Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  04 settembre 2020

Keith Richards: "I Rolling Stones non si ritireranno mai!"

Il chitarrista degli Stones non immagina che la band possa smettere di suonare dal vivo

Quando si parla di Keith Richards si parla dell'essenza del rock'n'roll, di eccesso e, allo stesso tempo, di immortalità ed è proprio questo a cui aspira il chitarrista dei Rolling Stones.

In un'intervista concessa all'edizione USA di Rolling Stone per parlare dell'edizione 2020 di "Goats Head Soup" in uscita oggi, Keef ha dichiarato di non riuscire ad immaginare il momento in cui la band deciderà di appendere al chiodo gli strumenti.

Gli Stones non smetteranno mai di suonare dal vivo

La situazione della musica dal vivo in seguito all'arrivo del coronavirus è cambiata per sempre e ad esserne più colpiti, in termini quantomeno organizzativi, sono sicuramente quegli artisti che riescono a radunare davanti al palco grandi folle. Tra di loro chi lo riesce a fare egregiamente da decenni sono sicuramente i Rolling Stones che sembrano non avere minimamente intenzioni di fermarsi e venire meno alla loro fama di eroi immortali del rock'n'roll.

Intervistato da Rolling Stone Keith Richards si è infatti detto pronto ad adattarsi a qualsiasi situazione, perché è quello che fanno gli Stones, stare su un palco: "Potreste dire che si tratta di abitudine - ha detto l'iconico chitarrista del rapporto degli Stones con il suonare dal vivo - Voglio dire, è ciò che facciamo. E poi tra di noi c'è sempre quella cosa del, 'Chi sarà il primo a scendere dall'autobus ? Devi scendere con i tuoi piedi o essere calciato via, giusto? Quindi la situazione è questa e francamente non posso immaginarci presi a fare qualcosa di diverso che non suonare dal vivo".

Il frontman Mick Jagger, dalla sua dimora toscana, si è comunque detto preoccupato da cosa succederà: "Non sappiamo cosa accadrà, come i performer dal vivo potranno esibirsi in futuro - ha detto Jagger a proposito dei live con distanziamento sociale - Però, se dovesse essere quella la direzione in cui andrà il mondo, potremmo anche suonare per pochissime persone. Anche se potremmo essere abbastanza fortunati da aver venduto tanti biglietti, potremmo non essere in grado di suonare per tutte quelle persone in una volta sola".

A parte la release 2020 di "Goats Head Soup", che è arrivata oggi in edizione deluxe e che include i tre inediti 'Criss Cross', 'All That Rage' e 'Scarlet' con Jimmy Page e attualmente nella Top 20 di Radiofreccia, i Rolling Stones potrebbero avere in serbo anche nuova musica. Dopo la release del nuovo singolo 'Living In A Ghost Town' la scorsa primavera, nel pieno del lockdown, la leggendaria band britannica avrebbe già pronti alcuni pezzi nuovi, come conferma lo stesso Richards: "Abbiamo cinque, sei o sette tracce, penso, che lentamente abbiamo messo insieme. Al momento, mentre cerchiamo di capire comne si evolve la soluzione, forse dovremmo pensare di buttarle fuori in un altro modo".

Sempre a proposito del COVID-19, Keef si dichiara totalmente favorevole all'utilizzo della mascherina protettiva perché è ciò che bisogna fare e lui, sostiene, la indossa anche quando a va a dormire.

Mick Jagger 'redarguito' nel Duomo di Siena

Il frontman degli Stones, che da questa estate ha deciso di fare della Toscana la sua casa trasferendosi nel livornese, è stato protagonista di un bizzarro siparietto nello stupendo Duomo di Siena. Mettendo da parte le sue simpatie per il diavolo, il rocker britannico ha deciso di fare una visita nella cattedrale di Santa Maria Assunta accompagnato da guardie del corpo e alcuni amici. Come riporta il sito del quotidiano La Nazione, Mick e i suoi accompagnatori si sono presentati alle porte del duomo mercoledì intorno le 18.00 e il cantante degli Stones, già parzialmente nascosto dalla mascherina chirurgica, ha cercato di proteggersi da sguardi indiscreti indossando un cappellino.

