Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  16 febbraio 2021

Ozzy Osbourne:"La cocaina nei Black Sabbath il nostro peggior nemico. A volte mi chiedo cosa avessi in testa"

L'ex frontman dei Black Sabbath si pente dell'uso di cocaina eccessivo fatto dalla band durante le registrazioni di "Vol 4"

Quando si parla di eccessi l'ex leader dei Black Sabbath Ozzy Osbourne è sempre un punto di riferimento ma, in una recente intervista a Rolling Stone per parlare della ristampa di "Vol 4", il rocker di Birmingham ha rivelato di essersi pentito per gli enormi quantitativi di droga consumata in quegli anni.

Gli eccessi dei Black Sabbath e Vol 4

La quantità enorme di droga consumata dai Black Sabbath all'inizio degli anni '70 era impressionante, una passione quella della band per la cocaina talmente invadente da far prendere in considerazione a Ozzy e compagni di renderle qualche modo omaggio chiamando il disco 'Snowblind'. La bianca neve, però, verrà accantonata dalla copertina e lasciata solo come traccia numero sei dell'album che, in ogni caso, è stato registrato completamente sotto effetto di stupefacenti.

Alle fine delle registrazioni del quarto album, intitolato "Vol 4", pare che il disco fosse costato 65.000 dollari mentre il conto speso per le droghe ammontasse a 75.000 dollari, una cifra pazzesca. Dal totale ben 5.000 dollari furono fatti scomparire in un colpo solo per paura dell'arrivo della polizia, episodio raccontato da Ozzy Osbourne nel nuovo singolo con Post Malone "It's A Raid".

Il peggior nemico

Dopo tanto tempo, però, Ozzy sembra essersi pentito dei suoi abusi e in una recente intervista con l'edizione USA di Rolling Stone ha raccontato di come quella grande scoperta che per i Black Sabbath fu la cocaina, finì per prendere una brutta piega.
Quella dei Black Sabbath è stata la tipica storia di giovani ribelli della periferia che passano nel giro di pochi anni dall'essere senza un soldo a diventare delle star di fama planetaria, sempre in tour, sempre su un palco, osannati e celebrati da tutti. Facile perdere la testa.

"Dovete ricordare che venivamo dalla periferia di Birmingham - racconta Ozzy - e a quel punto eravamo invece con una casa a Bel Air, un disco in testa alle classifiche, la gente conosceva le nostre canzoni e ci sentivamo i re del pianeta, quindi provavamo di tutto".

Ora, però, il Principe delle Tenebre dice di essersi pentito e la loro passione per la cocaina diventò il loro peggior nemico: "Ci sembrava fosse la più grande scoperta della nostra vita e pensavamo che quello significava avere successo ma, alla fine, si rivelò essere il nostro peggior nemico - continua Ozzy - Ci eravamo lanciati a testa bassa in quella merda e alla fine era terribile. Ora mi pento e penso 'Che cazzo avevo in mente quando pensavo fosse divertente fare serata così?'. La notte non finiva mai, continuavi dritto nel mattino seguente".

Ozzy ha poi aggiunto che avrebbero dovuto scrivere "Paranoid" dopo quel disco perché: :"E' esattamente ciò che diventammo, dei rottami paranoici".



Vol 4

Registrato nel giugno del 1972 ai Record Plant studios di Los Angeles, "Vol 4" è stato il primo album dei Black Sabbath prodotto dalla stessa band con l'aiuto del manager Patrick Meehan e il primo registrato fuori dal Regno unito. Con l'arduo compito di seguire il pazzesco filotto dei primi tre dischi: "Black Sabbath", "Paranoid" e "Masters of Reality", "Vol 4", pur non avendo inizialmente incontrato il favore della critica, finì per diventare l'ennesimo successo per la storica band.

Il lavoro in studio non fu dei più semplici, in particolare a causa dell'enorme abuso di sostanze fatto dai membri della band che portò a racconti come quelli sulle ingenti dosi di cocaina fatte recapitare ai Sabbath all'interno degli amplificatori. Inutile dire che la situazione portò la tensione tra i quattro membri della band a crescere sempre di più e Bill Ward, ad esempio, si interroga ancora su come fece a non essere stato licenziato o ucciso a causa degli eccessi che proprio in quel periodo toccarono vette mai registrate da Ozzy e compagni.
Il risultato? Disco d'oro in meno di un mese, quarto album consecutivo dei Black Sabbath a vendere oltre un milione di copie nei soli Stati Uniti piazzandosi al tredicesimo posto nella classifica di Billboard e all'ottava in quella degli album più venduti del Regno Unito. "Vol.4 "convinse anche il leggendario critico Lester Bangs, più che scettico sui primi lavori dei Sabbath, a ricredersi.

L'edizione Super Deluxe di Vol 4 dei Black Sabbath

Questa settimana è uscita una nuova edizione super deluxe di "Vol 4", l'album pubblicato dai Black Sabbath nel 1972 che contiene classici della band inglese come 'Supernaut', 'Snowblind' e 'Tomorrow's Dream'.

In aggiunta alla tracklist originale dell'album rimasterizzata, in questa nuova versione ci saranno oltre a 20 tracce inedite sia in versione studio che live disponibili in due formati: 4 CD e 5 LP.
Entrambe le versioni sono accompagnate da un booklet contenente note di copertina e citazioni dell'epoca firmate da tutti i membri della band, foto inedite e un poster con la versione alternativa dell'artwork originale per il disco che riporta ancora il working title di 'Snowblind'.


Ozzy Osbourne:"La cocaina nei Black Sabbath il nostro peggior nemico. A volte mi chiedo cosa avessi in testa"