Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  06 marzo 2021
di Nessuno
Nessuno

David Gilmour compie 75 anni: 5 assoli memorabili del chitarrista dei Pink Floyd

Tra band e una brillante carriera solista, il chitarrista dei Pink Floyd taglia un importante traguardo e compie 75 anni. Lo festeggiamo con 5 tra i suoi assoli

David Gilmour, leggendario chitarrista dei Pink Floyd, compie oggi 75 anni e per festeggiarlo abbiamo pensato di festeggiarlo con i suoi 5 migliori assoli di sempre.

David Gilmour, 75 anni per il chitarrista dei Pink Floyd

Non c'è amante del rock che non si sia emozionato al cospetto di uno dei suoi assoli, per intensità e genialità melodica. Se siete fan dei virtuosismi in stile “Volo del Calabrone”, questo articolo non fa per voi. Perché David Jon Gilmour, classe 1946, ex chitarra dei Pink Floyd e brillante solista, non passerà certo alla storia per sfuriate ad alta velocità su e giù per il manico della chitarra, alla Paganini per intenderci.

Anzi, la grandezza di questo artista è tutta nelle note che “non” suona, nell'intensità delle melodie che hanno costellato un'intera carriera piena di successi.

Oggi David Gilmour compie 75 anni e questa è una gallery per celebrarlo con i suoi 5 migliori assoli.


I 5 migliori assoli di David Gilmour

5. Pigs

Se c'è un disco in cui Gilmour è al suo apice compositivo nella storia dei Pink Floyd, quello è Animals. L'album orwelliano della band è una raccolta di momenti cruciali ed aspre critiche alla società e "Pigs" è forse il punto più alto di quel lavoro, ad evidenziare l'intenso talento del chitarrista. Nella canzone ci sono tre assoli diversi ed ognuno di essi fornisce una sfumatura diversa al pezzo. La chitarra diventa voce, in qualche modo riesce a grugnire e gemere come un maiale fino ad finale da leggenda.


4. Have a Cigar

Questa è la più grande canzone dei Pink Floyd con un altro cantante che non fosse Roger Waters o David Gilmour. Mentre stava registrando la canzone negli studi di Abbey Road, la band aveva dei problemi a ottenere la traccia vocale giusta. Il musicista folk Roy Harper stava registrando nello stesso studio dei Floyd e si è offerto di prestare la sua voce per la canzone. 'Have a Cigar' è un vero classico e l'assolo di chitarra di Gilmour è puro miele per le orecchie. La canzone è contenuta nella loro opera del 1975, "Wish You Were Here".



David Gilmour compie 75 anni: 5 assoli memorabili del chitarrista dei Pink Floyd

I gradini più bassi del podio 

3. Shine on You Crazy Diamond

Wish You Were Here non è solo una critica al mondo della musica, ma è anche un doveroso tributo all'amico geniale Syd Barrett, il diamante pazzo. La canzone è suddivisa in due parti che cingono il disco in testa ed in coda, ma presa nel suo insieme diventa una vera e propria suite di 26 minuti, facendo del pezzo la registrazione più lunga della band. Gilmour crea un'atmosfera cupa verso l'inizio con le sue inconfondibili radici blues, prima di elevare lentamente il mood verso uno straziante saluto a quel genio torturato dell'amico Syd ed in fondo, anche a tutti noi.


2.Echoes

Rilasciato nel 1971, "Meddle" è uno degli album più apprezzati dai fan dei Pink Floyd di lunga data. 'Echoes' è stata una delle composizioni che ha aiutato la band a trovare il proprio suono caratteristico e a trasformarla in una band universalmente rispettata nel panorama musicale. La struttura della canzone, come tutte le suite di rock progressivo, è suddivisa in più pezzi.

Inizia lenta e sperimentale fino a sfociare nella progressione più pacifica condita dalla voce ipnotica di Gilmour. Poi cresce d'intensità e dinamica virando verso un rock più riconoscibile dove Gilmour esplode in un lungo assolo di chitarra che fonde una combinazione di stili.

Al termine dell'assolo si verifica una curiosa coincidenza: l'effetto di chitarra così inquietante che si sente è stato il risultato di... un errore di Gilmour! Pare avesse collegato accidentalmente i cavi del pedale wah nel modo sbagliato e che gli strilli acuti siano stati ottenuti giocando con le manopole del volume.


Comfortably Numb, il miglior assolo di David Gilmour

1. Comfortably Numb

Non si può mettere d'accordo tutti, in una classifica come questa. Lo sappiamo bene, ma è difficile scalfire dal primo posto una gemma come Comfortably Numb. A proposito di brividi alla schiena, ecco un assolo di chitarra passato alla storia per la sua completezza e la sua maturità. Si tratta di uno dei più grandi successi contenuti in "The Wall" e uno dei brani più iconici dei Floyd.

Molti sono concordi nel definire gli assoli di chitarra di Gilmour, specialmente l'ultimo, come il suo lavoro migliore. E non è solo il suo assolo in studio ad essere sorprendente, ma anche la sua esibizione dal vivo durante il concerto Pulse dei Pink Floyd del 1995; un assolo che non va solo ascoltato, ma letteralmente vissuto.