Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  19 gennaio 2021

I Pearl Jam fanno causa a una cover band

I Pearl Jam hanno dato mandato ai loro legali di diffidare la cover band inglese dei Pearl Jamm

Possiamo solo immaginare la faccia fatta dai membri dei Pearl Jamm, cover band londinese dei Pearl Jam, quando si sono visti recapitare alcune lettere spedite direttamente dall'America e che avevano come mittente proprio i rappresentanti legali della loro band del cuore.  


Pearl Jamm o Pearl Jam?

Di sicuro la tribute band britannica sarà rimasta sorpresa nel leggere che il team legale dei loro idoli, quelli che tanto hanno amato al punto da decidere di condividere la passione con altri musicisti e portare il sound di Seattle in giro per tutto il Regno Unito, si è preso la briga di fargli causa per l'utilizzo del nome Pearl Jamm, decisamente troppo simile a quello della band guidata da Eddie Vedder e, a detta dei legali, a rischio di confusione.

La band si è formata nel 2016 e da allora si esibisce rendendo omaggio al repertorio dei Pearl Jam diventando anche abbastanza nota tra gli appassionati del genere di tutta Inghilterra. Più che un omaggio, però, secondo i legali di Vedder e soci, l'attività dei Pearl Jamm sarebbe solo un danno di immagine per la band tornata nel 2020 con l'album "Gigaton".


Nessuno è mai venuto a vederci aspettandosi i Pearl Jam

I Pearl Jamm hanno parlato della vicenda in un notiziario TV della BBC raccontando il loro essere increduli davanti alla richiesta di eliminare la presenza del loro nome da qualsiasi luogo fisico o virtuale: "Ci hanno chiesto di cambiare il nome della band - ha detto ai microfoni della BBC il chitarrista dei Pearl Jamm Tim Love - e non solo, anche di cedere loro gli indirizzi email, i domini web e anche di distruggere tutto il nostro merchandising".

Secondo i ragazzi inglesi questa mossa da parte dei legali dei Pearl Jam oltre ad essere per loro una delusione è anche assolutamente ridicola perché è impossibile confondergli con gli originali: "Non c'è mai stata una singola persona che, dopo aver visto un nostro show, si è lamentato o ha chiesto indietro i soldi perché si aspettava di vedere gli originali esibirsi al Garage di Highbury".

Una richiesta, quella dei Pearl Jam, che il bassista della tribute band considera ancora più sconfortante se si considera che è arrivata in un periodo in cui, a causa della pandemia, è anche impossibile esibirsi dal vivo.


La lettera alla band di Eddie Vedder

Attraverso i loro canali social, i Pearl Jamm hanno pubblicato una lettera aperta rivolta ad Eddie Vedder e a tutti gli altri membri dei Pearl Jam

"Sapete da anni della nostra tribute band e avete aspettato che arrivasse una pandemia per mandarci minacce legali. Questi non sono i Pearl Jam che conosciamo e che amiamo, quelli che si battono per le questioni sociali contro le grandi aziende. Nonostante questo i vostri legali ci hanno comunicato che la decisione dipende completamente da voi", si legge nella lettera.

"Nessuno ci ha mai confuso con voi e quindi dire che c'è una somiglianza non ha senso, non abbiamo causato danni al vostro brand in alcun modo anzi, abbiamo fatto il contrario - continua la tribute band inglese -  Vista l'aggressività dei vostri legali ci siamo chiesti se valga la pena continuare. Sarebbe stato più facile se qualcuno di voi ci avesse raggiunto personalmente, non in questo modo. Queste azioni sono lontani dal vostro personaggio e speriamo che, nonostante così non sembri, voi non siate al corrente di questa azione legale".

Voi da che parte state?



I Pearl Jam fanno causa a una cover band