Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  05 giugno 2020
di Nessuno
Nessuno

Il Boss torna on air

Nuova puntata dello show radiofonico di Springsteen in cui affronta la vicenda di George Floyd e degli interi USA

Il Boss torna ad accendere il microfono e anche questa volta, purtroppo, c'è da attendere perché sia quello di un concerto live. Si tratta del suo appuntamento radiofonico in cui tratta argomenti di vario genere, scegliendo la musica a supporto. Questa settimana non ha potuto esimersi dal commentare le vicende che stanno caratterizzando gli States di queste ultime ore.


Un linciaggio visivo del 21° secolo


Bruce Springsteen ha definito l'omicidio di George Floyd un "linciaggio visivo del 21° secolo" e ha affermato che gli Stati Uniti sono stati "perseguitati dal nostro peccato originale della schiavitù". Nel suo programma radiofonico SiriusXM, il Boss ha elencato una serie di ingiustizie sociali che, secondo lui, devono essere risolte, con il sottofondo di una playlist di canzoni a tema razziale e politico. 

"Mentre parliamo, 40 milioni di persone sono disoccupate", ha detto Springsteen nello show (da Rolling Stone). “Oltre centomila cittadini sono morti per COVID-19, con una risposta tiepida e insensibile della nostra Casa Bianca. Ad oggi, i nostri cittadini neri continuano a essere uccisi inutilmente dalla nostra polizia per le strade d'America. A partire da questa trasmissione, il paese è in fiamme e nel caos".


Le canzoni scelte

Bruce ha aperto lo spettacolo con la sua canzone "41 Shots (American Skin)", scritta a proposito dell'omicidio da parte della polizia di un immigrato disarmato, Amadou Diallo, nel 1999. "Quella canzone dura quasi otto minuti", ha detto. "È quanto ci è voluto perché George Floyd morisse con un ginocchio di un ufficiale di Minneapolis affondato nel suo collo. È molto tempo. È per quanto tempo ha chiesto aiuto e ha detto che non riusciva a respirare. La risposta dell'ufficiale non è stata altro che silenzio e peso fino a quando non c'erano più pulsazioni. E poi è andato avanti ancora."

Più tardi nella scaletta ha suonato "Strange Fruit", la canzone di Billie Holiday che ha definito "una delle canzoni più oscure del canone americano." "Il video della morte di George Floyd è un linciaggio visivo del 21 ° secolo", ha detto. "Strange Fruit" è stato scritto sui linciaggi degli americani neri dopo la ricostruzione e nel 20° secolo".

Il peccato originale della schiavitù


Springsteen ha sostenuto che "rimaniamo perseguitati, generazione dopo generazione, dal nostro peccato originale della schiavitù. Rimane il grande problema irrisolto della società americana. Il peso del suo bagaglio diventa più pesante con ogni generazione che passa. A partire da questa settimana violenta e caotica sul strade dell'America, non c'è fine in vista." Chiudendo lo spettacolo, ha esortato gli ascoltatori a "stare al sicuro. In salute. Resta forte. Fino a quando ci incontreremo di nuovo, resta sul pezzo. E vai in pace".

Il Boss torna on air