Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  17 agosto 2020

Corey Taylor sull'addio agli Slipknot

Il cantante della band mascherata, che ha annunciato l'album solista "CMFT", parla di quando potrebbe lasciare gli Slipknot

Corey Taylor è un uomo dal multiforme talento: voce infernale degli Slipknot, frontman degli Stone Sour e ora in arrivo con un album solista "CMFT" dal quale ha già tirato fuori due brani totalmente diversi tra loro, l'alternative rock di "Black Eyes Blue", attualmente nella Top 20 di Radiofreccia e il nu metal di "CMFT Must Be Stopped".

La voglia di andare sempre avanti e di cambiare le carte in tavola è qualcosa che, evidentemente, pervade lo spirito dell'artista originario dello Iowa che ha parlato con Sirius XM dei suoi piani futuri con la band.

Quando Corey Taylor lascerà gli Slipknot?

Intervistato dall'emittente americana Corey Taylor ha parlato della possibilità di appendere al chiodo la maschera e concludere la sua carriera come folle frontman degli Slipknot: " Buona domanda - ha osservato Taylor - la risposta più onesta è che non lo so. Perché cerco di mantenermi in salute, di rimanere pulito e allo stesso tempo amo la musica estrema ancora oggi come un tempo. E'un aspetto che ha sempre fatto parte di me, non è mai abbastanza dura, non è mai abbastanza pazza per me. Anzi qualche volta la band deve calmarmi quando si tratta del materiale che scrivo. Quando saprò che sarà arrivato il momento? Nell'istante esatto in cui farò tutto questo per ragioni diverse dalla mia totale passione, nel momento in cui cambierà questa cosa saprò che è giunto il momento".

Taylor continua parlando di come si tratti semplicemente del suo essere: "Per questo ho sempre seguito le mie passioni e i miei interessi, non mi sono mai permesso di fare qualcosa solo per i soldi, per avere fama facile. Non dico di esserne orgoglioso perché, semplicemente, sono fatto così. Inutile dire, però, che se se dovessi arrivare all'età in cui una scelta del genere avrebbe più senso ci sarebbe una parte di me che mi frenerebbe e mi direbbe:'No, non sei fatto così, non è ciò che vuoi fare, devi uscire di scena'.

Recentemente Taylor ha anche annunciato che l'altra band di cui è il frontman, gli Stone Sour, ha per il momento concluso il proprio corso ed è ufficialmente in pausa a tempo indefinito.

CMFT

Intanto i venerdì 2 ottobre arriverà nei negozi su etichetta Roadrunner Records il debut solista di Corey Taylor, "CMFT" dal quale sono stati già pubblicati i primi due singoli: “Black Eyes Blue”, già nella Top 20 di Radiofreccia, e “CMFT Must Be Stopped” [feat. Tech N9ne & Kid Bookie]. In questo nuovo assaggio della versatilità dell'artista originario dello Iowa, Taylor abbraccia influenze che vanno dall’hard rock al classic rock passando per punk rock e hip hop. In “Black Eyes Blue” la voce di Taylor suona nostalgica mentre in “CMFT Must Be Stopped” le sue rime richiamano il primo album degli Slipknot e si intrecciano con le spietate metriche dell’artista multiplatino Tech N9ne e dell’MC inglese Kid Bookie. Il video ufficiale di “CMFT Must Be Stopped”, diretto da DJay Brawner, vede Taylor insignito della cintura da campione CMFT, consegnatagli da amici come Marilyn Manson, Lars Ulrich, Rob Halford, Chris Jericho, le Baby Metal e altri importanti cameo.

 “CMFT” è frutto di un processo che ha impegnato Taylor per molto tempo, con brani scritti negli scorsi mesi e altri che risalgono agli anni della sua adolescenza. Registrato agli Hideout Studio di Las Vegas, con il produttore Jay Ruston e la sua band (Christian Martucci [chitarra], Zach Throne [chitarra], Jason Christopher [basso] e Dustin Robert [batteria]), l’album traccia una mappa selvaggia ed esilarante della psiche musicale di Taylor. La frenetica e veloce “HWY 666” apre le danze con un diabolico fremito, mentre “Silverfish” mette da parte il songwriting acustico di Taylor a favore di un funambolico equilibrio tra accattivanti passaggi e pesanti influenze. Una minacciosa linea di basso cede il passo a chitarre di ispirazione hendrixiana in “Culture Head” e le suadenti melodie al pianoforte di “Home” offrono uno sguardo senza filtri sull’immenso spettro vocale di Taylor.




La straordinaria cover di Duality

Parlando di Slipknot, nei giorni scorsi è rimbalzato sul web un video del giovane batterista Jack Thomas che, a causa di un incidente sul luogo di lavoro avvenuto cinque anni fa quando aveva solo 17 anni, ha perso il braccio destro.

"Ho sempre suonato la batteria e suonato per tutta la vita - ha detto il ragazzo - suono anche il basso e la musica è tutta la mia vita. Stavo lavorando su un nastro trasportatore, sono caduto e prima ancora di riuscire a reagire il mio braccio è stato tagliato. Non è qualcosa alla quale, da essere umano, sei preparato a reagire, pensiamo di passare tutta la vita con tutti i pezzi a posto. Da batterista ho pensato fosse la fine e che non sarei più stato in grado di suonare nuovamente e, in più, avevo solo 17 anni.

La complicata condizione, però, non ha impedito a Jack di suonare il classico degli Slipknot 'Duality' in maniera esemplare, giudicate voi stessi:



Corey Taylor sull'addio agli Slipknot

Corey Taylor - Black Eyes Blue [Official Audio]