Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  19 aprile 2021

I Queen e lo scioglimento sfiorato nel 1975

Prima dell'uscita del costosissimo album "A Night At The Opera" nel 1975 i Queen erano sull'orlo dello scioglimento, racconta Brian May

"A Night At The Opera" è sicuramente uno degli album più celebri dei Queen, complice anche il successo senza pari di 'Bohemian Rhapsody', ma stando a quanto raccontato da Brian May in un recente episodio della docuserie "Queen:The Greatest", la band entrò in studio consapevole che un possibile flop dell'album li avrebbe portati sull'orlo dello scioglimento.

Sull'orlo dello scioglimento

Nelle ultime settimane i Queen hanno cominciato a pubblicare attraverso i loro canali ufficiali una serie di video per raccontare alcuni dei momenti più importanti tra quelli vissuti nella loro carriera da star. La serie, che si chiama "Queen: The Greatest", ha mostrato pochi giorni fa un nuovo episodio relativo ad uno degli album più popolari, ambiziosi e complessi dei Queen: "A Night At The Opera".

Il disco, che si rivelò un successo grazie anche e soprattutto ad un singolo come 'Bohemian Rhapsody', fu un grandissimo azzardo per la band che era arrivata alla pubblicazione con una forte crisi finanziaria sulle spalle e la consapevolezza di essere in una situazione che avrebbe potuto portare allo scioglimento.

A raccontarlo è Brian May che nella clip spiega come "A Night At The Opera" - mai un album era costato così tanto fino a quel momento, una cifra vicina ai 400.000  euro di oggi - aveva l'obbligo di essere un successo, in caso contrario i Queen si sarebbero sciolti: "Non solo eravamo diventati poveri ma eravamo pieni di debiti - racconta il chitarrista - tutte le società di produzione e le persone che avevano lavorato con noi non avevano ricevuto ancora alcun compenso e quindi eravamo ad un punto cruciale. Se l'album non avesse venduto abbastanza ci saremmo dovuti sciogliere".

Parlando poi della complessità dell'album, il chitarrista dei Queen aggiunge che a volte si chiede ancora come sia stato possibile per loro quattro riuscire a creare un lavoro così difficile da un punto di vista tecnico e creativo: "C'è una complessità enorme su quel disco - ha detto May - e anche osservandola oggi, a distanza di tanti anni, mi chiedo come diavolo siamo riusciti a fare alcune cose".


I Queen e lo scioglimento sfiorato nel 1975

May e le scenate di Freddie Mercury

Recentemente Brian May aveva parlato in un'intervista di Classic Rock di un'altra dinamica interna relativa ai Queen svelando come la stella della band, il frontman Freddie Mercury, era abbastanza complicato da gestire ma, allo stesso tempo, finiva per essere il vero collante tra i quattro: "Freddie era sempre teatrale, spesso si metteva a fare delle scenate ma è stato proprio lui quello in grado di tenerci insieme. Era Freddie quello che riusciva a mettere le cose a posto all'interno della band".

Per quanto fosse una persona dotata di grande personalità, secondo May Freddie Mercury era comunque una persona dal cuore buono: "Tutti pensano che fosse difficile avvicinare Freddie ma in realtà era una persona affettuosa, si preoccupava per gli altri e cercava sempre di sorprenderti. Anche dopo un litigio era pronto a fare un passo indietro e tenere insieme la band".

Ironicamente i due poli opposti all'interno dei quattro Queen erano proprio gli unici due che stanno portando avanti la band ovvero lui, Brian May, e il batterista Roget Taylor:"La cosa divertente è che non esiste un solo argomento su cui io e Roger non la vediamo in maniera opposta - ha detto May- siamo diametralmente opposti e fosse stato per noi, probabilmente non saremmo rimasti insieme. Avevamo bisogno di uno diplomatico tra noi e, strano a dirsi, quel qualcuno era proprio Freddie".


Queen - Bohemian Rhapsody (Live At Wembley Stadium, Saturday 12 July 1986)

Queen - Bohemian Rhapsody (Live At Wembley Stadium, Saturday 12 July 1986)