Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  22 novembre 2021

Sting:"Sono un cantante metal con un forte senso melodico"

L'ex Police parla del suo modo di cantare e dello stile utilizzato per sovrastare gli strumenti, paragonandosi ai cantanti heavy metal

Sting ha parlato di sé definendosi un 'cantante metal' parlando del suo stile nell'affrontare le canzoni dei Police. L'artista di Newcastle ha pubblicato pochi giorni fa il nuovo album solista "The Bridge" anticipato dal singolo 'Rushing Water', attualmente nella Top 20 di Radiofreccia.

Come un cantante metal

Quando si pensa ad un cantante metal di sicuro il primo nome che viene in mente non è quello di Sting. Il leader dei Police ha pubblicato pochi giorni fa il suo nuovo album di inediti "The Bridge" e, parlando in una recente intervista, ha anche affrontato lo stile del suo canto accomunandosi ai cantanti heavy metal.

Questo per il fatto che quando ha iniziato la sua carriera con i Police, dice l'artista di Newcastle, cercava di cantare utilizzando un registro particolarmente alto per attirare l'attenzione:"Il registro è una cosa interessante. Molti cantanti metal cantano su quelle tonalità, il che fa di me un cantante heavy metal, ma con un po' più di melodia. Però si tratta della stessa cosa. Per cercare di sovrastare il rumore della band hai bisogno di un registro simile, non puoi cantare da baritono in una band rock".

Restando in ambito 'militare', Sting aggiunge che il suo modo di cantare è un po' come quello di un 'sergente maggiore che urla sul campo di battaglia'. " Lo facevano per sovrastare il suono delle armi durante la battaglia. Dovevano essere ascoltati ed è la stessa necessità dei cantanti".

Sting:"Sono un cantante metal con un forte senso melodico"

The Bridge, il nuovo album di Sting

E' uscito il 19 novembre "The Bridge", quindicesimo album in studio di Sting in cui l'ex frontman dei Police unisce stili e generi esplorati dall'artista di Newcastle nel corso della sua carriera.
Il titolo viene spiegato da Sting come la necessità di creare un ponte, un 'bridge' appunto, tra tutte le persone del mondo, sia da un punto di vista fisico che mentale, un ponte tra i differenti stati della mente, un ponte tra la vita e la morte.

Si tratta di una raccolta di canzoni in cui Sting si trova a riflettere sulla perdita personale e la separazione, l'isolamento e sul tumulto sociale e politico in un continuo legame tra gli elementi ma anche tra il passato, il presente e il futuro.

Proprio da questo ultimo concetto prende vita il sound del disco che rappresenta una sorta di raccolta ideale tra tutti i generi utilizzati in carriera. Un mix che va dal rock'n'roll al jazz, dalla classica al folk fino alla musica etnica, un ponte tra epoche e stili anticipato dai singolo 'If It's Love' e 'Rushing Water', attualmente nella Top 20 di Radiofreccia.