Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  05 agosto 2020
di Nessuno
Nessuno

Quando Keith Richards suonò per un pubblico di ciechi

Nel 1979 il chitarrista degli Stones venne condannato a suonare per beneficenza dopo una condanna per possesso di stupefacenti

La fama di Keith Richards è forse l'unica cosa al mondo che sia più grande del suo talento. I fan degli Stones (e non solo) lo idolatrano da anni come uno dei musicisti di riferimento della storia del rock n' roll e del costume. Nato nel 1943, interessato alla musica in giovane età con Louis Armstrong, Billie Holiday e Duke Ellington, la sua reputazione come cantautore, chitarrista, produttore discografico e, naturalmente, cantante è nota in tutto il mondo. Recentemente, assieme agli altri Stones, "Keef" è tornato nei negozi di dischi con la ristampa in formato deluxe di "Goats Head Soup", disco pubblicato nel 1973.


Quei turbolenti anni Settanta


Durante gli anni Settanta Keith Richards era noto per essere spesso coinvolto in situazioni che definiremo "ricreative". Tuttavia, c'è stato un episodio che ha rischiato di danneggiare la sua carriera e quella dei Rolling Stones. Richards e la band erano in Canada, quando una retata della polizia ha scoperto un'oncia di eroina nella camera d'albergo del musicista, stando a quanto riportato da Rolling Stone. Con una quantità così importante, Richards si è ritrovato accusato di possesso di droga con la presunzione dello spaccio. Il musicista ha insomma affrontato la possibilità di un serio periodo di prigione che tuttavia (questa volta) non si è verificato grazie a dei "magheggi" avvocatizi che gli hanno permesso di attendere il suo processo negli Stati Uniti

"Free Keith, free Keith!"


Mesi dopo, la scena si sposta in tribunale e fuori dalle porte i fan degli Stones non mancano di far sentire al chitarrista un enorme sostegno. "C'erano da cinque a seicento persone fuori ogni volta che mi presentavo in tribunale, cantando" Keith libero, Keith libero". Tuttavia, nonostante i migliori sforzi dei suoi fan, la prima chitarra degli Stones fu ritenuta colpevole anche se, fortunatamente per Richards, c'era un fan in particolare che non era disposto a rinunciare a lui o al suo caso.




Thank you Rita!


Rita era una fedele fan dei Rolling Stones e fu lei a convincere il giudice a dare a Richards un margine di manovra quando si è trattato della sua condanna. Rita ha spiegato che era cieca e che era riuscita a trovare un modo per fare l'autostop perché voleva disperatamente andare a sentire la band esibirsi dal vivo. Rita ha condiviso la sua toccante storia con il giudice, e il gioco è fatto, a pieno vantaggio di Richards. Il giudice condannò quindi il chitarrista ad esibirsi in un concerto benefico per non vedenti. Nel libro di memorie di Richard, Life, lo stesso Keith menziona Rita e la sua dedizione. Ha continuato affermando: "L'amore e la devozione di [fan] come Rita è qualcosa che mi stupisce ancora." 

Quando Keith Richards suonò per un pubblico di ciechi