Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  01 aprile 2020

KIss, Gene Simmons: "Vi si chiede solo di rimanere seduti a guardare la TV"

Il Demone invita i fan a rimanere chiusi in casa

Mentre il COVID-19 si diffonde sempre di più negli Stati Uniti, l bassista dei KISS, il Demone Gene Simmons, ha pubblicato un video sul canale Youtube della band per invitare i fan a rimanere in casa e rispettare la quarantena imposta dalla pandemia del Coronavirus. Nel messaggio, Simmons ringrazia tutte le persone impegnate attivamente nella lotta contro il COVID-19 e cerca di essere di supporto al suo pubblico in questo momento difficile.

"Ciao, sono Gene Simmons - dice nel video - e volevo prendermi un momento per ringraziare personalmente tutte le persone negli ospedali, i dottori, le infermiere, tutte le persone che ci mantengono in salute e in vita, i pompieri, la polizia tutti quelli che lavorano nella ristorazione e che ci portano il cibo a casa. Supereremo tutto questo insieme, davvero!

Voglio solo che prendiate in considerazione questo: durante la Seconda Guerra Mondiale sono morte 50 milioni di persone. Ai vostri nonni è stato chiesto di prestare servizio, molti di loro hanno fatto il sacrificio estremo. Sapete cosa stanno chiedendo a voi, invece? Di rimanere a casa. Di stare seduti sulle vostre chiappe e guardarvi tutto 'The Twilight Zone' per il giorno intero mentre delle persone rischiano le loro vite e vi portano del cibo. Siamo nel più grande Paese del mondo. Non siate stupidi. Amatevi, supportatevi. Supereremo tutto questo insieme, che Dio vi benedica".



Anche il compagno di band, lo Starchild Paul Stanley,  ha invitato il pubblico a fare attenzione e rimanere in casa sin dai primi giorni in cui la pandemia si è affacciata violentemente oltre oceano e nei giorni scorsi ha anche suonato qualcosa e raccontato la storia di alcuni suoi brani direttamente dalla sua casa di Los Angeles.

In un primo video, il frontman e chitarrista dei Kiss ricorda di rimanere in casa e fare come dicono i medici e poi parla di 'Love Gun', titletrack del sesto album pubblicato nel  1977, uno dei maggiori successi della band: "Quando ero un ragazzino - racconta Stanley - andai in un parco vicino casa mia. Un giorno una band locale si mise lì, non li avevo mai visti prima. Chiaramente volevano essere un band stile Led Zeppelin, il cantante aveva lunghi capelli biondi e il chitarrista, ovviamente, voleva essere il grande Jimmy Page, del resto chi non lo vorrebbe?" La band suonò poi 'The Hunter' di Albert King e Stanley capì i versi 'I really love you, baby' al posto degli originali 'I'm a big bad hunter, baby' e fece caso anche un verso che faceva riferimento al termine 'love gun' che gli rimase impresso ('cause I've got you in the sights of my love gun') al punto da utilizzarlo anni dopo.



In un video successivo, Stanley fa un passo in avanti con gli anni e suona 'Every Time I Look At You' dall'album del 1992 "Revenge". 



Nella speranza si possa tornare al più presto alla normalità, l' End Of The Road Tour dei KISS, l'ultimo per la band, ripartirà a giugno e il 13 luglio arriverà anche in Italia per una sola data all'Arena di Verona

KIss, Gene Simmons: "Vi si chiede solo di rimanere seduti a guardare la TV"