Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  01 febbraio 2021

Machine Gun Kelly caduto dal palco del SNL

Dopo la sua esibizione al SNL, Machine Gun Kelly è precipitato dal palco trascinando dietro uno degli ospiti del celebre show televisivo. Guarda il video!

Una prima ospitata da ricordare quella per Machine Gun Kelly al SNL, il celebre show televisivo Saturday Night Live , dove il cantante americano è precipitato dal palco trascinando con sé anche uno dei comici ospiti della puntata

L'episodio è avvenuto sulla conclusione della puntata dopo l'esibizione di MGK che ha presentato alcuni brani dal suo ultimo album "Tickets To My Downfall".


Machine Gun Kelly e la caduta al "SNL"

Prendendo forse troppo alla lettera la caduta, la 'downfall' presente nel suo ultimo album "Tickets To My Downfall", il rapper e cantante americano Machine Gun Kelly ha battezzato la sua prima partecipazione al Saturday Night Live, uno degli show televisivi più famosi del mondo, cadendo rovinosamente dal palco mentre tutti gli ospiti e i presenti festeggiavano la conclusione dell'ultima puntata.

Alla fine della serata tutto il cast, incluso MGK e il presentatore - l'attore di The Office John Krasinski - si sono riuniti sul palco per i saluti finali. Dopo un caloroso abbraccio con Krasinski, Kelly ha avuto la brillante idea di prendere uno dei protagonisti dello show, il comico Pete Davidson, e caricarselo sulle spalle. Peccato che il cantante non si sia accorto del bordo alle sue spalle finendo per scivolare e cadere giù dal palco, trascinando con sé anche il pover Davidson.

Dopo pochi secondi di preoccupazione i due sono ritornati on stage e, non contenti del risultato, Davidson ha ricambiato il favore caricandosi in spalla MGK, questa volta, per fortuna, senza conseguenze.

Guarda il video della caduta di Machine Gun Kelly al SNL di seguito.


L'esibizione di Machine Gun Kelly al Saturday Night Live

Nel corso della serata, Machine Gun Kelly si è esibito suonando in due momenti, uno in apertura e uno in chiusura del programma. Nella prima parte dello show MGK ha suonato 'My Ex' Best Friend', singolo pubblicato con il rapper blackbear contenuto in "Tickets To My Downfall" e a lungo nella Top 20 di Radiofreccia. In chiusura di spettacolo, invece, Machine Gun Kelly ha invece voluto aprire una parentesi emozionale eseguendo 'Lonely', canzone scritta per suo padre scomparso nel luglio 2020.

A proposito del Saturday Night Live il cantante, che si è presentato negli studi arrivando abbracciato alla sua fidanzata Megan Fox, ha detto di essere molto emozionato per l'esibizione: "Ricordo che guardavo il SNL da bambino ogni weekend con mia zia e mio padre e, visto che oggi loro non sono più qui per poter vedere questo momento, suonerò la canzone che ho scritto per loro. Spero di poter così sentire la loro presenza al mio fianco".

Guarda le esibizioni di MGK al SNL:



Machine Gun Kelly caduto dal palco del SNL

"Downfalls High", il film di Machine Gun Kelly

Recentemente Machine Gun Kelly ha pubblicato "Downfalls High", un film della durata di 50 minuti narrato dallo stesso Kelly e dal suo fedele amico, il batterista dei blink-182 Travis Barker che ha anche collaborato con lui su "Tickets To My Downfall". Come si intuisce già dal titolo, proprio l'ultimo album di MGK, quello della sua svolta punk-rock, è l'ispirazione per "Downfalls High".

La pellicola, infatti, è un musical ambientato nel tipico liceo americano e incentrato sulle canzoni presenti nel disco che fanno da colonna sonora delle avventure dei protagonisti - la superstar di TikTok Chase Hudson e l'attrice Sydney Sweeney - mentre Kelly appare nei panni di se stesso e suona le canzoni di "Tickets To My Downfall", anche insieme agli ospiti presenti sul disco come Trippie Redd, Iann Dior e blackbear.

Parlando del film MGK ha detto: : "E' stato come girare quattordici videoclip musicali in sequenza ma con un filo narrativo che è al di fuori delle mie storie personali. Il focus è su altri personaggi, mentre io e Travis facciamo solo da narratori. Credo sia un concetto interessante perché non è mai stato fatto nulla del genere per altri album ad eccezione, forse, di The Wall dei Pink Floyd".

Guarda "Downfalls High" in basso.