Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  05 febbraio 2020
di Nessuno
Nessuno

Più biopic per tutti: arriva anche quello dei Lynyrd Skynard

Disponibile in primavera nelle sale americane e on demand dal 30 giugno

Si chiamerà "Street Survivors: The True Story of the Lynyrd Skynyrd Plane Crash" il biopic dedicato alla storia dei Lynard Skynard, una delle più grandi rock band americane, icona southern, colpita da un tragico incidente aereo il 20 ottobre 1977 nel quale trovarono la morte tre degli storici componenti, Ronnie Van Zant, Steve Gaines e Cassie Gaines.

La storia è raccontata dal punto di vista di Artimus Pyle, all'epoca batterista del gruppo, che fu tra i pochi a sopravvivere all'incidente ed aiutò i compagni di volo feriti a trascinarsi in salvo, con la regia di Jared Cohn e la scrittura a quattro mani assieme a Brian Perera.

Sarà possibile vedere il documentario nelle sale americane questa primavera e successivamente on demand sulle principali piattaforme digitali, dal prossimo 30 giugno.

Artimus Pyle, che nella pellicola verrà interpretato da Ian Shultis, ha dichiarato: "il film non riguarda solo l'incidente aereo, ma anche la mia relazione personale con quel genio di Ronnie Van Zant, che amavo come un fratello e che ancora oggi mi manca."

La storia del tragico incidente che mutilò la formazione verrà presentata tra poco, il 16 febbraio, all'Hollywood Reel Independent Film Festival di Los Angeles.

Il biopic prende il nome dall'ultimo album pubblicato (tre giorni prima dello schianto) dalla band in formazione completa, Street Survivors, dato alle stampe il 17 ottobre 1977. Dopo l'incidente, Street Survivors divenne il secondo album della band a diventare disco di platino e raggiunse la posizione numero 5 in classifica negli Stati Uniti.

I lavori di Street Survivors: The True Story of the Lynyrd Skynyrd Plane Crash sembra siano iniziati nel 2016 ma pressochè immediatamente stoppati da un'ingiunzione degli eredi di Ronnie Van Zandt e Steve Gaines alla quale prese parte anche Gary Rossington, fino alla sentenza del 2018 che rifiutò le obiezioni mosse per l'utilizzo di marchio e diritti e diede il definitivo via alla realizzazione delle riprese.

La copertina originale dell'album mostrava una foto dei membri della band, in particolare Steve Gaines (una delle vittime), avvolti dalle fiamme. Dopo il tragico epilogo la cover divenne estremamente controversa tanto che in rispetto per le vittime (e su richiesta esplicita di Teresa Gaines, la vedova di Steve), la MCA Records ritirò dai negozi i dischi con la copertina originale e la sostituì con un'immagine simile della band su sfondo nero, senza alcuna fiamma. Trent'anni dopo, per la ristampa deluxe di Street Survivors, la copertina originale venne reintegrata.

Più biopic per tutti: arriva anche quello dei Lynyrd Skynard

I Lynard Skynard, nella formazione attuale, saranno quest'estate in Italia per due date. La prima al Rock The Castle, il festival di scena al Castello di Villafranca di Verona, il 28 Giugno e la seconda il 4 Luglio al Lucca Summer Festival, nella suggestiva cornice delle mura della città.