Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  09 luglio 2021

Inhaler a Radiofreccia: "Il nostro un album positivamente malinconico"

Gli Inhaler hanno presentato ai microfoni di Radiofreccia "It Won't Always Be Like This", album di debutto in uscita oggi

Nessuno ha incontrato via Zoom per Radiofreccia gli Inhaler, giovanissima band di Dublino capitanata da Elijah Hewson, figlio di Bono degli U2,  che proprio oggi ha pubblicato l'album di debutto "It Won't Always Be Like This".

Dopo una serie di singoli molto interessanti pubblicati nell'ultimo anno, gli Inhaler sono arrivati finalmente all'album di esordio. Un disco, dicono, positivamente malinconico in cui hanno cercato di conservare un minimo di fiducia mentre il mondo fuori andava a rotoli.



It Won't Always Be Like This

Un titolo, "It Won't Always Be Like This", che è anche quello del singolo attualmente nella Top 20 di Radiofreccia e che assume un significato particolare dopo un periodo quello vissuto da tutto il mondo nell'ultimo anno e mezzo.

"Non sarà sempre così", si dicono gli Inhaler, anche se la canzone che ha dato il titolo all'album è nata ben prima della pandemia:"Il brano era uscito circa due anni prima della pandemia - racconta Elijah - ma quando stavamo decidendo un titolo per il disco questa frase ci ha colpito, perché funzionava anche legandola a quello che è successo".

Il titolo dell'album, però, lascia aperti diversi finali: "Si può guardare in entrambi i modi. Non sarà sempre così, può anche peggiorare. Questo senso del titolo ci piace, penso funzioni".

L'influenza della pandemia sul disco

La pandemia, però, in qualche modo ha comunque influenzato indirettamente le canzoni dell'album, o almeno di percepirle: "Prima della pandemia le nostre canzoni erano molto più uptempo e positive" - dicono gli Inhaler - "Quando poi è successo quello che è successo, non possiamo fare a meno di pensare che la musica abbia subito un cambiamento. Ci sentiamo diversi e i nostri testi assumono un significato più serio, le cose sono un po' meno spensierate perché è così che è il mondo".

"Bisogna tenere duro e sperare che le cose migliorino o che non lo facciano ma che comunque possano cambiare in futuro" - dice la band - "Non si sa come sarà, quindi bisogna godersela. E' il disco più positivamente malinconico che sia mai stato fatto".

Parlando del modo in cui è nato il singolo 'Cheer Up Baby', i ragazzi svelano che, come accade spesso, il segreto sta nello speciale rapporto tra Rob e Josh: "Avevamo gli accordi per la canzone e una tastiera e Rob e Josh partirono con l'intro insieme. E' capitato diverse volte ma non è una strategia, si tratta di essere genuinamente annoiati allo stesso momento. E' casuale ma la gente pensa 'Wow, c'è una grande chimica tra questi due!'".



Inhaler a Radiofreccia: "Il nostro un album positivamente malinconico"


L'importanza degli Stone Roses e dei Niravana

Il sound di "It Won't Always Be Like This" si muove tra rock e pop con leggere influenze anni '80 ma, tra gli artisti che più hanno formato i quattro ragazzi di Dublino, mancano a sorpresa un'altra grande band della capitale irlandese.
Elijah Hewson, frontman degli Inhaler, è infatti il figlio di Bono Vox, leggendaria voce degli U2 ma l'influenza della band arriva più dalle parti di Manchester e della scena indie di primi anni 2000:"Le nostre radici sono sicuramente negli Stone Roses, nella scena di Manchester a cavallo tra gli anni '80 e '90. Amiamo anche molto gli Strokes e penso si senta. Ma gli Stone Roses sono quelli che ci hanno ispirato per primi, che ci hanno insegnato a scrivere la musica, torniamo sempre a loro".

Un'altra band che gli Inhaler hanno molto amato da ragazzi sono i Nirvana ai quali sono legati da un ricordo particolare:"Li abbiamo suonato live solo una volta. La prima volta in cui siamo saliti su un palco abbiamo aperto con Smells Like Teen Spirit" - raccontano -"E' stata la prima e ultima volta, l'abbiamo distrutta. Chissà chi ha pensato fosse una bella idea che quattro ragazzini di 14 anni suonassero la più grande canzone rock mai scritta! Abbiamo ancora gli incubi, ora non li suoniamo più e ci limitiamo ad avere il poster di Kurt Cobain in sala prove".

Per ascoltare gli Inhaler suonare le loro canzoni dal vivo invece di quelle dei Nirvana basterà andare al concerto della band ai Magazzini Generali di Milano il 9 maggio 2022, unica data in Italia annunciata ad oggi.

Intanto andate in basso e guardate tutta la chiacchierata degli Inhaler ai microfoni di Radiofreccia.

Inhaler @ Radiofreccia

Nessuno incontra gli Inhaler per parlare del primo album della giovane band irlandese: It Won't Always Be Like This