Logo Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  22 gennaio 2019

Pearl Jam, il ricordo di Chris Cornell e il nuovo album

In un'intervista Jeff Ament e Stone Gossard parlano dell'amico scomparso nel 2017 e dei lavori per l'undicesimo disco

In un'intervista con l'edizione americana di Rolling Stone alcuni membri dei Pearl Jam hanno parlato di come la morte di Chris Cornell abbia scosso la band e dei piani per quello che sarà l'undicesimo album.

Il bassista Jeff Ament - che come tutti i musicisti dei Pearl Jam ha fatto parte dei Temple Of The Dog con Cornell ai quali lo stesso Vedder ha prestato la voce in alcuni brani - ha ricordato: " Sarebbe stato divertente registrare o scrivere una canzone insieme. Penso che la morte di Chris sia stata una cosa molto dura da superare per noi, sono cose della vita". Ament ha anche fatto da direttore creativo per l'omonimo box set celebrativo di Chris Cornell, dal quale è anche tratto l'inedito 'When Bad Does Good': "Non è stata facile. Quando Vicky Cornell mi ha chiesto di essere coinvolto e nel corso degli anni io e Chris ci siamo sentiti spesso. Ricordo che per qualche disco degli Audioslave, ma anche per i suoi da solista, mi mandava l'artwork per un parere, io buttavo giù qualche idea, qualche prova. Penso apprezzasse la mia sensibilità per quelle cose. Quindi per me è stato abbastanza difficile imbarcarmi in questo viaggio, creare quel materiale, ascoltare la musica. Si è trattato dell'ennesimo modo di ricordare che non è più tra noi, ed è una cosa che fa schifo, davvero".

Il chitarrista Stone Gossard sottolinea, invece, lo stato di lavorazione per il prossimo album della band di Seattle: "Faremo un disco, in verità siamo a metà e continueremo a suonare finché non lo avremo portato a termine."

Ament aggiunge: "Siamo entrati in studio circa quattro o cinque volte negli ultimi due anni (l'ultimo studio album, "Lightning Bolt", risale a più di cinque anni fa Ndr) quindi abbiamo una tonnellata di materiale incompleto. Siamo in una sorta di limbo. Sono sicuro che ognuno di noi ha un altro po' di riff e che Ed ha una manciata di versi nella suo taccuino. Si tratta solo di riuscire a trovarci tutti nella stessa stanza per sei settimane e buttare giù qualcosa".

La scorsa settimana Ament e Gossard hanno fatto parte di "I Am The Highway" del grande evento benefico per celebrare la memoria di Cornell che ha portato sul palco tutte le band nelle quali ha suonato oltre a molti amici e fan come Melvins, Foo Fighters, Maroon 5, Miley Cyrus, Metallica e tanti altri.

Pearl Jam, il ricordo di Chris Cornell e il nuovo album