Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  17 maggio 2021

Gene Simmons ricorda il primo incontro con Angus Young

Il bassista dei Kiss Gene Simmons ricorda il passato e il primo incontro con Angus Young degli AC/DC

Prima di diventare famosi tutti gli artisti, anche i più grandi, sono stati esordienti e negli anni '70 succedeva che una band leggendaria come gli AC/DC si trovasse a fare da supporter ai KISS di Gene Simmons che, intervistato dall'emittente australiana Triple M, ha raccontato il suo primo incontro con Angus Young.


L'incontro tra Simmons e Angus

Il bassista dei Kiss Gene Simmons è stato intervistato dall'emittente australiana Triple M e per l'occasione ha parlato proprio della rock band australiana più famosa di tutti i tempi, gli AC/DC, che sul finire degli anni '70 si trovarono a fare da supporter dei Kiss.

Simmons ha raccontato della prima volta in cui vide dal vivo gli AC/DC in un locale di Los Angeles e, colpito da Angus Young, decise di invitare la band in tour con i Kiss:"Li vidi suonare per la prima volta in un club davvero piccolo di Los Angeles. Ero lì per caso e tutto ciò che riesco a ricordare e che ero davvero vicino al palco, perché è una cosa che amo. Voglio sentire le vibrazioni, voglio sentire nello stomaco il basso e la grancassa, non voglio rimanere a distanza di sicurezza. Se è troppo rumoroso vuol dire che sei troppo vecchio".

"Sono in prima fila e anche nei momenti di silenzio tra le canzoni vedevo Angus Young che correva impazzito per il palco - racconta Simmons - non faceva finta, era come in trance o qualcosa del genere. Allora ho pensato 'Quel tizio è davvero rock and roll, quello è uno vero' e dopo lo show ho deciso di andare nel backstage".

Una volta nel backstage la chitarra solista degli AC/DC si avvicinò al bassista dei Kiss che notò un dettaglio rimasto impresso nella memoria: "Sono dietro le quinte e arriva Angus che mi dice 'Oh, Gene Simmons, ok, figo' e io gli chiedo quale sia il suo nome, risponde e sorride. Non lo dimenticherò mai, non aveva i denti davanti, immagino che all'epoca non potessero permettersi di sistemarli. Quindi li invitai ad allontanarsi con me in un posto lì vicino per parlare e accettò".

Gene Simmons ricorda il primo incontro con Angus Young

Un'offerta che non si può rifiutare

Simmons e Angus si spostarono ad una tavola calda nelle vicinanze per discutere e la presenza del 'Demone' causò un po' di trambusto . Quello che, ovviamente, i presenti non sapevano ancora è che al tavolo non c'era seduta una sola leggenda del rock ma ben due, anche se se ne sarebbero accorti tutti di lì a poco: "Andammo in un posto chiamato Mel's Diner, che in alcune parti del mondo è molto famoso ed era l'una di notte - racconta il bassista dei Kiss - per qualcuno ero già uno importante, quindi tutti i presenti e i camerieri vennero al tavolo per chiedermi cosa volessi e io dissi di servire prima il mio amico. Angus chiese una salsiccia invece di un hot dog, cosa che lasciò tutti perplessi e io gli dissi solo di portargli ciò che aveva chiesto".

"Quando tornarono - continua Simmons - Angus prese l'hot dog togliendolo dal panino, non lo dimenticherò mai, e iniziò a morderlo utilizzando gli angoli della bocca perché non aveva i denti davanti e a quel punto gli dissi che erano fantastici e che avrei fatto qualche chiamata per portarli in tour con noi".

Simmons fu di parola e permise agli AC/DC di aprire per i KISS in alcune date a cavallo tra il 1977 e il 1978 durante il tour "Alive II".

Gli AC/DC sono da sempre una band molto amata dal bassista dei Kiss che ne ha sempre parlato con toni lusinghieri, citandoli sempre tra le band migliori tra tutte quelle che hanno suonato in tour con lui: "Gli AC/DC condividono con noi la stessa filosofia - aveva detto alcuni anni fa - rimangono fedeli a loro stessi sempre e comunque. Questo discorso oggi vale anche di più. Ci sono un sacco di gente che hanno lo stesso look, fanno le stesse cose, gli AC/DC sono unici, nessuno è come loro. Band come gli AC/DC ogni tanto spuntano fuori e ci piace pensare che anche noi siamo unici allo stesso modo".