Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  12 luglio 2021

Foo Fighters, guarda il video di You Should Be Dancing

La hit pubblicata dai Bee Gees nel 1976 è tra le cover contenute in Hail Satin, il disco pubblicato dai Foo Fighters a nome Dee Gees per il Record Store Day2021

I Foo Fighters hanno pubblicato un video della performance di 'You Should Be Dancing', classico della disco dei Bee Gees contenuto all'interno di 'Hail Satin', il particolare disco che uscirà sabato in occasione del Record Store Day 2021 a nome Dee Gees.


Il video di You Should Be Dancing

I Foo Fighters pubblicheranno sabato 17 luglio, in occasione del secondo drop del Record Store Day, 'Hail Satin', primo disco dei Dee Gees, la band fittizia dietro cui Grohl e soci hanno deciso di nascondersi per suonare musica disco.

Per presentare la raccolta, che al suo interno contiene da un lato cover dei Bee Gees e di Andy Gibb e dall'altro versioni live dei brani di Medicine At Midnight, i Foo Fighters hanno pubblicato un video di 'You Should Be Dancing'.

La band americana aveva già suonato una propria versione della hit pubblicata dai Bee Gees nel 1976 alcuni mesi fa ospite della BBC, replicando nello show di apertura del Madison Square Garden di New York il mese scorso.

Ora i Foo Fighters hanno deciso di pubblicare un video in cui suonano 'You Should Be Dancing' accompagnati da luci colorate e coriste.


La batteria disco di Nevermind dei Nirvana

Recentemente Grohl aveva raccontato della sua passione per la musica disco e di come, inaspettatamente, proprio i batteristi della scena disco abbiano avuto su di lui una grande influenza.

Parlando con il produttore Pharrell Williams in un una puntata della serie 'From Cradle To Stage' in cui Grohl e sua madre Virginia parlano con alcuni musicisti e le loro madri del rapporto che li lega, il frontman dei Foo Fighters ha rivelato di quanto i musicisti disco siano stati fondamentali per il sound di "Nevermind" dei Nirvana.

Infatti, per quanto possa sembrare sorprendente, uno dei dischi rock più iconici della storia pare abbia delle fondamenta disco:" Io non so leggere la musica, non sapevo farlo allora e non lo so fare oggi" - ha detto Grohl - "Smettetela di dire che sono un buon batterista perché sono il batterista più basilare di sempre. Se ascoltate Nevermind dei Nirvana ho rubato un sacco dai gente come The Gap Band, Cameo e Tony Thompson degli Chic in ognuna di quelle canzoni. Viene tutto dalla musica disco, niente di più. Nessuno fa mai questa connessione".

Grohl ha poi raccontato poi di quando il batterista degli Chic Tony Thompson andò a a casa sua: "Venne da me per un barbecue con qualcuno e io ero lì che gli dicevo 'Amico, voglio ringraziarti perché ti devo davvero molto, ti ho plagiato per tutta la vita' e lui mi risponde 'Sì, lo so'".


Foo Fighters, guarda il video di You Should Be Dancing

Hail Satin

Che Grohl volesse lasciare in qualche modo emergere questa sua passione nascosta, era diventato già evidente nell'ultimo album dei Foo Fighters"Medicine At Midnight", un disco che lo stesso Grohl aveva chiamato il suo'party album'. L'utilizzo massiccio di groove a tratti ballabili ha fatto sì che "Medicine At Midnight" assumesse per i Foo Fighters il ruolo avuto da "Let's Dance" per David Bowie.

Proprio per celebrare questo legame inaspettato con la musica disco, in occasione del secondo drop del RSD2021 di sabato 17 luglio, i Foo Fighters hanno deciso di pubblicare un EP intitolato 'Hail Satin' e accreditato alla band fittizia dei Dee Gees.

Al suo interno, da un lato quattro cover dei Bee Gees - You Should Be Dancing, Night Fever, Tragedy e More Than A Woman - e quella di Shadow Dancing di Andy Gibb solista. Dall'altro alcuni brani da Medicine At Midnight registrati dal vivo al 606 studio, lo studio quartier generale dei Foo Fighters.

Ultimamente i Foo Fighters hanno anche affidato 'Making A Fire' dall'album "Medicine At Midnight" al celebre produttore Mark Ronson che ha 'destrutturato' il brano trasformandolo e mettendo in risalto le percussioni in modo da farlo diventare qualcosa di più simile ai Rolling Stones (o ai Mock Turtles che rifanno gli Stones) che ai Foo Fighters.