Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  28 agosto 2020

Quando il batterista degli Spliknot suonò per Springsteen

Jay Weinberg racconta di quando si trovò a sostituire suo padre Max nella E Street Band

Molti di voi forse già lo sapranno ma, per chi dovesse essersi perso questo importante passaggio di parentele nel mondo del rock, il batterista degli Slipknot, Jay Weinberg, è figlio d'arte. Il padre di Jay, infatti, è lo storico batterista della E Street Band di Bruce Springsteen, Max Weinberg

A volte capita, però, che i destini si incrocino e un figlio è sempre pronto a dare una mano al padre ed è così che un Jay appena uscito dal liceo si trovò a suonare in uno stadio pieno insieme al Boss.

Quando Weinberg Jr. suonò con Springsteen

A raccontarlo è lo stesso batterista degli Slipknot nel podcast 'Spittin'Chiclets' che definisce l'esperienza 'completamente folle': "Non mi aspettavo accadesse - racconta Jay - ma le stelle si sono allineate e mi sono trovato al posto giusto al momento giusto. Dopo che la E Street Band si era in un qualche modo sciolta nel 1988 tutti i membri dell band hanno avuto dei figli e hanno iniziato a fare altre cose. Poi sono tornati insieme nel '99 e tutti i bambini della band in qualche modo sono saliti sul palco con loro per suonare qualcosa, inclusa mia sorella che un paio di volte ha suonato la tastiera. Io ero l'ultimo arrivato e non lo avevo mai fatto perché ero spaventato a morte. Se facevo casino con la batteria non bastava togliermi dal mix e basta, sarebbe stata una catastrofe".

'Pensavo fosse finita lì'

Ed è così che il buon Jay, già all'epoca da tempo fan della band di cui avrebbe fatto parte, ebbe l'opportunità di salire sul palco insieme a Bruce:"Avevo appena finito il liceo e quell'estate suonavano alcuni show al Giants Stadium nel New Jersey. Era il vecchio stadio, prima che lo buttassero giù e ne costruissero un nuovo, e mio padre mi disse 'Dovresti suonare qualcosa con noi durante il soundcheck', ed è quello che feci. Springsteen mi disse che ero stato bravo invitandomi a suonare durante il concerto. Ero nervoso ma volevo farlo e sfruttare quell'occasione così ho pensato 'Ok, puoi farcela, devi farlo solo una volta e mai più. Almeno puoi dire di averlo fatto'. Allora suonai con loro 'Born To Run' e andò alla grande. E' stata una situazione da o la va o la spacca, mi sono solo detto di spegnere la testa e lasciarmi andare. Suonavo la batteria solo da tre anni, quindi la pressione era enorme, è come se avessi perso i sensi e suonato, c'erano 70.000 persone e non sembrava nemmeno reale, credevo di guardare dentro lo schermo di una TV. Pensai fosse finita lì".



Tale padre tale figlio

E invece no, perché il destino quando ci si mette è davvero bizzarro. Max Weinberg, oltre a essere batterista della E Street Band, era anche responsabile della band dello show televisivo di Conan O'Brien che avrebbe cambiato formato e sarebbe stato registrato in California creando un conflitto di schedule con un tour europeo organizzato da Springsteen. Come fare per risolvere il problema? Semplice, vedere se tale padre tale figlio: "Conosco tutti loro da quando ero un bambino, sono i miei zii, Steve, Garry, Clarence, Danny, è la mia famiglia allargata e penso che Bruce abbia chiesto a mio padre se me la sentissi, più da padre che da Bruce. 'Riuscirà a sostenere la pressione?' chiese e mio padre rispose che lo avremmo scoperto".

"Ricordo che Bruce mi chiamò e mi chiese se avessi voluto farlo e io non ci potevo credere - racconta Jay - ma semplicemente mi mandò una lista dicendomi: "Ok, inizia ad esercitarti su queste duecento canzoni e partiamo da lì, ed è esattamente ciò che facemmo. Per quasi un anno ho sostituito mio padre in quel modo".

Quando il batterista degli Spliknot suonò per Springsteen