Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  19 novembre 2020

Springsteen in uno sketch con Jon Stewart

Il boss ha partecipato all'evento virtuale Stand Up For Heroes con il comico Jon Stewart e ha suonato alcuni brani in acustico

Bruce Springsteen è tornato a farsi vedere ieri sera durante l'edizione 2020 di Stand Up For Heroes, evento benefico organizzato per raccogliere fondi in supporto ai veterani di guerra feriti. Ogni anno Il Boss dà il supporto al progetto insieme alla Bob Woodruff Foundation e il New York Comedy Festival per creare uno show al Madison Square Garden Theater di New York che unisce musica e comicità, un'accoppiata vincente che per quest'anno ha dovuto trovare altra collocazione: la rete. 

Springsteen e Jon Stewart

Quest'anno Springsteen non è potuto salire sul palco per cantare e raccontare aneddoti e battute ma si è dovuto limitare a dare il suo contributo a distanza per l'evento in streaming che ha visto la partecipazione di numerosi ospiti collegati a distanza: da musicisti come Sheryl Crow e Brad Paisley a comici come Iliza Shlesinger e Tiffany Haddish.

L'evento è stato aperto proprio da Springsteen coinvolto dal comico e presentatore Jon Stewart in uno sketch in cui i due - entrambi originari del New Jersey - sono arrivati in un bar su un sidecar con il rocker tornato da poco con 'Letter To You' alla guida del veicolo.

Nel corso dello speciale Springsteen ha fatto anche quello che sa fare meglio suonando in acustico con Patti Scialfa 'House Of A Thousand Guitars', tratta proprio dall'ultimo album in studio e 'Long Walk Home' dal disco del 2007 "Magic". La moglie e compagna di band, poi, è tornata per un altro estratto da "Letter To You", I'll See You In My Dreams.

Di seguito il video di tutto lo speciale


Letter To You

Letter To You è il nuovo album di Bruce Springsteen,  il ritorno con la E Street Band registrato in soli cinque giorni live nell'home studio di Springsteen in New Jersey ed è stato prodotto dal Boss con Ron Aniello.

Le registrazioni sono avvenute, come spiegato da Springsteen: "Completamente live in studio, in un modo che non abbiamo mai affrontato prima, senza alcuna sovraincisione. Abbiamo fatto il disco in soli cinque giorni ed è finita per essere una delle migliori esperienze di registrazione mai fatte".

Insieme a Springsteen, hanno lavorato al disco Roy Bittan, Nils Lofgren, Patti Scialfa, Garry Tallent, Stevie Van Zandt, Max Weinberg, Charlie Giordano e Jake Clemons.

Letter To You segna il ritorno di Springsteen con la E Steet Band per la prima volta dal tour di "The River" del 2016

All'interno del disco anche tracce scritte nei primi anni '70 e mai pubblicate come "If I Was the Priest" "Song for Orphans" e "Janey Needs a Shooter." 

Qui l'imperdibile speciale dedicato all'album dal nostro Doctor Mann:



Letter To You, il film

In contemporanea all'album è uscito anche un film è girato da Thom Zimmy, già dietro la macchina da presa per la trasposizione cinematografica di "Western Stars", ed è un vero e proprio omaggio alla E Street Band, un documento di ciò che accade nello studio di registrazione tra i collaboratori più fedeli di sempre. Una dichiarazione di affetto che trasuda anche dalle parole che aprono il trailer in cui il Boss dice: "La più grande emozione della mia vita è stare davanti ad un microfono con voi ragazzi dietro di me. Facciamolo!". Il docufilm è un mix di storytelling attraverso le parole di Bruce, di immagini inedite da dietro le quinte e di esibizioni live delle tracce contenute sull'album. 


Springsteen in uno sketch con Jon Stewart