Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  24 luglio 2020

Pearl Jam, ecco quando torneranno in Italia nel 2021

I Pearl Jam hanno annunciato le nuove date del tour europeo e quando torneranno in Italia nel 2021

Quello del Pearl Jam all'Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola del 5 luglio 2020 era sicuramente uno dei concerti più attesi dell'estate live italiana. Purtroppo a causa della pandemia da coronavirus tutti i grandi eventi sono stati sospesi. Il posticipo di un anno intero di musica che noi di Radiofreccia abbiamo cercato di alleggerire trasmettendo il grande live dei Pearl Jam a San Siro del 2014 proprio nella sera in cui il concerto si sarebbe dovuto tenere, ha obbligato la band americana a rimandare di un anno il tour

Per chi fosse rimasto con il grande interrogativo: quando torneranno in i Italia i Pearl Jam? La risposta arriva oggi direttamente dalla band di Eddie Vedder che ha riprogrammato tutto il tour europeo per l'anno prossimo.

I Pearl Jam in Italia nel 2021

I Pearl Jam hanno annunciato le nuove date del tour europeo  in supporto all'ultimo album "Gigaton", includendo anche alcuni nuovi concerti come quella al Pinkpop Festival in Belgio e a Praga. Per quanto riguarda l'unica data in Italia dei Pearl Jam inizialmente prevista per il 5 luglio 2020, il nuovo appuntamento è per il 26 giugno 2021, sempre all'Autodormo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola.

Tutti i biglietti precedentemente acquistati per lo show restano validi per la nuova data. I possessori dei biglietti del Ten Club saranno avvisati via mail con tutti i dettagli.

I biglietti per la nuova data sono disponibili per l’acquisto su Ticketmaster Italia, Ticketone e in tutti i punti vendita autorizzati.

Queste tutte le date del tour europeo 2021 dei Pearl Jam

  • 16 Giugno Amsterdam, Paesi Bassi Ziggo Dome
  • 17 Giugno Amsterdam, Paesi Bassi Ziggo Dome
  • 20 Giugno Landgraaf, Paesi Bassi Pinkpop Festival
  • 23 Giugno Berlino, Germania Waldbühne
  • 26 Giugno Imola, Italia Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari
  • 29 Giugno Zurigo, Svizzera Hallenstadion
  • 1 Luglio Wercther, Belgio Rock Werchter
  • 4 Luglio Stoccolma, Svezia Lollapalooza Stockholm
  • 6 Luglio Copenhagen, Danimarca Royal Arena
  • 14 Luglio Budapest, Ungheria Budapest Arena
  • 16 Luglio Francoforte, Germania Festhalle
  • 18 Luglio Parigi, Francia Lollapalooza Paris
  • 21 Luglio Vienna, Austria Wiener Stadthalle
  • 23 Luglio Cracovia, Polonia Tauron Arena
  • 25 Luglio Praga, Rep. Ceca O2 Arena


Eddie Vedder nel nuovo film di Sean Penn

Intanto, come riportato dagli amici di PearlJamonline.it, Eddie Vedder ha rivelato durante il podcast Daddy Issues - condotto dal cronista sportivo Joe Buck e dall'attore Oliver Hudsen - che parteciperà alla colonna sonora del prossimo film di Sean Penn.

Il film si chiama "Flag Day" e, come rivelato da Eddie, è già quasi completato e siamo già in fasi di postproduzione, nel cast anche il figlio di Sean Penn, Hopper. Vedder ha già lavorato ad alcuni brani per la colonna sonora, le prime registrazioni sono state fatte già lo scorso ottobre a Los Angeles con l'amico Glen Hansard e nei mesi seguenti con la cantautrice Cat Power. Le incisioni finali sono state fatte nel suo studio personale a Seattle durante il lockdown.

Il regista e la rockstar sono legati da un'amicizia di lunga data ma la loro collaborazione più famosa è sicuramente per il film culto del 2007 "Into The Wild - Nelle Terre Selvagge".

Nel corso dell'intervista Vedder ha anche svelato di essere coinvolto in una collaborazione con un grosso artista, del quale però non ha voluto dire il nome.


Il consiglio di Bruce Springsteen

In un altro passaggio dell'intervista Vedder parla proprio del tour da solista in supporto alla colonna sonora di "Into The Wild" e di come si sentisse a disagio sul palco prima di ricevere un consiglio da Bruce Springsteen: "Springsteen mi disse che c'è un potere vero nell'essere da soli lì sopra, è terrificante anche per il pubblico. E' uno spettacolo teso, c'è qualcosa di speciale, un senso di intimità, e c'è della potenza. Per me è stata una cosa fantastica da sentire, perché all'improvviso non mi sentivo più così vulnerabile" e a proposito del ritorno all'attività live con i Pearl jam aggiunge:"Mi tremano le gambe al pensiero che è un bel po' che non suoniamo dal vivo e il fatto di non sapere davvero quanto tempo ci vorrà è terrificante".

Pearl Jam, ecco quando torneranno in Italia nel 2021