Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  02 aprile 2021

Foo Fighters, Dave Grohl e l'incontro (a scuola) con il suo mito

Il frontman dei Foo Fighters racconta di quando incontrò per la prima volta il suo mito dell'adolescenza...a scuola

Spesso si dice che sarebbe meglio non incontrare i propri miti e quando diventi tu stesso una celebrità la faccenda si fa difficile. Non è raro che un musicista, una volta diventato famoso, molto famoso come Dave Grohl, finisca per trovarsi a tu per tu con colleghi illustri che magari un tempo erano solamente un poster sulle pareti di una stanza. Proprio questo è accaduto al frontman dei Foo Fighters una volta con il bonus stranezza che il tutto è avvenuto all'interno di una scuola.

Il mito a scuola

A raccontare l'aneddoto è stato lo stesso Grohl in un'intervista concessa alla BBC. Il frontman dei Foo Fighters ha raccontato di quella volta in cui, accompagnando sua figlia a scuola, si è trovato faccia a faccia con quello che era un suo mito proprio quando era poco più grande di sua figlia: Paul Stanley dei Kiss.

Grohl, racconta, aveva scoperto dell'esistenza dei Kiss quando un suo cugino più grande gli aveva fatto ascoltare per la prima volta la musica della band mascherata facendogli pensare 'Questo sì che è rock'n'roll!'. Decenni dopo il rocker americano si è trovato faccia a faccia con il cantante e chitarrista dei Kiss Paul Stanley nel posto più impensabile di tutti: la scuola di sua figlia.

"Stavo portando mia figlia a scuola e chi trovo lì all'assemblea? Paul Stanley - racconta Grohl - Per quanto mi sforzassi di rimanere composto e dare l'impressione di essere come tutti gli altri padri, mentre i bambini cantavano kumbaya, io ero lì accanto a lui, l'uomo la cui faccia era stata sui poster della mia stanza quando ero ragazzo. Se non fosse stato per lui no so se ora sarei un chitarrista".

Quando Dave Grohl spiegò il suo lavoro ai compagni della figlia

Quello di Paul Stanley non è l'unico aneddoto scolastico di Big Dave che già un paio di mesi fa aveva condiviso in un'intervista un altro divertente aneddoto di quando cercò di spiegare il suo lavoro ai compagni di classe di sua figlia Violet.

"Quando mia figlia aveva, forse, cinque anni - ha raccontato Grohl - era ancora all'asilo e avevano la giornata dedicata ai papà. Quindi presi un paio dei miei Grammy, un po' di pass, di bacchette, e vado. Sono seduto lì, su una sedia a dondolo, circondato da questi bambini e dico: "Ciao, sono il papà di Violet, il mio nome è Dave e sono un musicista".

Quella della rockstar non è sicuramente il mestiere più semplice da spiegare e per farlo il frontman dei Foo Fighters si servì di alcuni cimeli e attrezzi del mestiere come pass e bacchette: "Gli dico che suono la batteria, gli passo le mie bacchette, gli passo i cordini, i pass per il backstage". Tutto molto bello, bambini entusiasti per il lavoro di Dave, anche se qualcuno di loro aveva ancora qualche dubbio, specialmente una bambina che, una volta tornata a casa, disse ai genitori: "Il papà di Violet è venuto a scuola oggi e ha spiegato cosa fa. E' un mago!".


Foo Fighters, Dave Grohl e l'incontro (a scuola) con il suo mito

I Foo Fighters attori in una commedia horror?

Degli ultimi giorni è invece l'indiscrezione che vedrebbe Dave Grohl e i Foo Fighters attori per un nuovo progetto cinematografico misterioso che non ha ancora un titolo, una commedia horror diretta da BJ McDonnell operatore e regista di "Hatchet III" che in carriera ha lavorato, occupando diversi ruoli, per film e serie tv come Shazam! e American Horror Story, oltre ad aver collaborato con band come gli Slayer.

Il film, prodotto da Universal Pictures, è stata girata in grande segreto durante la pandemia e dovrebbe avere nel cast anche altre star che saranno protagonista di una trama che, pare, parlerà di una band alle prese con le registrazioni di un disco in un luogo infestato da spiriti che si impossessano dei musicisti.

La cosa ironica, o forse il vero motivo per la scelta dei Foo Fighters, è che l'ultimo album della band "Medicine At Midnight" è stato registrato proprio all'interno di una casa che, racconta Grohl, era infestata da strane presenze.

Foo Fighters - Waiting On A War (Official Video)

Foo Fighters - Waiting On A War (Official Video)