Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  06 luglio 2021

Pink Floyd, lo sputo di Waters e la nascita di The Wall

Il 6 luglio del 1977 i Pink Floyd suonavano a Montreal per l'ultima data del tour di Animals che si chiuse con lo sputo di Waters ad un fan che ispirò The Wall

Il 6 luglio 1977 i Pink Floyd sono di scena allo Stade Du Parc Olympique di Montréal, capitale 'francese' del Canada, dove Roger Waters si rese protagonista di un episodio increscioso che, però, ispirò il concept di The Wall.


I Pink Floyd a Montreal nel '77

La band si trovava dall'altra parte dell'oceano per l'ultima data del tour In The Flesh in supporto ad "Animals", decimo album pubblicato a inizio anno.

La data conclusiva del tour di Animals che i Pink Floyd tennero davanti ad un pubblico di circa 80.000 spettatori, però, è importante soprattutto per un altro album storico dei Pink Floyd.

Fu un episodio avvenuto durante quella serata, infatti, ad ispirare Roger Waters nel realizzare il concept che sta alle spalle di "The Wall".

Sin dalle prime note di 'Sheep', che apriva il concerto, il pubblico dello stadio sembrava poco incline a concentrarsi sulla musica, un comportamento che Waters non apprezzava e che veniva evidenziato specialmente nella canzoni più lente e riflessive della band.

Mentre Waters suona 'Pigs On The Wing part.1' si sentono dei petardi ma il bassista dei Pink Floyd continua e passa a 'Dogs'.

Il brano sembra filare via liscio ma appena Waters attacca le prime note di 'Pigs On The Wing Part 2' si ferma, riprende, si ferma di nuovo e ancora petardi. La gente mormora, Waters attacca a cantare ma di nuovo un'esplosione rompe la musica.


Lo sputo di Waters

Un gruppo di ragazzi si era piazzato sotto le transenne in prima fila e, visibilmente alterato, decise di passare il concerto a fischiare, urlare, dare fastidio e sparare petardi, incluso un altro botto che arriva sul palco sfiorando proprio Waters.

A quel punto il bassista esplode e inizia ad invitare caldamente tutti quelli che sono lì solo per dare fastidio e fare casino ad uscire e continuare fuori dallo stadio perché lui ha delle canzoni da cantare e ci sono delle altre persone che vogliono ascoltarle.

Di persone ce ne erano davvero tante, tra le 80.000 e le 100.000 che fecero registrare il maggior numero di spettatori per una band in Canada in un'arena che veniva battezzata proprio da quello show.

I Pink Floyd riattaccarono a suonare ma, in qualche modo, qualcosa si era rotto nel rapporto tra la band e il pubblico.

Waters chiedeva degli spettatori tranquilli, che ascoltassero la musica e gli consentissero di cantare condividendo la magia ma il pubblico canadese, o almeno parte di esso, non era dello stesso parere.

L'atmosfera era tesa e mentre i fan erano distratti da uno degli effetti speciali rimasti nella storia dei Pink Floyd, il maiale gigante che volava sopra le loro teste, lo staff della band prese di peso il più rumoroso di quel gruppetto di casinisti.

In quel momento nella testa di Waters, stanco ed esausto da questa 'guerra virtuale', scatta qualcosa e quando  il ragazzo transita accanto al palco, gli sputa addosso.

Quel singolo episodio risulterà essere illuminante per il musicista britannico che da lì inizierà a riflettere ed elaborare il concetto che verrà poi sviluppato in The Wall.

La situazione era talmente tesa che, quando la folla chiamò sul palco la band per un' ultima volta, Gilmour si rifiutò di continuare e la jam blues di chiusura fu affidata al chitarrista in seconda Snowy White e interrotta di colpo per dare alla crew la possibilità di smontare tutto e lasciarsi alle spalle il tour.

Pink Floyd, lo sputo di Waters e la nascita di The Wall

Un muro tra la band e la platea

L'episodio fu solo il culmine di una sentimento che Waters aveva alimentato dentro di sé da molto tempo. Sin dagli esordi, per qualche motivo, quando il pubblico aveva qualcosa da contestare ai Floyd finiva per prendersela con Waters che nel corso degli anni cominciò ad accumulare tensioni e fastidio diventando sempre più aggressivo nei confronti di una certa frangia di spettatori e cominciando ad odiare l'idea di esibirsi dal vivo con la band.

Il rapporto tra la band e Waters in particolare e tutto il sistema del music business era arrivato ad un punto di rottura che andava in qualche modo affrontato, specialmente ora che la popolarità dei Floyd aveva portato una nuova platea meno riflessiva e attenta al 'culto' della musica.

L'episodio dello sputo consenti a Waters di riflettere su quella barriera che si era venuta a creare tra lui e il pubblico. Quel suo sentimento di risentimento nei confronti della platea lo portò ad immaginare come sarebbe stato esibirsi in un concerto con un muro a separare la band dai fan, concetto che fu poi elaborato nel concept "The Wall", uno dei più grandi album rock di tutti i tempi.

Anni dopo Waters confermo l'ispirazione in un'intervista con il conduttore americano Howard Stern a cui rivelò che era tutto vero e che il concept di The Wall veniva proprio da lì. Per quanto si vergognasse della cosa, raccontò Waters, l'idea di creare una barriera era dovuta proprio al fatto che era adirato con i fan e che avrebbe preferito esibirsi dietro un muro per allontanarlo da  qualcosa che non lo rappresentava più.

Un modo, quello dei Pink Floyd, di creare arte anche da episodi bui della loro carriera.