Il travestimento è però durato poco, il tempo di mettere piede sul suolo della cattedrale, dove una solerte sorvegliante ha chiesto alla rockstar, che per lei era un turista qualunque, di togliersi il cappellino perché si trovava in un luogo sacro.

Jagger ha obbedito ed è in quel momento che si è mostrato, pur riuscendo a non attirare altri curiosi nei 45 minuti trascorsi all'interno della chiesa per la visita e permettendo solo alla sua guida di avvicinarsi.

Goats Heads Soup 2020

Esce oggi l'edizione 2020 di "Goats Head Soup", album pubblicato originariamente dai Rolling Stones nel 1973.

Il disco è disponibile in numerose versioni e si va dai 12 euro della versione in musicassetta ai 18 per quella da due CD e i 30 per il doppio vinile fino ai 120 euro del Box Set Super Deluxe.

Tra i tanti contenuti extra c'è anche materiale mai pubblicato prima, come i due singoli fatti uscire nei mei scorsi: 'Criss Cross' e 'Scarlet' - quest'ultimo, nella Top 20 di Radiofreccia, vede la partecipazione alla chitarra di Jimmy Page dei Led Zeppelin - oltre ad un altro brano dal titolo 'All This Rage' che in una nota si dice abbia 'lo stile selvaggio da post Brown Sugar'.

Oltre agli inediti, tra i bonus ci sono anche molte versioni alternative ai brani contenuti nella tracklist originale su disco, come Hide Your Love e 100 Years Ago, mix mai pubblicati.

Nel box set deluxe, inoltre,  è presente il disco Brussels Affair, un live da 15 tracce registrato in Belgio durante il tour in supporto del disco nell'autunno del 1973 e precedentemente contenuto solo nella serie di 'bootleg ufficiali' degli Stones del 2012.

Tra i contenuti del box set anche diversi mix dell'album come quello in 5.1 Surround Sound, Dolby Hitmos e Hi-Res, i video per Dancing WIth Mr.D, Silver Train ed Angie, un libro di 100 pagine con foto, testi scritti da Nick Kent, IanMcCann e Daryl Easle e le riproduzione di tre poster dal tour del 1973.

RS No.9, il primo negozio interamente dedicato ai Rolling Stones

Intanto i Rolling Stones hanno annunciato il loro primo flagship store che aprirà il 9 settembre al civico 9 di Carnaby Street nel quartiere di Soho, a Londra. Lo shop nel pieno centro della capitale inglese sarà curato dalla band in collaborazione con la società di produzione merchandising Bravado.

Il negozio sarà caratterizzato dai colori della band, rosso e nero, e avrà un pavimento a vetri decorato con alcuni dei versi più significativi tra quelli scritti dai Rolling Stones mentre i camerini saranno caratterizzati dall'artwork degli album più famosi pubblicati da Mick Jagger, Keith Richards e soci.

All'interno si potranno trovare merchandising di ogni tipo, vestiti esclusivi con i loghi della band, collaborazioni con stilisti e, ovviamente, i dischi pubblicati dai Rolling Stones.

"Soho ha sempre incarnato lo spirito del rock'n'roll - ha fatto sapere la band - quindi Carnaby Street è il punto perfetto per aprire il nostro negozio".

Sulle vetrine, riporta la BBC, ci sarà un'installazione che replica l'onda sonora di 'Paint It Black'. Lo store presenterà anche lo "Stones Red" un colore Pantone ufficiale che ricalca il rosso utilizzato per l'iconico logo delle labbra.

Keith Richards: "I Rolling Stones non si ritireranno mai!"