Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  03 giugno 2020
di Nessuno
Nessuno

David Byrne: grazie ai Byrds ho capito la mia strada

In una recente intervista per Pitchfork il frontman dei Talking Heads racconta i suoi esordi e la sua formazione

Negli scorsi giorni David Byrne ha ricordato come i Byrds lo abbiano aiutato a trovare la propria voce nella musica dopo aver iniziato ad ascoltare artisti folk, e come David Bowie e Velvet Underground abbiano segnato i suoi prossimi passi. La famiglia del frontman dei Talking Heads si stabilì a Baltimora dopo essere immigrata dalla Scozia negli anni '50, e durante i primi anni della sua vita David Byrne si affidò alla collezione di dischi dei suoi genitori. 


La scoperta del folk

"Leggevano il New York Times e ascoltavano i dischi di Woody Guthrie, puoi immaginare che tipo di famiglia fosse", ha detto Byrne a Pitchfork in una nuova intervista. "Nel 1962, stavo ancora ascoltando i dischi dei miei genitori ed ero vagamente consapevole che c'erano altre cose là fuori. ... Mi sono reso conto che questo sembra molto appetibile e carino in superficie, ma sotto c'è qualcosa di più oscuro."

È all'età di 15 anni che scopre i Byrds. "La canzone di Bob Dylan, Mr. Tambourine Man, era come una versione psichedelica di una canzone di Woody Guthrie", ha ricordato. “Ma poi i Byrds lo trasformarono in qualcosa di diverso da qualsiasi cosa le mie orecchie giovani avessero già sentito prima. Sembrava pentole e padelle tintinnanti, campane. Se sei qualcuno che è cresciuto nella periferia di Baltimora, la canzone è come un piccolo telegrafo da qualche altra parte. Sentendo questo, ho capito, "Devo uscire di qui, perché ci sono persone in altri posti. C'è un intero mondo là fuori di cui non so nulla."

Le influenze musicali


Byrne ebbe l'idea di suonare "grandi canzoni rock letterarie nei caffè intorno a Baltimora" e seguì quell'ambizione per un po'. "Facevo canzoni dei Kinks o degli Who, o canzoni con testi davvero penetranti che la gente non aveva mai sentito prima", ha dichiarato. Qualche anno dopo, visitò New York City come parte di un duetto di strada con un amico. “Ho suonato ukulele, violino e la fisarmonica. Mi vestivo con abiti vecchi e avevo una lunga barba, e i bambini venivano da me e mi dicevano: "Signore, sei uno di quegli uomini che non guidano le auto?" Non lo ero."

Bowie - che avrebbe influenzato Byrne e sarebbe in seguito diventato un amico - ha avuto un impatto per la prima volta su di lui durante quel viaggio a New York. "Avevamo sentito parlare della scena di Warhol a Max's Kansas City, e così io e il mio amico siamo entrati lì - con la barba folta a e tutto il resto - curiosi di vedere dove fossero quelle persone fantastiche", ha ricordato. "Eravamo così fuori posto, e ricordo che David Bowie entrò vestito nel suo completo glam pieno, con i capelli arancioni, la tuta spaziale, tutto. E ho solo pensato: "Non ci stiamo adattando qui. Meglio andarcene."


La nascita di Psycho Killer e i Velvet Underground

Ispirato da quell'incontro e anche dai Velvet Underground, Byrne si ritrovò a Rhode Island all'età di 20 anni. "Ho scritto un paio di canzoni che sono rimaste in testa in quel periodo, tra cui Psycho Killer", ha detto. "I Velvet Underground sono stati una grande rivelazione. Mi sono reso conto, 'Oh, guarda l'argomento delle loro canzoni: c'è una melodia e una melodia, ma il suono è completamente abrasivo o davvero carino. Oscillano da un estremo all'altro. "White Light / White Heat" è proprio questo rumore, e poi "Candy Says" è incredibilmente carina ma davvero cupa. Da giovane, ti chiedi "Di cosa si tratta?" 

David Byrne: grazie ai Byrds ho capito la mia strada