Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  23 agosto 2021

David Lee Roth vs Gene Simmons, un dito medio contro gli insulti

Botta e risposta a distanza tra il bassista dei Kiss e l'ex cantante dei Van Halen dopo che Simmons ha commentato l'assenza del cantante come supporter del tour

Lo storico frontman dei Van Halen David Lee Roth ha risposto alla sua maniera a Gene Simmons dopo le parole poco lusinghiere che il bassista dei Kiss aveva rivolto nei suoi confronti in una recente intervista.

Come Elvis sul pavimento

Sicuramente due figure iconiche del rock da stadio, David Lee Roth e Gene Simmons sono due personaggi di quelli con pochi fronzoli e una bella dose di rock'n'roll style.
A testimonianza il recente scontro a distanza tra i due dopo che David Lee Roth, inizialmente scelto come supporter dei Kiss per il tour di addio della band, è stato rimosso dall'incarico una volta che l'End Of The Road Tour si è rimesso in marcia post pandemia.

I Kiss hanno ripreso la scorsa settimana quello che sarà il loro ultimo tour mondiale e hanno anche annunciato una serie di date come resident al Zappos Theater del Planet Hollywood di Las Vegas tra dicembre e febbraio.

Nelle nuove date, però, l'ex cantante dei Van Halen non è stato incluso e Simmons ha affrontato la questione in maniera poco delicata durante un'intervista con l'edizione USA di Rolling Stone.

"Bisogna dire che nei suoi giorni di gloria nessuno faceva sul palco ciò che faceva David. Era il frontman definitivo. Nessuno era come lui, nemmeno Robert Plant o Rod Stewart, ha portato la figura di frontman a tutto un altro livello" - ha detto Gene Simmons mostrandosi apparentemente lusinghiero per poi aggiungere- "E poi ti ritrovi con il Dave di oggi. Come dire, preferisco ricordare Elvis nel fiore degli anni, a Memphis, con il suo sorriso sornione e cose del genere. Non voglio pensare ad Elvis gonfio e nudo riverso sul pavimento del cesso".

Un dito medio a Simmons

Il riferimento poco cordiale fatto da Simmons riguarda, ovviamente, il giorno della morte di Elvis che, con un aspetto nemmeno lontanamente vicino a quello sensuale che aveva fatto impazzire il mondo, era stato ritrovato senza vita nel bagno di Graceland.

Come a dire: il grande frontman dei Van Halen è morto e tutto ciò che abbiamo oggi è solo un ricordo dei tempi che furono.
Mentre ci sarebbe da interrogarsi sul perché, allora, sia stato comunque scelto come supporter prima della pandemia, David Lee Roth non si è certo tenuto lontano dalla risposta via social al collega.
Senza sprecare parole, l'ex voce dei Van Halen si è limitato a postare sulla sua pagina ufficiale ben 18 foto di un bambino con gli occhiali da sole e dito medio in bella vista scrivendo "Da Roth a Simmons".

Dimostrandosi sempre il più saggio dei Kiss, il frontman Paul Stanley si è invece tenuto fuori dalla polemica e, anzi, ha cercato di mettere una pezza celebrando le qualità di David Lee Roth sul palco:

"Parlando di David Lee Roth...ricordo di averlo visto negli anni '70 con i Van Halen al Madison Square Garden e di aver pensato 'C'è un nuovo sceriffo in città'" - ha scritto su Twitter Starchild - "E' fantastico vedere come si sia evoluto in pochi anni e sul palco è ancora Diamond Dave!".




David Lee Roth vs Gene Simmons, un dito medio contro gli insulti

End Of The Road anche in Italia

L'End Of The Road Tour è partito nuovamente lo scorso 18 agosto dal Xfinity Center di Mansfield in Massachusetts con il primo show dopo lo stop di marzo 2020.

Grazie all'ingresso consentito solo con prova di vaccinazione, la band mascherata è potuta tornare ad esibirsi davanti ad un pubblico numeroso, una scena che se una volta era la normalità, ha sorpreso Paul Stanley che dal palco si è detto quasi incredulo alla vista delle 15.000 persone davanti ai suoi occhi.

La fortuna, però, non sembra essere accanto alla band e lo show di ieri sera al Xfinity Theater di Hartford, in Connecticut, è stato rimandato a data da destinarsi a causa delle condizioni climatiche causate dall'Uragano Henri che ha portato anche alla cancellazione dell'attesissimo show a Central Park organizzato per la 'riapertura' della città di New York dopo la pandemia.

L'End Of the Road Tour, l'ultimo tour mondiale dei Kiss, passerà anche in Italia con una sola data all'Arena di Verona.

I fan italiani potranno dare un ultimo saluto live ai loro beniamini l'anno prossimo, quando i Kiss recupereranno la data inizialmente annunciata per il 2020.

I Kiss torneranno in Italia per uno show imperdibile l'11 luglio 2022, sempre all'Arena di Verona, una cornice unica e degna di ospitare le celebrazioni per l'ultimo tour dei Kiss.

I biglietti precedentemente acquistati resteranno validi per il nuovo concerto.