Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  16 luglio 2020
di Nessuno
Nessuno

Nike lancia le Grateful Dead Snickers

Per i Deadheads di tutto il mondo (e sì, c'è un piccolo taschino nascosto)

I Deadheads di tutto il mondo potranno anche non avere più la band del cuore da inseguire in giro per il mondo di questi tempi, ma avranno comunque ancora bisogno di scarpe per andarsene a spasso. Fortunatamente per loro, Nike ha annunciato una nuova linea di sneakers in collaborazione con i Grateful Dead.



Sneakers for funny feet

La Nike SB Dunk Low Grateful Dead costano $ 110 ed sono disponibile in tre varianti di colore. La versione arancione sarà rilasciata il 18 luglio tramite FTC Skateshop, mentre le versioni verde e gialla usciranno il prossimo 24 luglio tramite l'app Nike SNKRS e saranno prevalentemente disponibili nei negozi di skate.

Le sneaker si ispirano agli iconici orsi danzanti della band, apparsi per la prima volta sul retro dell'album dal vivo del 1973 History of the Grateful Dead, Volume 1 (Bear’s Choice). Le scarpe presentano una fodera esterna in pelliccia sintetica e pelle scamosciata, il "baffo" Nike sfilacciato che riprende i colletti degli orsi e un'immagine circolare dell'orso sulla linguetta. All'interno delle scarpe c'è una soletta con il teschio Steal Your Face stampato sul lato inferiore e una piccola taschina nascosta con tanto di cerniera sulla linguetta interna per riporre qualcosa il contenuto delle sigarette simpatiche, insomma il vero e proprio non plus ultra per una ipotetica esperienza live dei Grateful Dead.



Dancing Bear


Quello che non tutti sanno è che Bear era una persona in carne ed ossa. Si chiamava Augustus Owsley Stanley III ed era un ingegnere audio americano nonché un chimico clandestino. Fu una figura chiave nel movimento hippy di San Francisco negli anni '60 e nella controcultura. Sotto lo pseudonimo di Bear svolgeva i compiti di tecnico del suono dei Grateful Dead, che incontrò quando Ken Kesey li invitò ad un Acid Trip.

"Come benefattore della band, Bear è stato una parte incredibilmente grande della capacità dei Grateful Dead di diventare quello che erano", ha dichiarato David Lemieux, archivista e manager dell'eredità della band anche in termini di licenze. “Erano musicisti di talento, ma non avrebbero avuto la libertà di rinunciare al lavoro, trasferirsi a Los Angeles e esercitarsi per 14 ore al giorno. La band non sarebbe diventata quella che è oggi senza le innovazioni e i contributi di Bear. Lo stesso spirito fortemente indipendente di Sandy Bodecker, altra figura chiave di Nike che ha contribuito a creare quell'autenticità all'interno della comunità skate.”




Captain Trips and The Other One


Le immagini delle scarpe circolano online da mesi. Naturalmente, sneakerheads e Deadheads sono entusiasti di avere ora le date di rilascio e i prezzi fissati. Considerando la storia della Nike tra i collezionisti, queste sneakers probabilmente si esauriranno a breve, quindi meglio segnare sul calendario le date se siete tra gli interessati.

Oltre alla figura carismatica di Jerry Garcia, i Dead s componevano anche di un altro grande membro senza il cui apporto musicale la storia sarebbe stata ben diversa. Si tratta di Bob Weir, protagonista di un bellissimo documentario su Netflix che racconta la storia della band fino agli ultimi giorni di vita. Si chiama The Other One- The Long Strange Trip of Bob Weir. Da non perdere.


Nike lancia le Grateful Dead Snickers