Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  13 settembre 2021

Ozzy Osbourne condivide Hellraiser con Lemmy alla voce

Una versione esclusiva del brano con il cantante dei Motorhead alla voce per i 30 anni di No More Tears

Ozzy Osbourne ha condiviso una versione esclusiva di 'Hellraiser', brano contenuto nell'album del 1991 "No More Tears", con alla voce il leader dei Motorhead Lemmy Kilmister.

Lemmy ha aiutato Ozzy nella scrittura di alcune delle canzoni presenti sul disco che proprio quest'anno compie 30 anni.

Hellraiser con Lemmy

Dalla collaborazione con Lemmy Kilmister è nato "No More Tears", album solista pubblicato da Ozzy Osbourne nel 1991. Per il disco il frontman dei Motorhead ha scritto alcune canzoni, quattro delle quali sono poi finite sul lavoro finito.

Una di queste è Hellraiser - le altre sono Change The World, Desire e il singolo Mama I'm Coming Home - che ora è stata pubblicata in un'inedita versione con proprio Lemmy che canta al posto di Ozzy.

Una 30th Anniversary Edition, come è stata battezzata, in occasione dei 30 anni di No More Tears che sarà ripubblicato in una versione per l'anniversario in uscita il prossimo 17 settembre.

I 30 anni di No More Tears saranno celebrati con una speciale edizione digitale e con due edizioni speciali in vinile: una in doppio vinile nero e una in doppio vinile giallo e rosso, con un libretto creato appositamente in vendita solo sul sito del celebre negozio di dischi americano Tower Records.

Anche i Motorhead registrarono una loro versione di Hellraiser inserendola nell'album del 1992 "March Or Die", versione che finì poi anche nella colonna sonora del film "Hellraiser III".

Ascolta Hellraiser fatta da Ozzy Osbourne e Lemmy :



No More Tears e la collaborazione con Lemmy

Al momento della sua pubblicazione, NO MORE TEARS aveva prodotto quattro singoli da top ten nella classifica Billboard Rock Tracks: "Mama, I'm Coming Home" (#2), "Road To Nowhere" (#3), "Time After Time" (# 6) e la title track (#10). Inoltre, il brano o "I Don't Want to Change the World" ha fatto guadagnare a OZZY il suo primo Grammy per la versione live inclusa nell'album LIVE AND LOUD del 1993.

 Lemmy lavorò con Ozzy sull'album scrivendo i testi per sei canzoni, quattro delle quali furono inserite nella versione finale del disco: I Don't Want To Change The World, il singolo Mama I'm Coming Home, Desire ed Hellraiser.

Anche se inserito nei video e nei crediti come autore di alcune canzoni e come 'music inspiration' avendo scritto il riff della titletrack, il bassista di Ozzy e futuro Alice In Chains Mike Inez, invece, non suonò su nemmeno un pezzo dell'album, sostituito da Bob Daisley.

A proposito della collaborazione con Lemmy, la moglie del Principe Delle Tenebre Sharon Osbourne ha raccontato di come tutto sia stato facile, visto il rapporto con Lemmy: "E' stato fatto tutto molto velocemente perché Lemmy era stato tanto tempo in tour con Ozzy, vivevamo nella stessa città ed erano davvero un buon amico per noi. Inoltre, e questo molte persone non lo capiscono, era probabilmente una delle persone più acculturate che mai incontrate in vita mia. Aveva una proprietà di linguaggio fantastica".

Ozzy era tornato sulla scrittura del disco con Lemmy in un'intervista concessa alcuni mesi fa alla BBC , anche lui per sottolineare ll'impressionante velocità con cui il leader dei Motorhead riusciva a produrre del materiale: "Io sono bravo ad iniziare a scrivere i testi ma ho sempre problemi a finirli, quindi gli davo il nastro e avevo questo libro sulla Seconda Guerra Mondiale che non avevo mai letto e gli avevo chiesto un parere. Avevo questa manciata di versi e gli ho chiesto se poteva darci un occhio quando aveva tempo, mi aspettavo ci volesse una settimana. Mi disse di tornare dopo quattro ore", racconta Ozzy,  "Ho fatto come mi ha detto, ho atteso, poi mi passa dei testi e mi chiede cosa ne pensassi e gli dico 'Oh, fantastico!'. E poi mi dice 'E queste altre?' e io penso 'oh, ne hai completati due? e lui mi risponde che no, ne ha un altro, tre! Gli chiedo 'Sei riuscito a scrivere tre testi?' e lui dice 'Sì, e il libro faceva cagare'. 'Che libro?' gli chiedo e lui risponde 'Quello che mi hai dato!'. Leggeva ad una velocità impressionante, leggeva in modo davvero veloce, era pazzesco. La gente guarda Lemmy e pensa che sia una sorta di teppista ma in realtà è una persona davvero istruita".

Ozzy Osbourne condivide Hellraiser con Lemmy alla voce

I ricordi di Ozzy su No More Tears

Parlando dei ricordi legati alla lavorazione di No More Tears, Ozzy ha detto in una nota:"Ho un sacco di grandi ricordi delle registrazioni. Abbiamo lavorato durante con John Purdell e Duane Baron che diventarono due membri aggiuntivi della band. E' bello quando lavori con un produttore che sembra più un membro della band invece di avere uno che ti ordina semplicemente come fare. Siamo noi a scrivere le canzoni e quando lo fai hai una visione nella tua testa di come dovrebbe suonare. A volte ti sorprendi in positivo ma alle volte è il contrario e loro hanno fatto un lavoro fantastico. Ci siamo divertiti molto a farlo e le chitarre di Zakk sono spettacolari".

E a proposito della hit Mama I'm Coming Home diventato un vero e proprio inno per i soldati dell'esercito, Ozzy aggiunge: "All'epoca un sacco di gente prendeva parte alla guerra in Iraq e abbiamo sentito che GIs inviavano quella canzone alle loro mogli. I soldati amano ancora quel pezzo".

Storico chitarrista di Ozzy, Zakk Wylde ha parlato così della sua esperienza:"Credo che rispetto alla volte precedente, quando ho registrato No More Tears fossi più rilassato. Il mio affetto per lui e la mia ammirazione non hanno fatto che aumentare con il corso del tempo .E' qualcosa che va oltre la musica e ogni volta che siamo insieme è uno spasso e registrare dischi con lui è esilarante".