Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  05 agosto 2020

HI-FIVE : 5 canzoni per respingere gli animatori molesti

Le playlist improbabili di Radio Freccia, valide per qualsiasi occasione probabile d'estate: cinque canzoni per dire No agli animatori insistenti

Diciamoci la verità, i villaggi sono una cosa fighissima. Se volete una vacanza zero sbatta, niente fai e disfai la valigia, zero pianificazione di quelle disperate mappa alla mano, preoccupazioni ridotte al minimo e chiavi in mano sono davvero un manna dal cielo.

Se poi siete dei rocker marmocchio-muniti ancora meglio, mollate il pestifero al baby club e chi si è visto si è visto, via di relax,mangia, mangia, bevi, relax, tuffo, relax e così via ad libitum.

Però, c'è sempre un però, nei villaggi si nasconde anche una delle figure più controverse dell'estate, l'animatore. Niente contro i tantissimi ragazzi e ragazze che si fanno un mazzo così per portare il buonumore alle famigliole, che mai come in questo annus horribilis è cosa utilissima, però c'è pure l'altra faccia della medaglia. Il diritto a non voler fare niente se non ascoltare musica in cuffia, leggere un libro, e poco altro. No gioco aperitivo, niente balli di gruppo, spettacoli serali, tornei di freccette intergenerazionali e corsi di zumba.

Con questo in mente la Hi-Five di oggi è dedicata a cinque canzoni utili per accompagnare il grande rifiuto, quello da spiattellare in faccia agli animatori insistenti.


Rage Against The Machine - Know Your Enemy

Per iniziare a marcare il territorio non c'è niente di meglio dei Rage Against The Machine, si mettono subito le cose in chiaro e poi, del resto, meglio conoscere prima il proprio nemico. Certo, la situazione e le tematiche hanno meno peso politico e sociale di quanto cantato da Zach De La Rocha ma, in un certo senso, la figura dell'animatore insistente del villaggio turistico è un po' lo statuso quo da sovvertire per chi vuole una vacanza sotto il vessillo del diritto all'asocialità. Si tratta pur sempre di lotta per i diritti.



The Guess Who - No Time

Una delle canzoni più famose dei Guess Who. Il testo parla chiaramente di una relazione, ma versi come "Non c'è più tempo per te, sono in marcia verso cose migliori [...] non c'è più tempo per un'amicizia estiva, non c'è più tempo per il tuo amore", sono assolutamente pertinenti alla situazione, perché, davvero non ho tempo. Mollai !


The Stooges - No Fun

Andiamo avanti facendoci forza del caro, vecchio Iggy Pop e degli Stooges dei fratelli Asheton. Una canzone che è un inno alla noia scandita da un ritmo ripetuto, il sound di Detroit sporco ma declinato in modo insistente, perché non è sempre tutto divertimento, non è sempre tutto un ballo di gruppo, e c'è anche chi si annoia, a volte purtroppo, a volte volendo restare coccolato nella sua sacrosanta culla fatta di nulla.


Metallica - Metal Militia

In dirittura di arrivo si tira fuori l'artiglieria pesante e, in un certo senso, scatta anche una sorta di legge del contrappasso. La penultima canzone della playlist è frutto di due elementi strettamente legati al villaggio: la giovinezza e il maestro di tennis. Nello specifica la giovinezza è la mia, quella di quando ancora potevo avere un barlume di speranza in un futuro sportivamente e fisicamente meno disastroso, il maestro di tennis pure. Ci si può vedere una sorta di legge del contrappasso: "Come vi avvicinate ai lettini per disturbare, così sarete respinto da qualcuno di molto vicino a voi": il maestro di tennis appunto. Quello che avevo io era anche fan della musica metal e aveva questo brutto - o stupendo, fate voi - vizio di girare improvvisamente la racchetta durante l'allenamento per impugnarla a guisa di chitarra elettrica e urlarmi contro Metal Militia dei Metallica.

E poi, diciamoci la veritò, qualsiasi canzone dal debut album "Kill'Em All" sarebbe per fetta per respingere chiunque, no?



Nirvana - Stay Away

La chiusura, il pezzo da 90 del rifiuto da urlare in faccia è affidato a Kurt Cobain e al capolavoro dei Nirvana "Nevermind". Il grande vaffanculo di Cobain al mondo, che è quello che vorremmo davvero gridare esasperati all'ennesimo "Hey, ciao!". State lontani, via, via via, rimanete voi a fare quello che fanno tutti, che non è cosa per me.



HI-FIVE : 5 canzoni per respingere gli animatori molesti