Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  27 maggio 2020
di Nessuno
Nessuno

Kirk Hammett: "il riff è mio e lo gestisco io"

Nessun senso di colpa da parte del chitarrista per aver usato dei riff di Ride The Lightning già collaudati nella band precedente

Prima di unirsi ai Metallica, Kirk Hammett era originariamente membro degli Exodus, una band che aveva co-fondato da adolescente. Guardando indietro all'album Ride the Lightning dei Metallica, ha ammesso di sentirsi in colpa quando ha preso la decisione di abbandonare la nave nel 1983, ma non ha avuto alcun rimorso nel riproporre alcuni dei suoi riff. 

Riascoltare Ride The Lightning oggi


Kirk Hammett e il batterista Lars Ulrich hanno fatto una riflessione traccia per traccia su ogni canzone del secondo album dei Metallica del 1984 in una recente intervista con Metal Hammer. "Trapped Under Ice" sfoggia un riff che Hammett ha originariamente scritto per la canzone degli Exodus "Impaler" (che è apparsa per la prima volta nell'album live degli Exodus del 1997 "Another Lesson in Violence" e successivamente nel 2004 Tempo of the Damned) ed è stato lasciare indietro i suoi amici delle superiori ad infastidirlo, non il fatto di aver riutilizzato il riff. "[I riff] provenivano da canzoni che avevo scritto, musica che avevo scritto. Le considero le mie parti", dichiara fermo il chitarrista della band.

Giusto a proposito di una traccia dell'album del 1984 della band, si è espresso anche Alice Cooper. Commentando 'Fade To Black', il padrino dello shock rock ha sottolineato come il trend della musica sia cambiato in quegli anni: "All'improvviso, il metal che era relegato all'underground, è arrivato in prima linea. Band come gli Iron Maiden e altri, e poi arrivano i Metallica che sono passati in radio e che non sarebbero stati passati nemmeno negli anni '70".

Dichiarando la propria ammirazione verso i Metallica per il loro mix di rabbia e talento, Cooper si è sbilanciato dicendo: "Ho sempre visto i Metallica come LA band metal. Hanno parlato ad una generazione che prima era un po'spaventata di classificarsi come metal. I ragazzi dicevano di volere un po' di rabbia nel rock'n'roll, non essere carini ed è per questo che piacevo, perché non lo ero. Alice Cooper era una minaccia e penso che anche i Metallica lo fossero, ma facevano anche dei dischi che erano delle hit."


Sensi di colpa? Macchè!

"Non mi sono sentito in colpa per questo", ha ammesso, "ma mi sono sentito in colpa per aver lasciato la band che ho fondato al liceo. Conosco il batterista [degli Exodus] Tom Hunting da quando avevo 16 anni, sono in contatto con Gary Holt [chitarrista degli Exodus] da quando avevo 17 anni. Siamo tutti tornati in contatto stando ad oggi, ma ci sono stati molti sensi di colpa per un po'. Un po' di rimorso."

Tuttavia, è stata una mossa intenzionale che ovviamente ha funzionato per Kirk Hammett, soprattutto con il senno di poi, cosa che infatti ha ammesso: "ho davvero sentito che i Metallica erano la mia vocazione. Mi sono sentito a mio agio a suonare nei Metallica più di quanto non abbia mai fatto negli Exodus, per cui tira le tue somme".

La dose di Metallica online ogni lunedì


Come tutti i fan della band di Hetfield, Ulrich, Hammett e Trujillo che si rispettino, l'appuntamento è ogni lunedì sui canali della band con i video della serie #MetallicaMondays in cui la band ogni settimana carica concerti completi ed esibizioni passate. La band ha recentemente rispolverato un concerto del 1983, tratto dal loro primo tour in assoluto. Lo spettacolo è stato girato pochi mesi dopo l'audizione di Hammett

Kirk Hammett: "il riff è mio e lo gestisco io"