Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  15 giugno 2020
di Nessuno
Nessuno

Myles Kennedy, album "praticamente fatto"

La grande voce degli Alter Bridge ha raccontato lo stato dei lavori del secondo disco solista

Il frontman degli Alter Bridge, Myles Kennedy, ha realizzato il suo secondo disco solista durante la pandemia e nel corso di una recente intervista ha rivelato che è il processo è ormai alla fine ed il disco si può considerare "praticamente fatto".


In ogni crisi c'è un'opportunità


"Sono entusiasta. Sono stato in grado di fare qualcosa durante questo periodo, oltre che uscire con la mia famiglia, il che è stato meraviglioso", ha detto il cantante, prima di approfondire le considerazioni sul disco.

Per la realizzazione del nuovo album Miles Kennedy ha utilizzato una gamma di strumenti più ampia rispetto a quella tipicamente in forza agli Alter Bridge e con Slash nel suo debutto solista, Year of The Tiger. Quel disco, stando alle parole dell'artista, era di natura più concettuale, trattando dell'esperienza della sua famiglia di aver perso il padre in giovane età. Durante la chiacchierata, Kennedy ha rivelato di aver in gran parte registrato l'album come demo e si aspetta di iniziare a registrare nei prossimi mesi puntando ad uscire nel 2021.

La linea del blues, ma con più rumore

Parlando del nuovo album, Kennedy ha rivelato: "È sicuramente un po' più collegato al presente, per quanto riguarda l'approccio generale. Year of the Tiger si appoggiava pesantemente sul lato acustico delle cose, e ha sicuramente un'atmosfera blues. Questo continua con la sensazione che questa sia la mia opportunità di avventurarmi ancora di più nel regno blues, specialmente come chitarrista, ma, detto questo, è un po 'più rumoroso. [Ride] È molto più attuale, pesta un po' più forte e ci sarà da divertirsi un sacco con la chitarra. Quindi sono eccitato per questo."

Per quanto riguarda la linea, Kennedy afferma di non voler fare un altro concept album, sebbene sia stato sicuramente influenzato dallo stato attuale del mondo. "Ovviamente, questi sono tempi pazzi, quindi è praticamente impossibile non essere influenzato da quello nella scrittura, di sicuro si farà strada nel contesto dei testi. Quindi ci sono elementi per guardare a ciò che sta accadendo, fare domande, a modo nostro quindi di occuparsene", afferma Kennedy.

Le soddisfazioni del songwriting


Aggiunge: "Questo è ciò che amo dell'essere un cantautore: ti aiuta davvero a lavorare sulle cose, a gestire le cose e a dare un senso alle cose. Ma ci sono anche canzoni in cui volevo assicurarmi che non si trattasse solo di questo. Per me, ciò che fa è dare il tempo alle cose, datarle. Se il disco dovesse uscire tra un anno e le persone avessero passato tutto questo, allora non so se e quanto sarebbe rilevante. Quindi devi fare attenzione e assicurarti di non renderlo così letterale, ma avere un po' di ambiguità in modo che possa toccare circostanze diverse ma ancora trasmettere l'emozione che stai provando mentre la attraversi, è questa è la grande sfida per me".

Myles Kennedy, album "praticamente fatto"