Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  12 maggio 2020
di Nessuno
Nessuno

Il nuovo articolo di Dave Grohl è bellissimo

L'ex Nirvana ha scritto un pezzo per il The Atlantic sull'importanza della musica dal vivo. Che tornerà, dice

La pandemia di Covid-19 ha avuto un impatto su quasi tutti i ceti sociali ma c'è qualcosa da imparare dall'esperienza della musica dal vivo e da tenere a mente, come Dave Grohl tenta di spiegare in un nuovo pezzo per The Atlantic. Il frontman dei Foo Fighters è coinvolto come tutti in quanto artista, ma anche in quanto fan e amante dell'esperienza condivisa di uno spettacolo dal vivo. 


4 Luglio, festa rimandata


Grohl ha parlato dei piani ormai accantonati della band per una festa speciale del 4 luglio a Washington, DC "So esattamente dove avrei dovuto essere: FedExField, fuori Washington, DC, con la mia band Foo Fighters e circa 80.000 dei nostri amici più cari. Avremmo celebrato il 25° anniversario del nostro album di debutto", afferma Grohl, definendolo" un festone rosso, bianco e blu da ricordare". 

Ha poi aggiunto: "So che quelli di noi che non devono lavorare negli ospedali o consegnare i pacchi sono i più fortunati, ma ho ancora voglia di tanto rock and roll vivo, trasudante, rumoroso, appena possibile. Il tipo di suono che fa battere il tuo cuore, il tuo corpo si muove e la tua anima con passione." 


"Non c'è niente come la musica dal vivo"


"Non c'è niente come l'energia e l'atmosfera della musica dal vivo. È l'esperienza più avvincente, vedere il tuo artista preferito sul palco, in carne ed ossa, piuttosto che come un'immagine monodimensionale si muove davanti a te mentre tieni il pc sulle gambe in uno dei tanto video Youtube che guardi di notte. Anche i nostri più amati supereroi diventano umani", dice Grohl, raccontando come doveva essere vedere i Queen allo stadio di Wembley per il Live Aid o ricordando la propria esperienza guardando gli U2 sull'Elevation Tour come fan, perdendosi nello spettacolo. 

Il leader dei Foo Fighters ha ricordato anche che Bruce Springsteen stava assistendo ad uno spettacolo dei Foo Fighters dal pubblico e che in seguito gli ha inviato un biglietto. "Ho ricevuto una lettera da Bruce, scritta a mano sulla carta di un hotel, che lo spiegava molto chiaramente. 'Quando guardi il pubblico', ha scritto, 'Dovresti vederti in loro, proprio come loro dovrebbero vedersi in te."

"Non per vantarmi, ma penso di aver avuto il miglior posto ai concerti per 25 anni. Perché vi vedo. [...] Vi vedo schiacciati contro le fredde transenne anteriori. Vi vedo tamburellare in aria sulle vostre canzoni preferite. Vedo che vi siete sollevati sopra la folla e vi siete fatti portare sul palco per un glorioso tuffo nell'abbraccio sudato. Vedo i tuoi cartelli fatti in casa e le tue magliette vintage. Sento le tue risate e le tue urla e vedo le tue lacrime. Ti ho visto sbadigliare (sì, tu) e ti ho visto svenire ubriaco al tuo posto."

Continua, "Ti ho visto con venti di uragano, a 100 gradi, a temperature sotto lo zero. Ho persino visto alcuni di voi invecchiare e diventare genitori, ora con le cuffie protettive Day-Glo dei vostri bambini che rimbalzano sulle vostre spalle. E ogni sera quando dico al nostro ingegnere dell'illuminazione di "accendere", lo faccio perché ho bisogno di quella spazio per stringermi e unirmi a voi come una cosa sola sotto il duro bagliore fluorescente."


Siamo strumenti in una cattedrale sonora.


Grohl conclude: "Nel mondo odierno di paura, disagio e distanziamento sociale, è difficile immaginare di non condividere più esperienze come queste. Non so quando si potrà tornare a cantare a braccetto a pieni polmoni, con i cuori che corrono, i corpi che si muovono, anime che esplodono di vita, ma so che lo faremo di nuovo, perché dobbiamo. Non è una scelta. Siamo umani. Abbiamo bisogno di momenti che ci rassicurino che non siamo soli. Che siamo capiti. Che siamo imperfetti. E, soprattutto, che abbiamo bisogno l'uno dell'altro."

"Ho condiviso la mia musica, le mie parole, la mia vita con le persone che vengono ai nostri spettacoli. E hanno condiviso le loro voci con me. Senza quel pubblico - quel pubblico urlante e sudato - le mie canzoni sarebbero solo suono. Ma insieme, siamo strumenti in una cattedrale sonora, che costruiamo insieme notte dopo notte. E che ricostruiremo sicuramente".

Clicca qui per il link all'articolo originale di Dave Grohl sul The Atlantic.

Il nuovo articolo di Dave Grohl è bellissimo