Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  25 novembre 2021

Korn, Head e Jonathan Davis parlano dei problemi di Fieldy "Preghiamo perché si riprenda"

Il cantante e il chitarrista dei Korn parlano del bassista dopo la pausa presa per superare le proprie dipendenze

I Korn sono tornati con il nuovo album "Requiem" e il nuovo singolo ' Start The Healing' ma la band nu metal americana ha passato mesi difficili. Tra il COVID che ha colpito diversi componenti dei Korn e l'uscita dal gruppo del bassista Fieldy, membro storico alle prese con un po'di problemi personali da risolvere.

Jonathan Davis:"Prego per Fieldy"

Proprio a proposito di Fieldy hanno parlato con Kerrang! Il cantante dei Korn Jonathan Davis e il chitarrista Brian 'Head' Welch, che hanno discusso dello stop annunciato dal bassista prima dell'estate per poter 'guarire' e lottare nuovamente contro le sue dipendenze.

Dipendenze che anche gli altri membri della band conoscono bene:"La cosa migliore da fare in questi casi è stare a casa con la propria famiglia e cercare di elaborare il tutto" - sostiene Head - "Deve trovare il modo di guarire. E' una battaglia che io stesso continuo a combattere, tre o quattro anni fa ho subito qualche scivolone quindi lo capisco, ma io sono riuscito a gestirla andandoci a sbattere e fermandomi in tempo prima che diventasse davvero un problema. Non sono preoccupato perché so che riuscirà a stare bene".

Davis, dal canto suo, sembra più perplesso del compagno a causa di alcuni trascorsi:"Gli voglio bene, per me è un fratello ma ho visto persone care morire e non voglio che accada di nuovo, mi rifiuto. Mi sentirei in colpa per tutto il resto della mia vita. Ho fatto del mio meglio, anche se forse facendo di più le cose sarebbero potute andare diversamente. Prego perché Fieldy riesca a risolvere i suoi problemi, stare meglio e tornare ad essere nuovamente una grande parte di questa band".

Un 2021 nu metal

In un'altro passaggio dell'intervista, Head parla di questo 2021 che ha il sapore di inizio millennio. Un anno in cui, a distanza di poche settimane, Korn, Limp Bizkit e Slipknot sono tornati con nuova musica. Un salto spazio temporale all'esplosione del nu-metal di circa 20 anni fa che, dice il chitarrista della band, sembra più attuale e legittimo che mai:"Ci si mette ancora il cuore. Noi, così come loro amiamo ciò che facciamo e il pubblico capisce questa cosa. Non importa quante persone possano essere negative sulla cosa, il giudizio finale spetta agli ascoltatori".

E questo amore si è avvertito anche nella scrittura di Requiem, come ricordato da Jonathan Davis. A proposito del rapporto che dopo tanto tempo ancora lega i membri della band, il cantante dei Korn ha detto:"Siamo insieme da 27 anni ma sono ancora felice di vederli. Siamo ancora eccitati come quei ragazzi di 24 anni alle prese con il loro primo album".


Korn, Head e Jonathan Davis parlano dei problemi di Fieldy "Preghiamo perché si riprenda"

Requiem, il nuovo album dei Korn

Uscirà il 4 febbraio 2022 per Loma Vista Recordings "Requiem", nuovo album in studio dei Korn che in concomitanza con l'annuncio hanno pubblicato il nuovo singolo 'Start The Healing'.

Requiem è il successore del precedente "The Nothing", pubblicato dalla band di Jonathan Davis nel 2019, ed è stato pubblicato sfruttando tutti i tempi concessi dal lockdown e dalla pandemia. A causa della pausa forzata dai tour, i Korn hanno infatti potuto concentrarsi sulla realizzazione del materiale in studio senza fretta e senza pressioni. Nonostante le complicazioni dovute alle difficoltà logistiche, i Korn sono riusciti a trarre il meglio dalla situazione e dare vita ad un processo creativo nuovo e stimolante.

In Requiem, dice la band, si sono finalmente potuti permettere di lavorare senza vincoli di tempo, sperimentare, registrare su nastro analogico e percorrere vie che, in passato, sono sempre state messe in secondo piano. Il risultato è stato riuscire a portare il sound dei Korn in una nuova dimensione.

L'annuncio è arrivato dopo il teasing fatto dalla band attraverso i social, condividendo un estratto di Start the Healing con un filtro di realtà aumentata, e con affissioni di cartelloni pubblicitari che mostravano il logo della band in tutto il mondo.

Il disco è già disponibile in preorder con diversi formati , incluso un vinile argentato a tiratura limitata di sole 1000 copie.

Questa la tracklist di Requiem dei Korn:

1. Forgotten

2. Let the Dark Do the Rest

3. Start The Healing

4. Lost in the Grandeur

5. Disconnect

6. Hopeless and Beaten

7. Penance to Sorrow

8. My Confession

9. Worst Is On Its Way

Contestualmente all'annuncio di Requiem, i Korn hanno anche pubblicato il primo singolo intitolato 'Start The Healing'.

Ad accompagnarlo un video girato da Tim Saccenti (Depeche Mode, Flying Lotus, Run The Jewels). A proposito della clip il regista ha detto: "La nostra idea per questo video era quella di mutare quell'aspetto del DNA dei Korn che li rende così stimolanti, il loro mix di potenza grezza ed emozioni umane. Volevo trasportare lo spettatore in un viaggio emotivo, come fa la canzone, una morte e una rinascita viscerali e catartiche che, si spera, aiutino l'ascoltatore in qualunque siano le sue lotte personali. Collaborando con l'artista 3-D Anthony Ciannamea abbiamo attinto alla mitologia dei Korn ed esplorato le loro fonti di luce e oscurità per creare un incubo horror surreale.