleta considera essere la vera essenza del rock and roll dal vivo: "Sono un grande fan dello stile di Lars e, sì, dal vivo non è sempre completamente a tempo, va più lento o più veloce, ma sapete cosa? Il vero rock and roll dal vivo è quella roba lì. Capisco che un sacco di gente lo odi ma se andate a vedere i Metallica e siete preoccupati dal fatto che durante il concerto il ritmo aumenti o diminuisca un po' forse non siete lì per il mio stesso motivo".

Chris Jericho: "Lars Ulrich dei Metallica? E' il Ringo del metal"

Lars Ulrich non ha più nulla da dimostrare

Intervistato dalla fanzine So What! alcuni mesi fa il diretto interessato era intervenuto sulla questione spiegando che, dopo tanti anni di attività, non si preoccupa più di tanto delle opinioni altrui. Il batterista dei Metallica, infatti, pensa di aver raggiunto una posizione in cui può permettersi di non avere più nulla da dimostrare:

 "A differenza di come accadeva anni fa - racconta Lars Ulrich - di base non leggo le interviste che fanno gli altri della band. 20 o 30 anni fa ci saremmo seduti insieme a leggere ogni pagina di Kerrang! o di Circus per vedere cosa scrivevano di noi o cosa ognuno di noi aveva detto, cosa James dichiarava. Ora non accade più nulla di tutto ciò e in generale non leggo proprio cosa scrivono dei Metallica".

"Occasionalmente, direi ogni sei mesi o qualcosa del genere, è divertente andare a leggere i troll solo per quanto sono ridicoli - continua Lars - ma non è qualcosa che faccio regolarmente. Vent'anni fa sarei stato lì a dire Oddio! Qualcuno ha detto qualcosa di male su di noi, quell'altro ha fatto un commento cattivo. Ora non mi interessa più".

"Mi è capitato di essere intervistato da un giornalista fan della band che ha detto di aver sempre preso le mie difese quando qualcuno diceva che ero un batterista di merda - conclude Ulrich - Che è figo, mi fa piacere ma, ad essere onesti, dopo tutti questi anni non ci faccio nemmeno caso. Sono totalmente in pace con l'uomo che sono diventato e con ciò che sono i Metallica, sono a posto con la posizione che abbiamo raggiunto. Ho una moglie incredibile, tre figli fantastici, mio padre e la sua compagna, degli amici fantastici e un sacco di conoscenti fighi. Va tutto bene. Non ho nulla da dimostrare ancora, non è qualcosa che mi tocca".


Metallica - Enter Sandman (Live in Mexico City) [Orgullo, Pasión, y Gloria]

Metallica - Enter Sandman (Live in Mexico City) [Orgullo, Pasión, y Gloria]