Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  21 maggio 2021

Noel Gallagher: "Gli Oasis di nuovo insieme per 100 milioni"

La reunion degli Oasis? Noel Gallagher tornerebbe con la band per 100 milioni di sterline

Si parla di reunion degli Oasis ormai da anni, un sogno per Liam Gallagher e una cosa impossibile per Noel Gallagher che parla nuovamente della questione dicendo che tornerebbe con la band per la cifra impossibile di 100 milioni di sterline.

La reunion degli Oasis per 100 milioni di sterline

La scorsa settimana Noel Gallagher aveva detto di non essere  interessato in una reunion degli Oasis ma, più o meno scherzando, ha svelato la cifra che lo convincerebbe a ritornare sul palco con una delle band di maggior successo nella storia del rock inglese.

A differenza di suo fratello Liam che spesso ha chiamato a gran voce il ritorno della leggendaria band britannica, Noel ha sempre escluso l'ipotesi di ripartire da dove tutto si era concluso nel 2009 a meno che qualcuno non gli offra una montagna di soldi.

Commentando le dichiarazioni di Liam dello scorso anno in cui il frontman degli Oasis incolpava Noel per la mancata reunion dopo aver rifiutato una grande offerta, Noel ha detto cosa lo spingerebbe a fare una reunion degli Oasis ai microfoni del The Jonathan Ross Show:"Tra tutti noi nel music business non c'è nessuno che possa mettere insieme 100 milioni di sterline quindi...se qualcuno vuole offrire 100 milioni di sterline, qui lo dico, tornerò con gli Oasis. Lo farò per 100 milioni di sterline, una cifra ridicola. La cosa divertente è che penso che Liam mi creda davvero quando lo dico".




Noel Gallagher: "Gli Oasis di nuovo insieme per 100 milioni"

I rapporti con Liam

Parlando del rapporto con suo fratello Liam, poi, Noel ha detto che non gli manca particolarmente anche se i due non si rivolgono la parola da quando gli Oasis hanno messo fine alla loro avventura nell'agosto del 2009: "E'finito tutto con la gioventù e quello spirito di cameratismo. Una volta che il genio ha lasciato la lampada non puoi rimetterlo dentro. Si tratterebbe di farlo solo per lo spettacolo e per 100 milioni di misere sterline".

"Tutti hanno superato la cosa - ha poi aggiunto - Parlo con mia mamma quasi tutti i giorni e lei non ha mai toccato questo argomento nemmeno una volta".

Parlando recentemente ad una TV australiana, Noel ha spiegato che per lui gli Oasis non dovrebbero riunirsi perché il loro nome è ormai impresso nella storia del rock e va bene così: "La band ha lasciato un'eredità che è incisa nella pietra, ha spiegato, se le persone ci hanno visto dal vivo capiranno il perché di tutto questo casino. Se non lo hanno fatto, beh, è dura perché anche io non ho mai visto i Beatles o i Sex Pistols".

Oltre a questo, dice il rocker di Manchester, c'è anche il fatto che la libertà artistica e decisionale di cui gode ora non sarebbe possibile in una band, men che meno con uno come Liam: "La gente mi chiede ogni santo giorno della reunion e io posso semplicemente dire che non me la sento. Quando sei in una band è un compromesso totale e quindi no, non penso di poter avere un'idea e poi vederla rovinata da altre quattro persone e poi, sei settimane più tardi, qualcuno la respinge perché il gatto ha la tosse. Preferisco seguire il mio ritmo, temo che gli Oasis siano finiti".

Intanto, se una reunion degli Oasis non pare proprio possibile, i fan potranno rivivere i fasti della band dei fratelli Gallagher con un film concerto di prossima uscita che documenta i due storici concerti della band a Knebworth dove, nel 1996, gli Oasis radunarono oltre 250.000 spettatori in uno degli eventi dal vivo che hanno definito il rock degli anni '90.