Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  22 giugno 2021

Korn, il bassista Fieldy si prende una pausa della band

Il bassista dei Korn Fieldy ha annunciato una pausa della band per cercare di risolvere alcuni problemi personali relativi a delle 'cattive abitudini'

Il bassista dei Korn Fieldy ha annunciato di prendersi una pausa dalla band per cercare di gestire dei problemi personali.

In pausa dai Korn

Con un post sui social media il bassista dei Korn Reginald 'Fieldy' Arvizu, membro fondatore della band con Jonathan Davis, Head e Munky, ha annunciato la volontà di prendersi una pausa dalla band per risolvere alcune questioni personali.

Il musicista ha parlato della necessità di gestire delle cattive abitudini prima di poter tornare a pieno regime con la band in cui suona dal 1993: "Negli ultimi anni ho avuto a che fare con alcuni problemi personali che, a volte, mi hanno portato a ricadere in alcune delle mie brutte abitudini - ha ammesso il bassista dei Korn - e questo ha causato alcune tensioni con le persone che mi circondano. Mi è stato suggerito di prendermi un po' di tempo per guarire e rispetto ciò che mi è stato chiesto, quindi mi prenderò quel tempo. Per questo motivo, purtroppo, non mi vedrete sul palco con la mia band".

Parlando di quello che sembra, evidentemente, un problema di dipendenze, Fieldy ha aggiunto:"Lavorerò per cercare di superare queste cattive abitudini e buttarle fuori. Nel frattempo mi manterrò creativo per cercare di stare bene con il corpo e con la mente".

Il post si conclude con un messaggio diretto ai suoi compagni di band che ringrazia e dice di amare, aggiungendo di non voler portare alcuna tensione o cattiva vibrazione all'interno del gruppo.



Le dipendenze e la fede

Se i Korn non hanno ancora commentato la decisione di Fieldy, arrivata proprio poco prima che la band inizi un tour nord americano con gli Staind, i problemi di Fieldy con le droghe sono ben documentati.

Già una decina di anni fa il bassista della band americana guidata da Jonathan Davies aveva pubblicato un libro che parlava dei suoi problemi di dipendenza, in cui si scusava con gli altri membri del gruppo e si raccontava, parlando anche dell'importanza della fede nel suo percorso.

Il libro, che si chiamava "Got The Life: My Journey Of Addiction, Faith, Recovery and Korn" conteneva addirittura una lettera scritta ad ognuno degli altri Korn per scusarsi del comportamento sbagliato avuto in passato fatto di alcol, droghe, eccessiva alimentazione. Un percorso complicato, quello per Fieldy, che invece di andare in rehab, aveva trovato la sua motivazione nella fede anche se, come aveva detto in un'intervista "Dire che Cristo  è stato il mio rehab non è una cosa figa, ma in realtà è andata proprio così, ed è una cosa potente".


Korn, il bassista Fieldy si prende una pausa della band

I nuovi progetti dei Korn 

Intanto i Korn, che saranno anche dal vivo in Italia per una sola data il 7 giugno 2022 all'Ippodromo Snai di Milano in occasione del Milano Summer Festival, sono alle prese con il seguito di "The Nothing".

Negli ultimi mesi sia il cantante Jonathan Davis che gli altri membri della band hanno confermato a più riprese che il nuovo album è quasi pronto nonostante le difficoltà imposte dalla pandemia: "Abbiamo appena finito di scrivere un album - aveva detto Davis a fine aprile- Anche se la band è un po' sparpagliata al momento. Io sono a Bakersfield, un paio dei ragazzi sono a Los Angeles, gli altri sono a Nasvhille. Ci vorrebbe la mano di Dio per incontrarci tutti nello stesso posto e lavorare insieme. Bisogna pianificare il tutto e sono sicuro che ci sono un miliardo di altre band nella stessa situazione, con un sacco di musica da pubblicare. Intanto speriamo di poter tornare a suonare dal vivo e divertirci".

In precedenza anche il chitarrista della band, Brian 'Head' Welch, aveva raccontato che qualcosa stava iniziando a muoversi in casa Korn: "Ci siamo scambiati idee a distanza ma è stato difficile a causa della pandemia, perché Munky vive a Los Angeles dove la situazione è grave, vive con la matrigna e la famiglia e deve stare molto attento. E' stato tutto davvero folle ma in qualche modo siamo riusciti a vederci e stiamo decidendo cosa fare. Abbiamo delle idee fighe e speriamo fare presto qualche annuncio".