Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  16 marzo 2020
di Nessuno
Nessuno

REM, sui social l'affetto per l'Italia

La band di Michael Stipe affida ai suoi profili social un messaggio di supporto al nostro paese

In questi giorni complicati per il nostro paese, in cui la prospettiva di partecipare a dei concerti dal vivo sembra distante per i divieti e le restrizioni, anche un semplice messaggio da parte di una grande band proveniente da oltreoceano può essere una bella iniezione di energia positiva. È il caso dei R.E.M., la band di Michael Stipe, Peter Buck e Mike Mills scioltasi nel 2011, che attraverso un lungo post pubblicato dal manager Bertis Downs sulla pagina Facebook ufficiale della band ha voluto inviare ai fan italiani e all'Italia intera un messaggio di vicinanza e di supporto in questo periodo complicato per molti aspetti.

Il ricordo della band riprende il video di una vecchia apparizione televisiva italiana all'inizio degli Anni Duemila, per la promozione di In Time: The Best of R.E.M. 1988-2003: quella volta andarono a "Quelli che il calcio" per suonare "Bad day". Una performance definita un "bizarre but fun Sunday afternoon football fan show in 2003", a cui segue il consiglio di non perdersi il finale perché "l'intervista è da urlo" (ndr. alla conduzione del programma, all'epoca, c'era Simona Ventura).


Bad Day venne scritta negli anni '80 e reincisa in quel periodo come singolo per la raccolta dei più grandi successi della band, uscita proprio quell'anno. Una canzone dal testo "Strangely prescient", stranamente preveggente, come nota il manager nel post fiume riportato su Facebook:

Broadcast me a joyful noise unto the times / Lord Count your blessings / We're sick of being jerked around / We all fall down (trad.  Trasmettimi un rumore gioioso verso questi tempi / Signore, conta le tue benedizioni / Siamo stufi di essere presi in giro / Noi tutti cadiamo).

A voler essere precisi, continua il manager, questa non è l'unica profezia presente nella discografia della band. C'è anche il più celebre e forse catastrofico titolo di tutti: "It's the end of the world as we know it (And I Feel fine)", presente nell'album "Document" del 1987 e rientrata in classifica negli States proprio in questi giorni per la prima volta dopo molto tempo. "Stiamo pensando a tutti i nostri amici in Italia, pregando per la loro salute, sperando che riescano ad aiutare coloro che ne hanno bisogno. Anche questo passerà, ne usciremo tutti meglio alla fine", si chiude dunque il post.

Tra i grandi nomi della musica internazionale, il messaggio dei R.E.M. si unisce a quello di Nils Lofgren, il chitarrista della E Street Band e collaboratore di Bruce Springsteen, nell'esprimere solidarietà al nostro paese.



REM, sui social l'affetto per l'Italia

R.E.M. - Bad Day (Video)

Official Video