Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  29 settembre 2020

Noel Gallagher: "Non ci sono più vere rockstar"

L'ex Oasis commenta la mancanza di rockstar tra gli artisti più famosi del mondo

Noel Gallagher è ormai una presenza fissa nel podcast di Matt Morgan e come sempre non manca di far parlare con il suo classico stile al vetriolo. Questa volta se l'è presa con popstar come Taylor Swift ed Ed Sheeran lamentando una mancanza di vere rockstar tra gli artisti più famosi del mondo, a differenza di come accadeva qualche anno fa quando i migliori erano anche i più famosi. 

Più vendono più fanno schifo

Intervenendo in puntata l'ex compositore degli Oasis, da anni ormai in giro con i suoi Noel Gallagher's High Flying Birds, si è lamentato dello stato attuale della musica e dello scarto che c'è tra qualità e fama: "La musica ora è una questione di stile più che di sostanza. Trovo che tutti questi giovani che fanno parte del mercato discografico hanno un aspetto fottutamente fantastico, hanno tutti i tatuaggi, il look e stronzate varie ma, in verità, sono solo merda. Non dicono niente".

Tutto questo, secondo Noel, non avveniva ai suoi tempi: "Ora quelli che vendono di più fanno cagare, mentre quando ero ragazzo io gli artisti che vendevano di più erano gli artisti migliori. La band più grande del mondo, di solito, era anche la migliore. Ora la cosa più grande al mondo è quella cazzo di Taylor Swift. Siete seri? Vaffanculo!"

Non ci saranno più jet privati

Noel Gallagher invita anche ad una riflessione sul rapporto tra rockstar e social media e su come gente tipo David Bowie o Marc Bolan non riuscirebbero a vivere in un ambiente come quello di oggi: "Non ci sarà mai un altro David Bowie, un altro Marc Bolan, non avremo più un nuovo Freddie Mercury, vere e proprie rockstar - sentenzia l'artista di Manchester - Io non mi considero una vera rockstar, sono più un cantautore, un artigiano, non sono una vera rock star di quelle eccessive ma gente come loro non ci sarà più. Tutto questo perché i musicisti non riusciranno mai più a guadagnare tutti quei soldi e quelli che lo fanno sono i tipi com Ed Sheeran".

Come un vero boomer Noel continua a fare paragoni con i tempi passati che non torneranno più: "Non ci saranno più jet privati o David Bowie che si presenta nella stazione di King's Cross vestito da nazista, non ci saranno più personaggi del genere perché la gente si preoccuperebbe dei social media".

I proclami di Noel

In questo periodo Noel Gallagher si è lasciato andare a esternazioni di ogni tipo anche, a volte, francamente evitabili. Parlando al Daily Star ha commentato la recente esibizione di Miley Cyrus agli MTV Video Music Awards in cui l'artista americana si è esibita a cavallo di una palla strobo gigante sulle note di 'Midnight Sky'. Secondo il rocker inglese immagini come quella sono lo specchio degli Stati Uniti e di come l'America abbia sessualizzato le donne nella musica: "Quella donna orribile Miley Cyrus era in onda a fare le sue cose e anche mio figlio di nove anni mi ha chiesto perché il cameraman le filmasse le gambe. Le donne sono state sessualizzate a causa dell'America, la cultura britannica non lo permetterebbe mai. Tutto questo viene dall'America, quella stupida cultura giovanile".

Precedentemente, sempre ospite di Matt Morgan, Noel si era rivelato come No mask al grido di frasi più che discutibili come: "Ci sono troppe cazzo di libertà che ci han portato via. A me non frega un cazzo, decido di non indossarla e se mi becco il virus è un problema mio non di qualcun altro. Se gli altri hanno la mascherina non prenderanno nulla da me e io non lo prendo da lo, credo sia solo una stronzata". Pronta la risposta del fratello Liam Gallagher che, invece, si è dichiarato sostenitore della mascherina dando del cretino a Noel.

#MorningGlory25

Intanto gli Oasis hanno annunciato che per celebrare i 25 anni dalla pubblicazione di "(What’s The Story) Morning Glory?", il disco capolavoro dei fratelli Gallagher sarà stampato in due vinili speciali sono già disponibili nello store ufficiale della band. Così come già fatto in occasione dei 25 anni di Definitely Maybe, l'album sarà disponibile in due formati con audio rimasterizzato: uno sarà un picture disc che presenta da un lato la copertina del disco e dall'altro una foto di Liam e Noel Gallagher, e l'altro è un doppio vinile colore argento in vendita con una replica del testo di Wonderwall scritto a mano da Noel Gallagher su foglio A4.

Per festeggiare i 25 anni di Morning Glory, poco fa la pagina ufficiale degli Oasis ha anche annunciato Return To Rockfield, una nuova intervista esclusiva con Noel Gallagher che ripercorre le registrazioni dell'album tornando sul luogo del delitto: gli storici Rockfield Studios in Galles. L'intervista sarà disponibile sul canale YouTube ufficiale degli Oasis a partire dalla sera di giovedì 1 ottobre.




Noel Gallagher: "Non ci sono più vere rockstar"