Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  08 settembre 2021

Non finisce lo scontro tra i Sex Pistols e Lydon

Steve Jones e Paul Cook rispondono alle accuse di John Lydon dopo la chiusura della causa per i diritti delle canzoni della serie TV "Pistol"

Sembrano non volersi fermare le questioni interne ai Sex Pistols sulla disputa legata ai diritti per il biopic di Danny Boyle. Pur avendo perso in tribunale contro i suoi compagni di band, Johnny Lydon continua a polemizzare nei confronti di Steve Jones e Paul Cook che rispediscono ogni accusa al mittente.

Un ignaro Lydon

Poche settimane fa un tribunale londinese si era espresso a favore di Steve Jones e Paul Cook, chitarrista e batterista dei Sex Pistols, sulla disputa che voleva il frontman della storica band punk Johnny Lydon 'Rotten' in disaccordo sull'utilizzo delle canzoni per il biopic "Pistol".

Il film a episodi affidato alla mano del regista di Trainspotting Danny Boyle uscirà prossimamente sul canale FX bastato sulla biografia di Steve Jones è stato fortemente osteggiato da Lydon che a più riprese ha cercato di convincere che dalla sua approvazione dipendesse la cessione o meno dei diritti sulle canzoni originali. Convinzione smontata dai legali dei Sex Pistols aggrappandosi a un contratto firmato da tutti i membri della band anni fa che utilizza la maggioranza come unico parametro valido per le decisioni da prendere relative alla band.

Dopo aver perso la causa, Lydon continua a dire di essersi sentito quasi truffato e di essere completamente in disaccordo con l'operazione attraverso una nota ufficiale. Nel testo il cantante dei Sex Pistols dichiara di aver appreso della decisione di utilizzare le canzoni per il film solo con un brevissimo preavviso e che, dopo aver chiesto garanzie sulla descrizione del suo personaggio nella pellicola, si è visto parare davanti i legali.

La risposta dei Pistols

La risposta di Steve Jones e Paul Cook non si è fatta attendere e gli altri Sex Pistols coinvolti nella questione hanno, a loro volta, comunicato la loro versione dei fatti.

"Nonostante i commenti fatti da John Lydon sul suo sito, confermiamo di averlo informato sulla serie TV Pistol, gli abbiamo offerto un incontro con il regista e di essere coinvolto nella produzione mesi prima dall'inizio delle riprese. Si è rifiutato e ci siamo dispiaciuti della sua mancanza di partecipazione e del suo aver rifiutato ogni conversazione con il regista Danny Boyle e con il produttore Craig Pearce".

Un altro punto della vicenda che proprio no và giù ai due è quello relativo al ruolo privilegiato che Lydon vorrebbe rispetto agli altri membri:"Per quanto il contributo di John sia giustamente riconosciuto, sono stati Steve, Paul e Glen ad aver fondato la band che poi si è completata con l'arrivo di John. Tutte le canzoni su Never Mind The Bollocks sono stati scritte da Cook, Jones, Matlock e Rotten, a parte Holidays In The Sun e Bodies che sono firmate da Cook, Jones, Rotten e Vicious. E per altro Pistol è basato sulla biografia di Steve Jones Lonely Boy".

La scelta di adoperare nel contratto un voto a maggioranza, continuano i due, è stata anzi messa proprio perché negli anni '90 Rotten ha venduto diritti musicali senza avere l'approvazione degli altri.


Non finisce lo scontro tra i Sex Pistols e Lydon

Pistol di Danny Boyle

"Pistol" non ha ancora una data di uscita ma quello che è certo è che sarà disponibile sul canale di proprietà della Disney, FX.

La serie, composta da sei episodi e basata sulla biografia di Steve Jones "Lonel Boy: Tales From A Sex Pistol", racconterà il viaggio di Steve Jones dalle case popolari di West London fino a "SEX" la boutique di Vivienne Westwood e Malcolm McLaren dal quale prese il via l'avventura dei Pistols e punto di riferimento per tutta la scena punk dell'epoca.

Da lì il regista di Trainspotting racconterà la velocissima ascesa e caduta di una delle band più influenti del secolo scorso.

A interpretare i Sex Pistols un cast composto da giovani talenti con, in testa, il ventenne britannico Anson Boon, già nel film Golden Globe "1917" nei panni del frontman Johnny Rotten. Toby Wallace (The Society, Babyteeth) vestirà i panni di Steve Jones, Louis Partridge (Enola Holmes) sarà il controverso e iconico secondo bassista della band, Sid Vicious, Jacob Slater interpreterà il batterista Paul Cook e Fabien Frankel (The Serpent) diventerà, invece, il primo bassista Glen Matlock.

Una storia che Danny Boyle vuole raccontare proprio in questa nuova serie, portando sullo schermo la necessità di rottura espressa dalla gioventù britannica dell'epoca nei confronti del passato: "Immaginate di fare irruzione nel mondo di 'The Crown' e 'Downtown Abbey' con i vostri compagni e urlare le tue canzoni e la tua rabbia in faccia a tutti - ha detto Boyle - In quel momento la società britannica e la sua cultura sono cambiate per sempre. E' il punto in cui la cultura da strada britannica è esplosa, dove i giovani si sono presi la scena dando sfogo alla loro furia e alla loro moda e tutti gli altri non potevano fare altre che stare seduti, osservare e seguirli o esserne terrorizzati".

Sex Pistols - Holidays In The Sun

Music video by Sex Pistols performing Holidays In The Sun. (C) 2012 Universal Music Operations Ltd.